Diritti dei bambini: l’assurda battaglia di Giorgia Meloni

Crediamo però che Giorgia Meloni sia stata vittima di un eccesso di semplificazione nel suo post, perché in realtà avrebbe potuto dirci anche che Fratelli d’Italia non ha votato la risoluzione europea perché un intero paragrafo è dedicato a sottolineare come “le disuguaglianze di genere si ripercuotono enormemente sulla qualità di vita dei minori” e che “il genere rimane una delle principali cause di disuguaglianza, esclusione e violenza nel mondo, le cui conseguenze sono ampiamente avvertite dai bambini”. 

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Il 26 novem­bre il Par­la­men­to Euro­peo ha appro­va­to una riso­lu­zio­ne sui dirit­ti del bam­bi­no, in occa­sio­ne del 30° anni­ver­sa­rio del­la “Con­ven­zio­ne sui dirit­ti del fanciullo”. 

Fra­tel­li d’Italia — ci spie­ga Gior­gia Melo­ni, che ha posta­to su Face­book tut­to il suo disap­pun­to — ha vota­to con­tro. Nien­te male dav­ve­ro per un par­ti­to che non per­de occa­sio­ne di osten­ta­re la pro­pria atten­zio­ne ver­so i bam­bi­ni, sfog­gian­do l’intero voca­bo­la­rio del­la destra iden­ti­ta­ria e retro­gra­da: bam­bi­ni (ita­lia­ni), fami­glia (tra­di­zio­na­le), matri­mo­nio (ete­ro­ses­sua­le e il più pos­si­bi­le reli­gio­so). Paro­le dal signi­fi­ca­to posi­ti­vo che ven­go­no stru­men­ta­liz­za­te e uti­liz­za­te per difen­de­re un model­lo di socie­tà oppres­si­vo e patriar­ca­le, in cui liber­tà di scel­ta e di auto­de­ter­mi­na­zio­ne (di tut­ti, ma soprat­tut­to del­le don­ne) non han­no cit­ta­di­nan­za alcuna. 

Come se non bastas­se, aggiun­ge Melo­ni, il Par­la­men­to ha pure boc­cia­to la alt-riso­lu­zio­ne di Fdi in meri­to, pre­fe­ren­do­le quel­la appro­va­ta, cioè, a suo dire, “una fol­le riso­lu­zio­ne per spin­ge­re gli Sta­ti ad intro­dur­re lo ius soli e che par­la, qua­si in ogni capo­ver­so, di LGBTI”. 

Que­sto sì che sareb­be sta­to uno sce­na­rio inte­res­san­te. Una riso­lu­zio­ne che affron­ta, capo­ver­so per capo­ver­so, la que­stio­ne dei mino­ri LGBTI, del­le fami­glie omo­ge­ni­to­ria­li, del­le discri­mi­na­zio­ni che fin dai pri­mi anni di vita col­pi­sco­no le per­so­ne, a vol­te con con­se­guen­ze (fisi­che e psi­co­lo­gi­che) che si por­te­ran­no die­tro per tut­ta la loro vita adulta? 

Andia­mo a leg­ge­re imme­dia­ta­men­te il testo. 

Innan­zi­tut­to, la riso­lu­zio­ne con­ta 14 pagi­ne. 14 pun­ti di pre­mes­sa (con 16 sot­to­pa­ra­gra­fi). Seguo­no 63 pun­ti tra con­si­de­ra­zio­ni di ordi­ne gene­ra­le, poli­ti­che inter­ne e poli­ti­che ester­ne. Dav­ve­ro in qua­si tut­ti si par­la “di LGBTI”?

Effet­ti­va­men­te, in aper­tu­ra il testo cita una riso­lu­zio­ne pre­ce­den­te “del 14 feb­bra­io 2019 sui dirit­ti del­le per­so­ne inter­ses­sua­li”. Poi, scen­den­do rapi­da­men­te fino a pagi­na 10, si tro­va un elen­co di pos­si­bi­li fon­ti di vul­ne­ra­bi­li­tà, tra le qua­li com­pa­io­no quel­le dei “mino­ri LGBTI” e dei “figli di geni­to­ri LGBTI”. E que­sto è quanto.

