Generazione G, una giornata diversa dalle altre

Gli appuntamenti politici non mancano, e anzi in quest'ultimo periodo c'è l'imbarazzo della scelta: ci sono le assemblee di partito - anzi, di partiti - le fondazioni e le associazioni sempre attive, le iniziative di area con il loro giro di relatori, e ovviamente il momento catartico nelle piazze, molto vive in queste ultime settimane.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Per­ché Gene­ra­zio­ne G, saba­to 30 novem­bre in via Ugo Tar­chet­ti 2 all’Hotel NH Mila­no Tou­ring (non al Cen­tro Mar­che­si come pre­ce­den­te­men­te comu­ni­ca­to), è un even­to diver­so dal solito?

PARTECIPA A GENERAZIONE G

Gli appun­ta­men­ti poli­ti­ci non man­ca­no, e anzi in que­st’ul­ti­mo perio­do c’è l’im­ba­raz­zo del­la scel­ta: ci sono le assem­blee di par­ti­to — anzi, di par­ti­ti — le fon­da­zio­ni e le asso­cia­zio­ni sem­pre atti­ve, le ini­zia­ti­ve di area con il loro giro di rela­to­ri, e ovvia­men­te il momen­to catar­ti­co nel­le piaz­ze, mol­to vive in que­ste ulti­me settimane.

Si trat­ta di occa­sio­ni che anche Pos­si­bi­le orga­niz­za, e con­ti­nue­rà a orga­niz­za­re, e a cui par­te­ci­pa, ma que­sta vol­ta abbia­mo pro­va­to a fare qual­co­sa di diver­so. Sic­co­me nel tem­po ci sia­mo resi con­to che la richie­sta di for­ma­zio­ne è sem­pre mol­to alta, abbia­mo quin­di pen­sa­to non al soli­to con­ve­gno con cen­to ospi­ti che inter­ven­go­no per cin­que minu­ti a testa, nel­la neces­si­tà di con­den­sa­re quel che han­no da dire in pochis­si­mi istan­ti, non a una sfi­la­ta per le vie del cen­tro sto­ri­co, ma a una gior­na­ta di stu­dio, in cui a chi par­la è richie­sto di tene­re una vera e pro­pria lezio­ne, di un’o­ra cir­ca. Abbia­mo per­ciò cer­ca­to qual­cu­no con qual­co­sa da dire, insom­ma, maga­ri fuo­ri dal soli­to giro del­la con­ve­gni­sti­ca di sini­stra, e gli abbia­mo chie­sto di spie­gar­ci cosa fa, allac­cian­do­si a un tema — quel­lo gene­ra­zio­na­le — che abbia­mo indi­vi­dua­to per que­sta giornata.

Nel­la spe­ran­za che qual­co­sa riman­ga, in chi par­te­ci­pa, per­ché in que­st’e­po­ca di velo­ci­tà, di pole­mi­che del gior­no da com­men­ta­re sui social, di bache­che e time­li­ne che aggior­nan­do­si can­cel­la­no le que­stio­ni sen­za che vi sia mai il tem­po di appro­fon­dir­le, l’im­pres­sio­ne for­tis­si­ma è che tut­to sci­vo­li via, che si costrui­sca­no e si raf­for­zi­no opi­nio­ni basa­te sul­la super­fi­cia­li­tà, sul­l’im­pres­sio­ne del momen­to. E que­sto non va bene, poi­ché così facen­do si liqui­da­no nel­l’e­mo­ti­vi­tà di un momen­to temi che inve­ce sono gran­di, e richie­do­no cono­scen­za, fati­ca, e un impe­gno che dura nel tem­po. Lo sono cer­ta­men­te quel­li che carat­te­riz­ze­ran­no la gior­na­ta di gene­ra­zio­ne G: la gig eco­no­my e il lavo­ro pri­va­to dei dirit­ti, l’in­te­gra­zio­ne e l’ac­co­glien­za, l’emer­gen­za cli­ma­ti­ca, la cul­tu­ra del­le dif­fe­ren­ze e la pari­tà dei dirit­ti. Non sono cose che si pos­so­no liqui­da­re in cin­que minu­ti di slogan.

Gene­ra­zio­ne G è quin­di un ten­ta­ti­vo con­tro­cor­ren­te, rispet­to al pano­ra­ma attua­le, ma pro­prio per que­sto necessario. 

Noi ci pro­via­mo, come sempre.

PARTECIPA A GENERAZIONE G

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.