Politicamp 2017: ai tavoli di lavoro!

Aumentano quotidianamente le iscrizioni ai tavoli che, sabato 15 luglio, lavoreranno a una ulteriore e più precisa definizione delle proposte che andranno a comporre la versione definitiva del Manifesto.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1499928104499{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Mentre pro­ce­de la pub­bli­ca­zio­ne del­le sche­de del Mani­fe­sto che Pos­si­bi­le met­te a dispo­si­zio­ne di tut­ti, da Boc­cia a Che Gue­va­ra, aumen­ta­no quo­ti­dia­na­men­te le iscri­zio­ni ai tavo­li che, saba­to 15 luglio, lavo­re­ran­no a una ulte­rio­re e più pre­ci­sa defi­ni­zio­ne del­le pro­po­ste che andran­no a com­por­re la ver­sio­ne defi­ni­ti­va del Mani­fe­sto, coor­di­na­ti dal Comi­ta­to Scien­ti­fi­co di Possibile.

Oltre 200 iscrit­ti a par­la­re a nove tavo­li, tra i qua­li figu­ra­no per­so­ne che si sono par­ti­co­lar­men­te distin­te nel pro­prio cam­po. Avre­mo con noi Giu­lio Mar­con, insie­me a Luca Pasto­ri­no e Car­lo Mas­si­ro­ni, al tavo­lo su eco­no­mia e lavo­ro. Fran­ce­sco Vignar­ca (Rete Disar­mo), Gian­fran­co Schia­vo­ne (ASGI), Anto­nel­la Inver­no (Save the Chil­dren) e Giu­lia Gori (Medi­ter­ra­nean Hope) al tavo­lo “Da Dubli­no al Medi­ter­ra­neo”. Pau­la Vivan­co Bau­det (Ita­lia­ni sen­za cit­ta­di­nan­za) e Giu­sep­pe Casuc­ci (UIL) a quel­lo sul­la cit­ta­di­nan­za e l’im­mi­gra­zio­ne. Gian­fran­co Pasqui­no, Rober­to Zac­ca­ria, insie­me ad Andrea Per­ti­ci, al tavo­lo sul­la demo­cra­zia e giu­sti­zia. Vit­to­rio Coglia­ti Dez­za e Fran­ce­sco Luca Basi­le al tavo­lo sul­la con­ver­sio­ne eco­lo­gi­ca, men­tre Gian­lu­ca Feli­cet­ti (Lav), Car­la Roc­chi (Enpa) a quel­lo sul benes­se­re ani­ma­le. Mar­co Alma­gi­sti, Vin­cen­zo Vita, Giu­lio Caval­li al tavo­lo sul­la ricer­ca e la cul­tu­ra. Fran­ce­sco Tina­rel­li (UDS), Fran­ce­sco Mar­ti­nel­li (Rete degli Stu­den­ti), Cri­sti­na Con­tri al tavo­lo sul­la scuo­la. Eli­sa­bet­ta Fer­ra­ri (Age­do) e Chri­stian Leo­nar­do Cri­stal­li (Grup­po Trans Bolo­gna) Alber­to Nico­li­ni (Arci­gay) e Anto­nia Spie­zia (Col­let­ti­vo Livia Bian­chi) al tavo­lo sui dirit­ti. E mol­ti, mol­ti altri che non pos­sia­mo cita­re per ragio­ni di spazio.

Si sie­de­ran­no ai nostri e vostri tavo­li, alla pari, per fare e rice­ve­re pro­po­ste, discu­ter­le e met­ter­le nero su bian­co. E lo faran­no con la auto­re­vo­lez­za che li con­trad­di­stin­gue, per­ché ogni pro­po­sta dovrà esse­re affian­ca­ta dal con­to eco­no­mi­co e cul­tu­ra­le: non pro­met­tia­mo rifor­me cam­pa­te per aria, ma pro­po­ste strut­tu­ra­li (non bonus) che fan­no tor­na­re i con­ti del bilan­cio del­lo Sta­to (e non li fan­no sal­ta­re). Tra misu­re spot e misu­re che non han­no fon­da­men­to eco­no­mi­co, infat­ti, esi­ste un pas­sag­gio stret­to ma per­cor­ri­bi­le: que­sta è la nostra sfi­da per cam­bia­re radi­cal­men­te e real­men­te le cose.

La par­te­ci­pa­zio­ne ai tavo­li è asso­lu­ta­men­te libe­ra, ma è mol­to gra­di­ta — per ragio­ni orga­niz­za­ti­ve — l’i­scri­zio­ne, che pote­te effet­tua­re clic­can­do qui.

Il Poli­ti­camp, però, non si esau­ri­rà nel­la gior­na­ta di saba­to. Comin­ce­re­mo, anzi, vener­dì sera, con l’ac­co­glien­za alle 18 e, a segui­re, un dia­lo­go sul­l’Eu­ro­pa tra Elly Schlein, Loren­zo Masi­li e Pier Vir­gi­lio Dasto­li. La gior­na­ta di saba­to sarà infra­mez­za­ta dal­l’in­ter­ven­to del­l’eu­ro­par­la­men­ta­re Ana Gomes, che ter­rà un cor­so di poli­ti­ca (e gover­no) por­to­ghe­se, e sarà chiu­sa da Giu­lio Caval­li, che ci rega­le­rà un’an­ti­ci­pa­zio­ne del suo nuo­vo spet­ta­co­lo tea­tra­le.

Dome­ni­ca mat­ti­na, le con­clu­sio­ni dei lavo­ri, con Nico­la Fra­to­ian­ni e Rober­to Spe­ran­za e l’in­vi­to este­so sia al Bran­cac­cio che ai San­ti Apo­sto­li. Infi­ne, le con­clu­sio­ni di Giu­sep­pe Civati.

Tan­te cose da fare, ma anche tan­ti sti­mo­li per il cer­vel­lo e per il cuo­re. Per­ché la cam­pa­gna è pri­ma cul­tu­ra­le che poli­ti­ca.

Ci vedia­mo doma­ni, vener­dì, a Reg­gio Emilia!

[Infor­ma­zio­ni logistiche]

[Even­to Facebook]

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.