PNRR: la transizione ecologica, questa sconosciuta

Il Governo ci sta dicendo che sui cambiamenti climatici, e quindi sulla riduzione delle emissioni, abbiamo perso. Stiamo rassegnandoci alla crisi climatica e stiamo arrendendoci. Ci dobbiamo concentrare solo sulla mitigazione delle conseguenze e basta.

Leg­ge­re il PNRR è una delu­sio­ne con­ti­nua. La pri­ma arri­va qua­si subi­to, dopo le pre­mes­se del Pre­si­den­te del Con­si­glio. «Il pila­stro del­la tran­si­zio­ne ver­de discen­de diret­ta­men­te dal­lo Euro­pean Green Deal», è scrit­to. Poche righe dopo vie­ne riba­di­to che «tut­ti gli inve­sti­men­ti e le rifor­me pre­vi­ste da tali pia­ni devo­no rispet­ta­re il prin­ci­pio del non arre­ca­re dan­ni signi­fi­ca­ti­vi all’ambiente». Ma il cosid­det­to pila­stro del­la tran­si­zio­ne ver­de non sem­bra mol­to sta­bi­le. Nel PNRR non si par­la di natu­ra e bio­di­ver­si­tà e la loro sal­va­guar­dia è cru­cia­le nel­la tran­si­zio­ne. Sia­mo solo di fron­te alla sesta estin­zio­ne di mas­sa, cosa vole­te che sia. Le ulti­me due righe cita­te, inve­ce, sono emble­ma­ti­che di come que­sto docu­men­to è sta­to redat­to. Vedre­mo nel segui­to di que­ste righe le evi­den­ze a sup­por­to. La secon­da delu­sio­ne arri­va appe­na dopo, quan­do ini­zia la par­te rela­ti­va alla ‘Mis­sio­ne 2’ sul­la rivo­lu­zio­ne ver­de e la tran­si­zio­ne eco­lo­gi­ca. Vi tro­va­te ora di fron­te a un lun­go elen­co di prin­ci­pi gene­ra­li che più gene­ra­li non si può. Chi potrà mai esse­re con­tra­rio ai prin­ci­pi gene­ra­li? La ter­za delu­sio­ne, infi­ne, arri­va men­tre entra­te nel meri­to del­le que­stio­ni sul­la tran­si­zio­ne eco­lo­gi­ca: il nostro pae­se vie­ne rac­con­ta­to come una real­tà soli­da e affer­ma­ta rispet­to alla media dei pae­si euro­pei. In più di una occa­sio­ne, l’Italia vie­ne descrit­ta come l’avanguardia in Euro­pa sul­le poli­ti­che ver­di. Pec­ca­to poi che la real­tà sia ben diver­sa. Abbia­mo più auto­mo­bi­li di tut­ti e abbia­mo le ver­sio­ni più vec­chie. Quan­to alle mer­ci su rota­ia, sia­mo ben lun­gi dagli obiet­ti­vi rag­giun­ti negli altri pae­si. Nel Pia­no si ven­ti­la l’idea che, costruen­do più fer­ro­vie e invo­glian­do (non si sa come) l’uso del­le stes­se, si con­tri­bui­rà alla decar­bo­niz­za­zio­ne del pae­se, addi­rit­tu­ra aumen­tan­do la com­pe­ti­ti­vi­tà del Mez­zo­gior­no. Sull’economia cir­co­la­re descri­ver­ci come più bra­vi e al di sopra del­le medie euro­pee stri­de con le evi­den­ze del­le dispa­ri­tà esi­sten­ti tra le Regio­ni ita­lia­ne. Pec­ca­to che di mano­vre con­cre­te, con finan­zia­men­ti cer­ti e sicu­ri, con obiet­ti­vi e tra­guar­di rag­giun­gi­bi­li (entro il 2026…) non vi sia trac­cia nel testo. D’altronde, chi potreb­be esse­re con­tro la pro­gres­si­va decar­bo­niz­za­zio­ne di tut­ti i set­to­ri pro­dut­ti­vi? Oppu­re chi si potrà mai dichia­ra­re con­tro l’accelerazione dell’efficientamento ener­ge­ti­co e l’incremento di ener­gia da fon­ti rin­no­va­bi­li? Nes­su­no, ovvia­men­te. Alme­no non colo­ro che aper­ta­men­te sosten­go­no il gover­no. Sia­mo pur­trop­po anco­ra al livel­lo del­la