Diritti dei bambini: l’assurda battaglia di Giorgia Meloni

Crediamo però che Giorgia Meloni sia stata vittima di un eccesso di semplificazione nel suo post, perché in realtà avrebbe potuto dirci anche che Fratelli d’Italia non ha votato la risoluzione europea perché un intero paragrafo è dedicato a sottolineare come “le disuguaglianze di genere si ripercuotono enormemente sulla qualità di vita dei minori” e che “il genere rimane una delle principali cause di disuguaglianza, esclusione e violenza nel mondo, le cui conseguenze sono ampiamente avvertite dai bambini”. 
Governo:Meloni,Renzi alleato poteri forti, avversario onesti

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Il 26 novem­bre il Par­la­men­to Euro­peo ha appro­va­to una riso­lu­zio­ne sui dirit­ti del bam­bi­no, in occa­sio­ne del 30° anni­ver­sa­rio del­la “Con­ven­zio­ne sui dirit­ti del fanciullo”. 

Fra­tel­li d’Italia — ci spie­ga Gior­gia Melo­ni, che ha posta­to su Face­book tut­to il suo disap­pun­to — ha vota­to con­tro. Nien­te male dav­ve­ro per un par­ti­to che non per­de occa­sio­ne di osten­ta­re la pro­pria atten­zio­ne ver­so i bam­bi­ni, sfog­gian­do l’intero voca­bo­la­rio del­la destra iden­ti­ta­ria e retro­gra­da: bam­bi­ni (ita­lia­ni), fami­glia (tra­di­zio­na­le), matri­mo­nio (ete­ro­ses­sua­le e il più pos­si­bi­le reli­gio­so). Paro­le dal signi­fi­ca­to posi­ti­vo che ven­go­no stru­men­ta­liz­za­te e uti­liz­za­te per difen­de­re un model­lo di socie­tà oppres­si­vo e patriar­ca­le, in cui liber­tà di scel­ta e di auto­de­ter­mi­na­zio­ne (di tut­ti, ma soprat­tut­to del­le don­ne) non han­no cit­ta­di­nan­za alcuna. 

Come se non bastas­se, aggiun­ge Melo­ni, il Par­la­men­to ha pure boc­cia­to la alt-riso­lu­zio­ne di Fdi in meri­to, pre­fe­ren­do­le quel­la appro­va­ta, cioè, a suo dire, “una fol­le riso­lu­zio­ne per spin­ge­re gli Sta­ti ad intro­dur­re lo ius soli e che par­la, qua­si in ogni capo­ver­so, di LGBTI”. 

Que­sto sì che sareb­be sta­to uno sce­na­rio inte­res­san­te. Una riso­lu­zio­ne che affron­ta, capo­ver­so per capo­ver­so, la que­stio­ne dei mino­ri LGBTI, del­le fami­glie omo­ge­ni­to­ria­li, del­le discri­mi­na­zio­ni che fin dai pri­mi anni di vita col­pi­sco­no le per­so­ne, a vol­te con con­se­guen­ze (fisi­che e psi­co­lo­gi­che) che si por­te­ran­no die­tro per tut­ta la loro vita adulta? 

Andia­mo a leg­ge­re imme­dia­ta­men­te il testo. 

Innan­zi­tut­to, la riso­lu­zio­ne con­ta 14 pagi­ne. 14 pun­ti di pre­mes­sa (con 16 sot­to­pa­ra­gra­fi). Seguo­no 63 pun­ti tra con­si­de­ra­zio­ni di ordi­ne gene­ra­le, poli­ti­che inter­ne e poli­ti­che ester­ne. Dav­ve­ro in qua­si tut­ti si par­la “di LGBTI”?

Effet­ti­va­men­te, in aper­tu­ra il testo cita una riso­lu­zio­ne pre­ce­den­te “del 14 feb­bra­io 2019 sui dirit­ti del­le per­so­ne inter­ses­sua­li”. Poi, scen­den­do rapi­da­men­te fino a pagi­na 10, si tro­va un elen­co di pos­si­bi­li fon­ti di vul­ne­ra­bi­li­tà, tra le qua­li com­pa­io­no quel­le dei “mino­ri LGBTI” e dei “figli di geni­to­ri LGBTI”. E que­sto è quanto.

