“Il mare comincia da qui” — Campagna di sensibilizzazione sull’inquinamento idrico

Ici commence la mer, ne rien jeter. Qui comincia il mare, non buttare niente: è quello che trovate scritto vicino ai tombini a Collioure, un piccolo comune francese nel dipartimento dei Pirenei orientali. La campagna lanciata per sensibilizzare i cittadini sul tema dell’inquinamento del mare appena due anni fa si sta diffondendo anche in Italia.
mare

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Ici com­men­ce la mer, ne rien jeter. Qui comin­cia il mare, non but­ta­re nien­te: è quel­lo che tro­va­te scrit­to vici­no ai tom­bi­ni a Col­liou­re, un pic­co­lo comu­ne fran­ce­se nel dipar­ti­men­to dei Pire­nei orien­ta­li. La cam­pa­gna lan­cia­ta per sen­si­bi­liz­za­re i cit­ta­di­ni sul tema dell’inquinamento del mare appe­na due anni fa si sta dif­fon­den­do anche in Italia.

Asso­cia­zio­ni di cate­go­ria, scuo­le, gran­di mar­chi pro­muo­vo­no la dife­sa del­l’am­bien­te anche a par­ti­re dai pic­co­li gesti, nel­la con­sa­pe­vo­lez­za che quan­to fini­sce in un tom­bi­no arri­va al mare, anche se il tom­bi­no si tro­va a chi­lo­me­tri dal­la costa. Leg­ge­re dove ini­zia il mare, ammo­ni­sce chi leg­ge e avvi­ci­na il pro­ble­ma del­l’in­qui­na­men­to alla nostra quo­ti­dia­ni­tà. La cura del­l’am­bien­te par­te a mon­te, soprat­tut­to dal­le nostre scel­te in ogni ambi­to, solo così potrem­mo spe­ra­re di arri­va­re a val­le sen­za tro­va­re la disca­ri­ca del­la nostra inciviltà.

Non è trop­po tar­di per cam­bia­re rot­ta, ma qua­si: abbia­mo già uno scan­da­lo­so ritar­do, pro­via­mo a rilan­cia­re que­sta cam­pa­gna. Come il gesto di ognu­no di noi può fare la dif­fe­ren­za, anche quel­la dei Comu­ni può risul­ta­re altret­tan­to impor­tan­te. La som­ma­to­ria di tan­ti gesti potreb­be evi­ta­re di far arri­va­re diret­ta­men­te in mare una quan­ti­tà mostruo­sa di rifiu­ti. Per que­sto vi chie­dia­mo di pre­sen­ta­re e dif­fon­de­re nei vostri Comu­ni que­sta mozione.

[LEGGI E SCARICA LA MOZIONE]

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.