dis­ser­ta­zio­ne teo­ri­ca men­tre avrem­mo biso­gno di pia­ni­fi­ca­zio­ne ese­cu­ti­va. Il pro­ble­ma non risie­de solo nel Dra­ghi che c’è ora, ma nel Dra­ghi che avreb­be dovu­to esse­re, nel Dra­ghi che non c’era pri­ma, e in quel­lo che non ci sarà dopo. Le pia­ni­fi­ca­zio­ni si costrui­sco­no negli anni, con valu­ta­zio­ni di impat­to ade­gua­te – a tut­ti i livel­li. Lo sco­ra­men­to sale repen­ti­no nel let­to­re del PNRR. Sare­ste ten­ta­ti di lascia­re, di mol­la­re il pli­co sul tavo­lo. Ma lo scon­for­to, misto ad arrab­bia­tu­ra, vi coglie­rà di sor­pre­sa, appe­na dopo aver let­to gli obiet­ti­vi gene­ra­li del­la Rivo­lu­zio­ne Ver­de e del­la Tran­si­zio­ne Eco­lo­gi­ca. Testual­men­te: «Pur essen­do l’ulteriore aumen­to del riscal­da­men­to cli­ma­ti­co ormai ine­vi­ta­bi­le, è asso­lu­ta­men­te neces­sa­rio inter­ve­ni­re il pri­ma pos­si­bi­le per miti­ga­re que­sti feno­me­ni ed impe­di­re il loro peg­gio­ra­men­to su sca­la. Ser­ve una radi­ca­le tran­si­zio­ne eco­lo­gi­ca ver­so la com­ple­ta neu­tra­li­tà cli­ma­ti­ca e lo svi­lup­po ambien­ta­le soste­ni­bi­le per miti­ga­re le minac­ce a siste­mi natu­ra­li e uma­ni.» Il Gover­no ci sta dicen­do che sui cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci, e quin­di sul­la ridu­zio­ne del­le emis­sio­ni, abbia­mo per­so. Stia­mo ras­se­gnan­do­ci alla cri­si cli­ma­ti­ca e stia­mo arren­den­do­ci. Ci dob­bia­mo con­cen­tra­re solo sul­la miti­ga­zio­ne del­le con­se­guen­ze e basta. È per que­sta ragio­ne che nei pia­ni del gover­no è del tut­to assen­te una stra­te­gia per la ridu­zio­ne del­le emis­sio­ni cli­mal­te­ran­ti? È per que­sto che si pre­fe­ri­sce il gas natu­ra­le alle rin­no­va­bi­li? La scel­ta radi­ca­le sui nostri sti­li di vita, per il benes­se­re del­le gene­ra­zio­ni futu­re, tan­to invo­ca­ta dal gio­va­ni di tut­to il mon­do nei Fri­days For Futu­re, non c’è. Il dan­no più gra­ve è l’aver inclu­so nel testo, a par­zia­le scu­san­te del ritar­do nell’aver con­te­stua­liz­za­to il pro­ble­ma del­la cri­si cli­ma­ti­ca, la cri­ti­ca ai lac­ci del­la imman­ca­bi­le buro­cra­zia: […] la tran­si­zio­ne sta avve­nen­do trop­po len­ta­men­te, prin­ci­pal­men­te a cau­sa del­le enor­mi dif­fi­col­tà buro­cra­ti­che ed auto­riz­za­ti­ve che riguar­da­no in gene­ra­le le infra­strut­tu­re in Ita­lia, ma che in que­sto con­te­sto han­no fre­na­to il pie­no svi­lup­po di impian­ti rin­no­va­bi­li o di trat­ta­men­to dei rifiu­ti. Ma cer­to, la col­pa del­la man­ca­ta tran­si­zio­ne è da ricer­car­si nel­le pro­ce­du­re del­le valu­ta­zio­ni ambien­ta­li, un vero fre­no allo svi­lup­po ver­de, come no? In que­sto pae­se man­ca del tut­to l’idea di uno svi­lup­po armo­ni­co al con­te­sto ambien­ta­le e cli­ma­ti­co. Quan­do si par­la di infra­strut­tu­re, si trat­ta qua­si sem­pre di abu­si, di ulte­rio­re cemen­to, di pon­ti sul­lo Stret­to, di poten­zia­men­to di aero­por­ti (fon­te mol­to inqui­nan­te in rife­ri­men­te ai gas cli­mal­te­ran­ti), oppu­re di tri­vel­la­zio­ni in Adria­ti­co, dei son­dag­gi nel Par­co del Bei­gua alla ricer­ca del tita­nio, del rad­dop­pio del­le