Due anni di Buona scuola possono bastare

La Scuola Pubblica Statale è in ginocchio, sommersa di burocrazia, privata di fondi strutturali che sempre in maggiori quantità vengono indirizzati alle scuole private, affossata da meccanismi farraginosi che regoleranno il reclutamento degli insegnanti

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1500013562130{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Il 13 Luglio 2015 è sta­ta pub­bli­ca­ta in Gaz­zet­ta Uffi­cia­le la L. 107 “Rifor­ma del siste­ma nazio­na­le di istru­zio­ne e for­ma­zio­ne e dele­ga per il rior­di­no del­le dispo­si­zio­ni legi­sla­ti­ve vigen­ti”, meglio cono­sciu­ta come “La Buo­na Scuola”.

Due anni. Due anni in cui Pos­si­bi­le ha espres­so tut­ta la sua con­tra­rie­tà ad una rifor­ma fat­ta solo sul­la car­ta, sen­za ascol­ta­re né gli alun­ni e le loro fami­glie, né il per­so­na­le del­la scuo­la, né i Sin­da­ca­ti, una rifor­ma fat­ta in fret­ta ma in tem­po per anda­re all’incasso del con­sen­so elet­to­ra­le del­le Regionali.

Ce lo ricor­dia­mo tut­ti il prof. Ren­zi alla lava­gna con cami­cia bian­ca e ges­set­ti colo­ra­ti snoc­cio­la­re sor­ri­den­te le mera­vi­glie del­la sua rifor­ma epocale.

Abbia­mo però dovu­to con­sta­ta­re che ave­va­mo ragio­ne, già quan­do in poche set­ti­ma­ne rac­co­gliem­mo miglia­ia di fir­me per gli otto que­si­ti refe­ren­da­ri, con una pre­sen­za ina­spet­ta­ta di per­so­ne che, ai ban­chet­ti, cer­ca­va­no un modo per urla­re il loro no sugli temi più signi­fi­ca­ti­vi del­le rifor­me renziane.

Dopo due anni, al di là di un’analisi spe­ci­fi­ca dei vari aspet­ti del­la L. 107 che si sono rive­la­ti fal­li­men­ta­ri, una con­si­de­ra­zio­ne spic­ca su tut­te: la Scuo­la Pub­bli­ca Sta­ta­le è in ginoc­chio, som­mer­sa di buro­cra­zia, pri­va­ta di fon­di strut­tu­ra­li che sem­pre in mag­gio­ri quan­ti­tà ven­go­no indi­riz­za­ti alle scuo­le pri­va­te (in bar­ba alla Costi­tu­zio­ne che ne con­sen­te l’esistenza “sen­za one­ri per lo Sta­to”), affos­sa­ta da mec­ca­ni­smi far­ra­gi­no­si che rego­le­ran­no il reclu­ta­men­to degli inse­gnan­ti chia­ma­ti a stu­dia­re mol­ti anni dopo la lau­rea, in un per­cor­so che ingras­sa le cas­se degli ate­nei e svuo­ta le tasche degli aspi­ran­ti docen­ti, che nel trien­nio di tiro­ci­nio for­ma­ti­vo per­ce­pi­ran­no cir­ca 600 euro lor­di di sti­pen­dio, alme­no il pri­mo anno.

Le scuo­le col­las­sa­no tra aule ina­gi­bi­li, inse­gnan­ti-pedi­ne che cam­bia­no con­ti­nua­men­te gra­zie ad una mobi­li­tà raf­faz­zo­na­ta che anco­ra tra­sci­na — e chis­sà per quan­ti altri anni! — gli erro­ri di un algo­rit­mo scel­le­ra­to, segre­te­rie in sof­fe­ren­za di orga­ni­co di per­so­na­le tec­ni­co-ammi­ni­stra­ti­vo che deve far fron­te a sca­den­ze sem­pre più strin­gen­ti e sof­fo­ca in atte­sa dell’ennesimo rin­vio del Miur, che arri­va ine­so­ra­bil­men­te il gior­no pri­ma del­la scadenza.

Ma i diri­gen­ti-mana­ger, quel­li su cui la Buo­na­scuo­la ha sca­ri­ca­to tut­te le respon­sa­bi­li­tà, inve­sten­do­li del pote­re di deci­de­re per il miglior fun­zio­na­men­to dell’azienda-scuola, cosa ne pensano?

E’ di ieri la noti­zia che 426 diri­gen­ti sco­la­sti­ci han­no scrit­to alla Mini­stra Fede­li per comu­ni­car­le che non effet­tue­ran­no la chia­ma­ta diret­ta degli inse­gnan­ti, dele­ghe­ran­no que­sta incom­ben­za agli Uffi­ci Sco­la­sti­ci Pro­vin­cia­li che già stan­no esplo­den­do, tra ricor­si e adem­pi­men­ti che si rincorrono.

426 no, Mini­stra, agli sti­pen­di ridi­co­li rispet­to ad una mole di lavo­ro e respon­sa­bi­li­tà sem­pre più gra­vo­sa, ai con­cor­si bloc­ca­ti per DSGA e Diri­gen­ti, un bel rispar­mio per lo Sta­to che potrà elar­gi­re sem­pre più risor­se alle scuo­le private.

Il gio­chi­no si sta rom­pen­do, le cre­pe par­to­no dal­la base di alun­ni e docen­ti stan­chi di non poter­si sof­fer­ma­re sul­la fun­zio­ne edu­ca­ti­va e for­ma­ti­va che la Scuo­la gior­no dopo gior­no ha smar­ri­to, ma anche dall’alto di un’amministrazione loca­le e diri­gen­ti che rin­cor­ro­no il tem­po, quel­lo che non han­no mai abba­stan­za per svol­ge­re sere­na­men­te il pro­prio lavoro.

Dei man­ca­ti inve­sti­men­ti, del­la loro cen­tra­li­tà nell’agenda poli­ti­ca, faran­no le spe­se anco­ra una vol­ta bam­bi­ni e ragaz­zi, sem­pre più avvol­ti in una spi­ra­le di mec­ca­ni­smi che li sospin­go­no ver­so una scuo­la divi­si­va, tal­vol­ta ghet­tiz­zan­te, che vede in aggua­to i peri­co­li dell’abban­do­no sco­la­sti­co, sem­pre più distan­ti dai valo­ri di una scuo­la lai­ca ed egua­li­ta­ria scol­pi­ti nel­la nostra Costituzione.

Ed è pro­prio alla Scuo­la del­la Costi­tu­zio­ne che desi­de­ria­mo tor­na­re: saba­to 15 luglio, al Poli­ti­camp avre­mo modo di con­fron­tar­ci anco­ra una vol­ta per scri­ve­re insie­me la nostra pro­po­sta di Scuo­la Pos­si­bi­le, che pos­sa guar­da­re al futu­ro sen­za per­de­re di vista i valo­ri del passato.

Vi aspet­tia­mo nume­ro­si al tavo­lo del­la scuo­la, a par­ti­re dal­le 9.30.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.