Non sap­pia­mo che para­gra­fi abbia let­to Gior­gia Melo­ni, ma inte­res­se­reb­be­ro anche a noi. Per esem­pio, avreb­be potu­to leg­ge­re qual­che rife­ri­men­to spe­ci­fi­co ai mino­ri tran­sgen­der, tema che meri­te­reb­be tut­ta l’attenzione pos­si­bi­le. O ai mino­ri LGBTI+ sen­za casa, in pover­tà ed espul­si dal per­cor­so sco­la­sti­co per­ché rifiu­ta­ti dal­le fami­glie. O alla neces­si­tà di for­ni­re soste­gno e for­ma­zio­ne per le fami­glie di mino­ri LGBTI+ per­ché que­sti ulti­mi pos­sa­no cre­sce­re in un ambien­te sicu­ro e posi­ti­vo. E si trat­ta solo di alcu­ni esempi. 

Cre­dia­mo però che Gior­gia Melo­ni sia sta­ta vit­ti­ma di un ecces­so di sem­pli­fi­ca­zio­ne nel suo post, per­ché in real­tà avreb­be potu­to dir­ci anche che Fra­tel­li d’Italia non ha vota­to la riso­lu­zio­ne euro­pea per­ché un inte­ro para­gra­fo è dedi­ca­to a sot­to­li­nea­re come “le disu­gua­glian­ze di gene­re si riper­cuo­to­no enor­me­men­te sul­la qua­li­tà di vita dei mino­ri” e che “il gene­re rima­ne una del­le prin­ci­pa­li cau­se di disu­gua­glian­za, esclu­sio­ne e vio­len­za nel mon­do, le cui con­se­guen­ze sono ampia­men­te avver­ti­te dai bambini”. 

Men­tre un altro “invi­ta gli Sta­ti mem­bri a garan­ti­re il dirit­to a un’i­stru­zio­ne inclu­si­va e ad assi­cu­ra­re l’ac­ces­so a infor­ma­zio­ni esau­sti­ve e ade­gua­te all’e­tà su ses­so e ses­sua­li­tà non­ché l’ac­ces­so ai ser­vi­zi di salu­te ses­sua­le e ripro­dut­ti­va e all’e­du­ca­zio­ne rela­zio­na­le per i

gio­va­ni nel­le scuo­le, in par­ti­co­la­re alla luce del­le misu­re adot­ta­te da alcu­ni pae­si che vie­ta­no alle scuo­le di occu­par­si di orien­ta­men­to ses­sua­le e iden­ti­tà sessuale”. 

Insom­ma, non si pos­so­no tute­la­re i mino­ri dal­le disu­gua­glian­ze di gene­re a col­pi di “Dio, patria e fami­glia” e di una “tra­di­zio­ne” tos­si­ca, in cui le don­ne con­ta­no solo se sono “nostre” ed esse­re madri è l’unica scel­ta a cui si pos­so­no tro­va­re di fron­te. E le scuo­le, più che di cro­ci­fis­si, pre­se­pi e reci­te di Nata­le bibli­ca­men­te cor­ret­te, han­no biso­gno di pro­gram­mi per l’Educazione alle dif­fe­ren­ze, all’affettività e alla ses­sua­li­tà libe­ra e con­sa­pe­vo­le in ogni ordi­ne e gra­do. Per­ché non è mai trop­po pre­sto per ini­zia­re a for­ma­re gene­ra­zio­ni che sia­no in gra­do di guar­da­re all’altro e a sé in manie­ra libe­ra da pre­giu­di­zi e ste­reo­ti­pi e sen­za pen­sa­re che l’odio o la vio­len­za pos­sa­no esse­re stru­men­ti di inte­ra­zio­ne.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.