Cen­tra­li di Pre­sen­za­no o del­la fin­ta con­ver­sio­ne di Por­to Mar­ghe­ra, e via discor­ren­do. La “tran­si­zio­ne buro­cra­ti­ca” dovreb­be con­si­ste­re in un pac­chet­to di rifor­me dei pro­ces­si auto­riz­za­ti­vi. Il rischio è che in nome di una tran­si­zio­ne eco­lo­gi­ca si andran­no ad inde­bo­li­re tut­ti i pas­sag­gi e le pro­ce­du­re dove le “con­si­de­ra­zio­ne ambien­ta­li” sono ana­liz­za­te. Si par­la di una nuo­va pro­ce­du­ra di VIA (Valu­ta­zio­ne di Impat­to Ambien­ta­le), più snel­la e velo­ce. Men­tre sareb­be oppor­tu­no ini­zia­re a con­si­de­ra­re seria­men­te que­sti stru­men­ti come fun­zio­na­li allo svi­lup­po soste­ni­bi­le e non come un limi­te allo svi­lup­po eco­no­mi­co. È pro­prio per la cri­si cli­ma­ti­ca che le pro­ce­du­re di valu­ta­zio­ne degli impat­ti ambien­ta­li andreb­be­ro raf­for­za­te, inclu­den­do in esse le pro­ie­zio­ni sul­le varia­zio­ni del cli­ma nel­le ana­li­si. In meri­to al model­lo dell’economia cir­co­la­re, il gover­no sem­bra anco­ra pro­pen­de­re per la crea­zio­ne di altri “impian­ti di gestio­ne dei rifiu­ti” (sono pre­vi­sti 1,5 miliar­di di euro ma non è spe­ci­fi­ca­to esat­ta­men­te per cosa… si trat­ta for­se di ince­ne­ri­to­ri?) inve­ce di avvia­re poli­ti­che di ridu­zio­ne dei rifiu­ti. Tra l’altro, gli impian­ti da rea­liz­zar­si sareb­be­ro col­lo­ca­ti lad­do­ve le per­cen­tua­li di rac­col­ta dif­fe­ren­zia­ta sono mag­gio­ri. Il resto è riman­da­to all’adozione di una Stra­te­gia nazio­na­le per l’economia cir­co­la­re, entro il giu­gno 2022. Evi­den­te­men­te pos­sia­mo anco­ra aspettare…Altri 600 milio­ni sono dispo­sti per ini­zia­ti­ve “faro” sem­pre in mate­ria di eco­no­mia cir­co­la­re. Ma il dub­bio è che si trat­ti di azio­ni estem­po­ra­nee, non dura­tu­re nel tem­po. In mate­ria di pro­du­zio­ne ener­ge­ti­ca, coglia­mo posi­ti­va­men­te lo stan­zia­men­to di 2 miliar­di per lo svi­lup­po del­le comu­ni­tà ener­ge­ti­che; mag­gio­ri per­ples­si­tà inve­ce per gli 1,92 miliar­di desti­na­ti al bio­me­ta­no (in pas­sa­to gli incen­ti­vi per i bio­di­ge­sto­ri non han­no bril­la­to per effi­cien­za). Non v’è trac­cia né del sola­re, né del foto­vol­tai­co, alme­no non nel sen­so spe­ra­to del­la crea­zio­ne di una rete di impian­ti. Il resto è dedi­ca­to allo svi­lup­po dell’idrogeno (3,19 miliar­di, di cui 2 desti­na­ti ai set­to­ri cosid­det­ti hard-to-aba­te) e alla mobi­li­tà (ben 8 miliar­di, la mag­gior par­te assor­bi­ti dall’Alta Velo­ci­tà). Alla mobi­li­tà cicla­bi­le sono desti­na­ti appe­na 600 milio­ni. Nel testo si desti­na­no fon­di per la digi­ta­liz­za­zio­ne dei par­chi, men­tre que­sti avreb­be­ro biso­gno di ulte­rio­ri stan­zia­men­ti per com­pie­re appie­no la pro­pria mis­sio­ne, cioè quel­la di con­trol­la­re e sal­va­guar­da­re il ter­ri­to­rio loro affi­da­to poten­zian­do e con­ser­van­do la bio­di­ver­si­tà. Il PNRR era l’ultima occa­sio­ne per cam­bia­re que­sto pae­se e sal­va­guar­dar­lo dagli effet­ti nefa­sti del­la cri­si cli­ma­ti­ca. Non sap­pia­mo più come dir­lo, ma il tem­po è scaduto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.