Non sap­pia­mo che para­gra­fi abbia let­to Gior­gia Melo­ni, ma inte­res­se­reb­be­ro anche a noi. Per esem­pio, avreb­be potu­to leg­ge­re qual­che rife­ri­men­to spe­ci­fi­co ai mino­ri tran­sgen­der, tema che meri­te­reb­be tut­ta l’attenzione pos­si­bi­le. O ai mino­ri LGBTI+ sen­za casa, in pover­tà ed espul­si dal per­cor­so sco­la­sti­co per­ché rifiu­ta­ti dal­le fami­glie. O alla neces­si­tà di for­ni­re soste­gno e for­ma­zio­ne per le fami­glie di mino­ri LGBTI+ per­ché que­sti ulti­mi pos­sa­no cre­sce­re in un ambien­te sicu­ro e posi­ti­vo. E si trat­ta solo di alcu­ni esempi. 

Cre­dia­mo però che Gior­gia Melo­ni sia sta­ta vit­ti­ma di un ecces­so di sem­pli­fi­ca­zio­ne nel suo post, per­ché in real­tà avreb­be potu­to dir­ci anche che Fra­tel­li d’Italia non ha vota­to la riso­lu­zio­ne euro­pea per­ché un inte­ro para­gra­fo è dedi­ca­to a sot­to­li­nea­re come “le disu­gua­glian­ze di gene­re si riper­cuo­to­no enor­me­men­te sul­la qua­li­tà di vita dei mino­ri” e che “il gene­re rima­ne una del­le prin­ci­pa­li cau­se di disu­gua­glian­za, esclu­sio­ne e vio­len­za nel mon­do, le cui con­se­guen­ze sono ampia­men­te avver­ti­te dai bambini”. 

Men­tre un altro “invi­ta gli Sta­ti mem­bri a garan­ti­re il dirit­to a un’i­stru­zio­ne inclu­si­va e ad assi­cu­ra­re l’ac­ces­so a infor­ma­zio­ni esau­sti­ve e ade­gua­te all’e­tà su ses­so e ses­sua­li­tà non­ché l’ac­ces­so ai ser­vi­zi di salu­te ses­sua­le e ripro­dut­ti­va e all’e­du­ca­zio­ne rela­zio­na­le per i

gio­va­ni nel­le scuo­le, in par­ti­co­la­re alla luce del­le misu­re adot­ta­te da alcu­ni pae­si che vie­ta­no alle scuo­le di occu­par­si di orien­ta­men­to ses­sua­le e iden­ti­tà sessuale”. 

Insom­ma, non si pos­so­no tute­la­re i mino­ri dal­le disu­gua­glian­ze di gene­re a col­pi di “Dio, patria e fami­glia” e di una “tra­di­zio­ne” tos­si­ca, in cui le don­ne con­ta­no solo se sono “nostre” ed esse­re madri è l’unica scel­ta a cui si pos­so­no tro­va­re di fron­te. E le scuo­le, più che di cro­ci­fis­si, pre­se­pi e reci­te di Nata­le bibli­ca­men­te cor­ret­te, han­no biso­gno di pro­gram­mi per l’Educazione alle dif­fe­ren­ze, all’affettività e alla ses­sua­li­tà libe­ra e con­sa­pe­vo­le in ogni ordi­ne e gra­do. Per­ché non è mai trop­po pre­sto per ini­zia­re a for­ma­re gene­ra­zio­ni che sia­no in gra­do di guar­da­re all’altro e a sé in manie­ra libe­ra da pre­giu­di­zi e ste­reo­ti­pi e sen­za pen­sa­re che l’odio o la vio­len­za pos­sa­no esse­re stru­men­ti di inte­ra­zio­ne.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.