Una proposta larghissima per uscire dal lutto e cogliere l’attimo

Se un appello si può aggiungere agli appelli e ai contrappelli che si sono alternati in questi mesi, ebbene è il seguente: diamoci una mossa, diamoci un taglio e cerchiamo di cogliere il momento, l'opportunità che clamorosamente - e chi l'avrebbe mai detto - ci si sta presentando.

Se un appel­lo si può aggiun­ge­re agli appel­li e ai con­trap­pel­li che si sono alter­na­ti in que­sti mesi, ebbe­ne è il seguen­te: dia­mo­ci una mos­sa, dia­mo­ci un taglio e cer­chia­mo di coglie­re il momen­to, l’op­por­tu­ni­tà che cla­mo­ro­sa­men­te — e chi l’a­vreb­be mai det­to — ci si sta pre­sen­tan­do. Pri­ma che, con­clu­se rifles­sio­ni e discus­sio­ni in cor­so da, beh, sem­pre, la fine­stra che si apre ci si chiu­da in fac­cia. Se e quan­do l’of­fer­ta da que­sta par­te del cam­po ha fun­zio­na­to, negli ulti­mi decen­ni, arri­van­do (per­si­no!) a gover­na­re, è per­ché è sta­ta capa­ce di met­te­re in cam­po una visio­ne ampia e inclu­si­va del­la socie­tà, di uni­re quel­le che di fat­to sono mino­ran­ze, fino a tra­sfor­mar­le in mag­gio­ran­za. Dan­do agli elet­to­ri la pos­si­bi­li­tà di sce­glie­re, all’in­ter­no di un ven­ta­glio di inte­res­si diver­si — ma non diver­gen­ti — chi pen­sa­va li avreb­be rap­pre­sen­ta­ti meglio. Non c’è, in que­sto momen­to, nes­sun atto­re tra quel­li in cam­po che pos­sa seria­men­te soste­ne­re di fare altret­tan­to stan­do da solo, e chi lo dice, chi riven­di­ca di ave­re die­tro di sé il popo­lo, e davan­ti le pro­prie pra­te­rie, è sem­pli­ce­men­te uno sciocco.

Non si trat­ta di costrui­re l’en­ne­si­mo car­tel­lo rac­co­gli­tic­cio con evi­den­ti sco­pi elet­to­ra­li, si trat­ta di pre­sen­ta­re in fret­ta un pro­get­to di Gover­no del Pae­se in cui tut­ti sia­no dispo­ni­bi­li a met­te­re in discus­sio­ne qual­co­sa, e però per tut­ti sia pos­si­bi­le con­tri­bui­re: si trat­ta di rin­no­va­re quel­la pro­mes­sa che in que­sti anni, dal­le lar­ghe inte­se in poi, è sta­ta tra­di­ta, e di riot­te­ne­re la fidu­cia di colo­ro che ne sono rima­sti delu­si e per que­sto si sono allon­ta­na­ti. Con­vin­cen­do­li che l’in­ten­to, que­sta vol­ta, è di saper fare di meglio.

È infat­ti pas­sa­to meno di un anno da quan­do il Movi­men­to 5 Stel­le è usci­to dal­le ele­zio­ni poli­ti­che trion­fal­men­te, come il par­ti­to più vota­to, eppu­re quel con­sen­so sem­bra già vec­chio di un seco­lo. Ci sono volu­ti appe­na undi­ci mesi di incre­di­bi­li con­tor­sio­ni, in cui il Mov si è riman­gia­to la paro­la data su un impres­sio­nan­te elen­co di pro­mes­se, per con­ve­nien­za o per­ché irrea­liz­za­bi­li, per cul­mi­na­re con il voto onli­ne di ieri e il sal­va­tag­gio del­l’al­lea­to e arri­va­re così in tem­pi record a una rot­tu­ra sen­ti­men­ta­le e pro­fon­dis­si­ma con il pro­prio elet­to­ra­to.

Qual­cu­no teo­riz­ze­rà che a colo­ro che rice­ve­ran­no il red­di­to di cit­ta­di­nan­za impor­ta poco dei pro­ces­si di Sal­vi­ni, ma è dif­fi­ci­le igno­ra­re la for­tis­si­ma sen­sa­zio­ne che un enor­me baci­no di con­sen­so sia sta­to disin­te­gra­to. Que­sto signi­fi­ca anche un’al­tra cosa, ovve­ro che a que­ste evo­lu­zio­ni rapi­dis­si­me non si può asso­lu­ta­men­te star die­tro con i ritua­li rifles­si­vi e con i bra­di­pi­smi tipi­ci del­la sini­stra. Sareb­be leta­le, e fol­le. Undi­ci mesi fa, men­tre i gril­li­ni festeg­gia­va­no, per tut­te le com­po­nen­ti del fu cen­tro­si­ni­stra suo­na­va la mar­cia fune­bre, e suo­na anco­ra oggi: ma for­se per qual­cun altro. Uscia­mo dal lutto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.