9 maggio, Festa dell’Europa

bandiera europa

9 maggio, Festa dell’Europa.

Nasce il gruppo di studio e lavoro dedicato alla nostra Europa e alle sfide del futuro.

E ce ne sono molte da affrontare.

La crisi sanitaria, innanzitutto, che ha dimostrato l’importanza della cooperazione, anche a livello internazionale, per sconfiggere un virus che ha sconvolto le vite di tutte e tutti.

La crisi climatica, che va affrontata subito, perché il tempo sta scadendo e il futuro – il nostro futuro e quello di chi verrà dopo di noi – è sempre più incerto.

La crisi migratoria, una tragedia umanitaria che l’Europa ha per troppo tempo ignorato, voltando le spalle a migliaia e migliaia di persone abbandonate sui nostri confini.

Le sfide principali della nostra epoca, hanno natura transnazionale e possono unicamente essere risolte se affrontate a livello europeo e globale. Lo affermavano già Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi nel loro, nostro Manifesto di Ventotene nel 1944. Ed è su questo progetto che intendiamo lavorare per aggiungere tasselli fondamentali per un’Europa libera ed unita.

E poi il lavoro e i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori, perché la dignità non conosce confini.

Ma anche l’istruzione e la cultura, l’università e la ricerca, che appartengono a tuttə.

Su questi temi, fondamentali per il nostro avvenire, un’Europa federale potrebbe permettere migliori sinergie e maggiori investimenti.

Per tutti questi motivi, e per tanti altri ancora, è fondamentale porre le basi di una profonda riforma istituzionale dell’UE, a partire dal superamento della preminenza della logica intergovernativa (in particolare della regola dell’unanimità) che blocca ogni riforma e rompe la solidarietà in particolare in materia economica, sociale, di immigrazione, di bilancio e di politica estera. Inoltre si dovrebbero conferire al Parlamento europeo pieni poteri legislativi in tutti i settori. Infine in un contesto di rafforzamento del principio di sussidiarietà, è necessario coinvolgere adeguatamente vari livelli di governo (locale, regionale, nazionale ed europeo).

La costruzione dell’Europa del futuro doveva essere l’oggetto della Conferenza sul futuro dell’Europa che si apre ufficialmente proprio oggi. Nonostante le sue ambizioni siano state molto ridotte rispetto alle aspettative iniziali, è importante che tuttə quantə partecipiamo a questa grande consultazione.

Parliamone, discutiamone, confrontiamoci, ma non dimentichiamo mai chi c’è al centro del nostro progetto: le persone.

Proprio nel periodo più buio, in cui abbiamo imparato a mantenere le distanze, abbiamo anche scoperto quanto è importante collaborare, cooperare, sostenerci a vicenda, per costruire insieme un futuro sostenibile, senza confini, senza barriere – fisiche, ma anche sociali ed economiche.

Ed è così che deve essere l’Europa: federale, solidale, equa, giusta, aperta al mondo, che appartenga alle cittadine e ai cittadini. 

Noi ci crediamo.

Per unirti a noi, e partecipare a questo nuovo gruppo di lavoro sull’Europa, invia una mail a 👉 [email protected]

 

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait