No, il Decreto Clima non è un Green New Deal — #IlFirmamento

Dovremmo accettare supinamente che un’etichetta come quella del Green New Deal, che significa in poche parole molto denaro in investimenti pubblici e privati per cambiare - in senso ecologista e neutrale in termini di emissioni di gas climalteranti - il modo di produzione, sia energetico che manufatturiero, nonché incidere profondamente sulle competenze e quindi il sistema educativo, sia ridotta ai contenuti del cd. Decreto Clima o a qualche promessa fatta durante la formazione del governo Conte bis?

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

[ADERISCI A “IL FIRMAMENTO” – CLICCA QUI]

Dovrem­mo accet­ta­re supi­na­men­te che un’etichetta come quel­la del Green New Deal, che signi­fi­ca in poche paro­le mol­to dena­ro in inve­sti­men­ti pub­bli­ci e pri­va­ti per cam­bia­re — in sen­so eco­lo­gi­sta e neu­tra­le in ter­mi­ni di emis­sio­ni di gas cli­mal­te­ran­ti — il modo di pro­du­zio­ne, sia ener­ge­ti­co che manu­fat­tu­rie­ro, non­ché inci­de­re pro­fon­da­men­te sul­le com­pe­ten­ze e quin­di il siste­ma edu­ca­ti­vo, sia ridot­ta ai con­te­nu­ti del cd. Decre­to Cli­ma o a qual­che pro­mes­sa fat­ta duran­te la for­ma­zio­ne del gover­no Con­te bis?

No. La rispo­sta è sec­ca. Non è accettabile.

Se ne è accor­to anche Fer­ruc­cio De Bor­to­li, che in un arti­co­lo di un paio di gior­ni fa sull’inserto L’Economia del Cor­rie­re del­la Sera ha mes­so i let­to­ri in allar­me: «Bonus ver­de, un pia­no a metà». Un po’ tene­ra in aper­tu­ra, la disa­mi­na di De Bor­to­li si con­cen­tra sull’aspetto più rile­van­te del­le poli­ti­che (chia­mia­mo­le così) mes­se in atto dal Mini­ste­ro dell’Ambiente di con­cer­to con Palaz­zo Chi­gi: non si può pro­ce­de­re solo median­te incen­ti­vi e nuo­ve impo­ste edu­ca­ti­ve. 

Dal lato del­le impo­ste, De Bor­to­li sug­ge­ri­sce di non fare il mede­si­mo erro­re degli incen­ti­vi sul­le rin­no­va­bi­li, i cui costi (100 miliar­di in die­ci anni) sono spal­ma­ti nel­la bol­let­ta elet­tri­ca e quin­di li paghia­mo tut­ti, anche i non abbien­ti: «Nes­su­na pro­gres­si­vi­tà, tra­scu­ran­do poi l’obiettivo di far cre­sce­re una filie­ra indu­stria­le ita­lia­na, come avve­nu­to in Ger­ma­nia». L’educazione eco­lo­gi­ca non può esse­re solo il risul­ta­to di un «cal­co­lo eco­no­mi­co». Già, sen­za con­si­de­ra­re che le tas­se cosid­det­te pigou­via­ne (cfr. Arthur Cecil Pigou, l’economista che le ha inven­ta­te), ovve­ro quel­le impo­ste che han­no la fun­zio­ne di cor­reg­ge­re ester­na­li­tà nega­ti­ve, devo­no ten­de­re nel medio/lungo ter­mi­ne a un get­ti­to pari a zero (altri­men­ti non funzionano!).

Anche la car­bon tax dovreb­be ave­re la fun­zio­ne di gui­da­re ver­so la tran­si­zio­ne. Anche la car­bon tax deve ten­de­re a get­ti­to zero. È uno stru­men­to uti­le, ma non può esse­re il solo. Anche la cor­re­zio­ne dei sus­si­di ambien­tal­men­te dan­no­si deve pre­ve­de­re una cir­co­la­ri­tà, ovve­ro le som­me oggi desti­na­te al gaso­lio per auto­tra­zio­ne devo­no tor­na­re ai sog­get­ti che sono più col­pi­ti e usa­te per inve­sti­men­ti rea­li in con­ver­sio­ne eco­lo­gi­ca. Deve esse­re stret­to un pat­to con i pro­dut­to­ri: il tem­po del­le paro­le è fini­to, sia­mo tut­ti sog­get­ti al cam­bia­men­to cli­ma­ti­co, dob­bia­mo agi­re. E per far­lo, in un gio­co a som­ma posi­ti­va per la col­let­ti­vi­tà, i dena­ri altri­men­ti tol­ti pos­so­no esse­re ero­ga­ti per cam­bia­re il siste­ma. De Bor­to­li infat­ti ci avvi­sa: «si rischia di ren­de­re social­men­te poco sop­por­ta­bi­li mos­se rite­nu­te indi­spen­sa­bi­li sot­to il pro­fi­lo ambientale».

Che dire, infi­ne, del­la som­ma risi­bi­le desti­na­ta alla rifo­re­sta­zio­ne? Ognu­no deve fare la sua par­te, è vero: è buo­na pras­si che ogni orga­niz­za­zio­ne valu­ti il pro­prio impat­to in ter­mi­ni di emis­sio­ni di CO2 e, lad­do­ve non rie­sca a ridur­lo modi­fi­can­do i com­por­ta­men­ti e le azio­ni, deb­ba in qual­che modo effet­tua­re le com­pen­sa­zio­ni, ad esem­pio desti­nan­do risor­se a nuo­ve pian­tu­ma­zio­ni. Tut­ta­via, i 30 milio­ni di euro mes­si a dispo­si­zio­ne per­met­to­no di pian­ta­re un nume­ro di albe­ri appe­na suf­fi­cien­te a com­pen­sa­re l’1–1,5% del­la CO2 equi­va­len­te gene­ra­ta dai con­su­mi elet­tri­ci dell’intera Pub­bli­ca amministrazione.

Che fare quin­di? Se gli inter­ven­ti non sono siste­mi­ci, se non pre­ve­do­no impat­ti signi­fi­ca­ti­vi, se non sono pro­get­ta­ti in sen­so cir­co­la­re, ovve­ro in modo che resti­tui­sca­no le risor­se ero­se tra­mi­te nuo­va tas­sa­zio­ne o ridu­zio­ne di incen­ti­vi al fine di avvia­re la tran­si­zio­ne, allo­ra stia­mo per­den­do altro tem­po

Altro che Green New Deal. Stia­mo facen­do un pat­to con il petro­lio.

Davi­de Sera­fin[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.