Possibile torna in piazza per il quarto sciopero globale per il clima

Saremo in piazza per il quarto sciopero globale per il clima, il giorno dopo la dichiarazione di emergenza climatica da parte del Parlamento Europeo, per unirci ai ragazzi e alle ragazze e agli adulti che li sostengono nella richiesta di azioni efficaci per affrontare la crisi climatica. 
Clima: studenti romani 'rispondo' ad appello Greta Thunberg, al Colosseo pronta la 'marcia per futuro pianeta'-foto 10

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Sare­mo in piaz­za per il quar­to scio­pe­ro glo­ba­le per il cli­ma, il gior­no dopo la dichia­ra­zio­ne di emer­gen­za cli­ma­ti­ca da par­te del Par­la­men­to Euro­peo, per unir­ci ai ragaz­zi e alle ragaz­ze e agli adul­ti che li sosten­go­no nel­la richie­sta di azio­ni effi­ca­ci per affron­ta­re la cri­si climatica. 

Gli even­ti cli­ma­ti­ci estre­mi di que­sti gior­ni ci dico­no che non si trat­ta di mal­tem­po, come con­ti­nua­no a tito­la­re mol­ti gior­na­li, ma che sia­mo in pie­na cri­si cli­ma­ti­ca, i cui effet­ti sono resi anco­ra più mici­dia­li da anni di poli­ti­che mio­pi e di gran­di ope­re ina­de­gua­te e cemen­ti­fi­ca­zio­ne dal­le con­se­guen­ze drammatiche. 

Il 29 novem­bre sare­mo per­ciò in tut­te le piaz­ze dove si scio­pe­ra per il cli­ma, insie­me a milio­ni di per­so­ne in tut­to il mon­do, che gri­da­no sem­pre più for­te ad orec­chie che sem­bra­no non voler sen­ti­re, come ci dico­no le aule del par­la­men­to vuo­te quan­do è in pro­gram­ma la discus­sio­ne sul tema dell’emergenza cli­ma­ti­ca e ambien­ta­le. Come ci dico­no le rea­zio­ni iste­ri­che di fron­te alla pro­po­sta di appli­ca­re la pla­stic tax (che ora è sta­ta taglia­ta del 70%: la tas­sa, non la pla­sti­ca). Come ci dice l’insufficiente “Decre­to cli­ma” (altro che “Green New Deal”).

Non è il più il momen­to del­le dichia­ra­zio­ni fat­te appo­sta per atte­star­si in una del­le cin­quan­ta sfu­ma­tu­re di ver­de che sem­bra­no aver con­ta­gia­to tut­ti — e mano male, se non fos­se che i fat­ti sten­ta­no a segui­re. È il momen­to di misu­re pos­si­bi­li e neces­sa­rie che dav­ve­ro gover­ni­no il cam­bia­men­to cli­ma­ti­co. È il momen­to di ascol­ta­re i ragaz­zi e le ragaz­ze che doma­ni, anche se è il Black Fri­day, chie­de­ran­no, anco­ra, che il futu­ro inve­ce che nero, sia ver­de. Sul serio.  [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.