Politicamp 2017: ai tavoli di lavoro!

Aumentano quotidianamente le iscrizioni ai tavoli che, sabato 15 luglio, lavoreranno a una ulteriore e più precisa definizione delle proposte che andranno a comporre la versione definitiva del Manifesto.
#

Mentre procede la pubblicazione delle schede del Manifesto che Possibile mette a disposizione di tutti, da Boccia a Che Guevara, aumentano quotidianamente le iscrizioni ai tavoli che, sabato 15 luglio, lavoreranno a una ulteriore e più precisa definizione delle proposte che andranno a comporre la versione definitiva del Manifesto, coordinati dal Comitato Scientifico di Possibile.

Oltre 200 iscritti a parlare a nove tavoli, tra i quali figurano persone che si sono particolarmente distinte nel proprio campo. Avremo con noi Giulio Marcon, insieme a Luca Pastorino e Carlo Massironi, al tavolo su economia e lavoro. Francesco Vignarca (Rete Disarmo), Gianfranco Schiavone (ASGI), Antonella Inverno (Save the Children) e Giulia Gori (Mediterranean Hope) al tavolo “Da Dublino al Mediterraneo”. Paula Vivanco Baudet (Italiani senza cittadinanza) e Giuseppe Casucci (UIL) a quello sulla cittadinanza e l’immigrazione. Gianfranco Pasquino, Roberto Zaccaria, insieme ad Andrea Pertici, al tavolo sulla democrazia e giustizia. Vittorio Cogliati Dezza e Francesco Luca Basile al tavolo sulla conversione ecologica, mentre Gianluca Felicetti (Lav), Carla Rocchi (Enpa) a quello sul benessere animale. Marco Almagisti, Vincenzo Vita, Giulio Cavalli al tavolo sulla ricerca e la cultura. Francesco Tinarelli (UDS), Francesco Martinelli (Rete degli Studenti), Cristina Contri al tavolo sulla scuola. Elisabetta Ferrari (Agedo) e Christian Leonardo Cristalli (Gruppo Trans Bologna) Alberto Nicolini (Arcigay) e Antonia Spiezia (Collettivo Livia Bianchi) al tavolo sui diritti. E molti, molti altri che non possiamo citare per ragioni di spazio.

Si siederanno ai nostri e vostri tavoli, alla pari, per fare e ricevere proposte, discuterle e metterle nero su bianco. E lo faranno con la autorevolezza che li contraddistingue, perché ogni proposta dovrà essere affiancata dal conto economico e culturale: non promettiamo riforme campate per aria, ma proposte strutturali (non bonus) che fanno tornare i conti del bilancio dello Stato (e non li fanno saltare). Tra misure spot e misure che non hanno fondamento economico, infatti, esiste un passaggio stretto ma percorribile: questa è la nostra sfida per cambiare radicalmente e realmente le cose.

La partecipazione ai tavoli è assolutamente libera, ma è molto gradita – per ragioni organizzative – l’iscrizione, che potete effettuare cliccando qui.

Il Politicamp, però, non si esaurirà nella giornata di sabato. Cominceremo, anzi, venerdì sera, con l’accoglienza alle 18 e, a seguire, un dialogo sull’Europa tra Elly Schlein, Lorenzo Masili e Pier Virgilio Dastoli. La giornata di sabato sarà inframezzata dall’intervento dell’europarlamentare Ana Gomes, che terrà un corso di politica (e governo) portoghese, e sarà chiusa da Giulio Cavalli, che ci regalerà un’anticipazione del suo nuovo spettacolo teatrale.

Domenica mattina, le conclusioni dei lavori, con Nicola Fratoianni e Roberto Speranza e l’invito esteso sia al Brancaccio che ai Santi Apostoli. Infine, le conclusioni di Giuseppe Civati.

Tante cose da fare, ma anche tanti stimoli per il cervello e per il cuore. Perché la campagna è prima culturale che politica.

Ci vediamo domani, venerdì, a Reggio Emilia!

[Informazioni logistiche]

[Evento Facebook]

  • 132
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati