Piccole e forti riforme costituzionali condivise di fine legislatura

Durante la campagna per il referendum costituzionale avevamo detto – con altri sostenitori del NO – che la revisione costituzionale del governo Renzi era una cattiva riforma ma che altre modifiche della Costituzione, leggere e condivise, sarebbero state possibili. Anzi, utili.

Duran­te la cam­pa­gna per il refe­ren­dum costi­tu­zio­na­le ave­va­mo det­to – con altri soste­ni­to­ri del NO – che la revi­sio­ne costi­tu­zio­na­le del gover­no Ren­zi era una cat­ti­va rifor­ma ma che altre modi­fi­che del­la Costi­tu­zio­ne, leg­ge­re e con­di­vi­se, sareb­be­ro sta­te pos­si­bi­li. Anzi, utili.

In un docu­men­to fir­ma­to dal sot­to­scrit­to con Gian­fran­co Pasqui­no, Mau­ri­zio Viro­li e Rober­to Zac­ca­ria e imme­dia­ta­men­te ripre­so da Civa­ti per Pos­si­bi­le e da D’Alema con Ita­lia­nieu­ro­pei ave­va­mo indi­ca­to pre­ci­sa­men­te i pun­ti per alcu­ni inter­ven­ti chi­rur­gi­ci sul­la Costi­tu­zio­ne, al fine di miglio­rar­ne il fun­zio­na­men­to (pur nel­la con­vin­zio­ne che que­sto avven­ga anche attra­ver­so inter­ven­ti legi­sla­ti­vi e sui rego­la­men­ti parlamentari).

Dopo la sono­ra boc­cia­tu­ra del­la revi­sio­ne costi­tu­zio­na­le Ren­zi-Boschi, nel refe­ren­dum del 4 dicem­bre, però, sem­bra che si pre­fe­ri­sca par­la­re d’altro: “rifor­me costi­tu­zio­na­li chi?”. L’attenzione è tut­ta con­cen­tra­ta sul­la data del voto, che – anco­ra una vol­ta – por­ta via solo tem­po. Inve­ce, essen­do­ci un Par­la­men­to legit­ti­ma­men­te ope­ran­te (come dice­va­no a squar­cia gola tut­ti i soste­ni­to­ri del­la rifor­ma costi­tu­zio­na­le) e un Gover­no for­te quan­to il pre­ce­den­te (aven­do la stes­sa mag­gio­ran­za e gli stes­si mini­stri), sareb­be il caso di dedi­ca­re il tem­po rima­nen­te del­la legi­sla­tu­ra per fare il più pos­si­bi­le. Ad esem­pio, chi ha più sapu­to nul­la del con­flit­to di inte­res­si? E dell’eutanasia? E la leg­ge sul­la con­cor­ren­za? E… le rifor­me costi­tu­zio­na­li leg­ge­re e condivise?

Ci sono alcu­ni inter­ven­ti sul­la Costi­tu­zio­ne che pro­prio a fine legi­sla­tu­ra e in vista anche del­le pros­si­me ele­zio­ni avreb­be­ro par­ti­co­lar­men­te senso.

Il pri­mo e più impor­tan­te – cer­ta­men­te quel­lo ogget­to del­le mag­gio­ri pro­mes­se da par­te del­le for­ze poli­ti­che duran­te la pre­ce­den­te cam­pa­gna elet­to­ra­le – è la ridu­zio­ne del nume­ro dei depu­ta­ti e dei sena­to­ri. Una ridu­zio­ne equi­li­bra­ta, come indi­ca­to nel cita­to docu­men­to, che con­sen­ta un miglio­re fun­zio­na­men­to del­le Came­re e una ridu­zio­ne dei loro costi (che comun­que sareb­be rea­liz­za­to soprat­tut­to da un inter­ven­to su inden­ni­tà, rim­bor­si e vita­li­zi o trat­ta­men­ti pen­sio­ni­sti­ci, come abbia­mo pro­po­sto con appo­si­to pro­get­to di leg­ge). Ecco per­ché nel­le pros­si­me ore depo­si­te­re­mo una pro­po­sta di leg­ge di revi­sio­ne costi­tu­zio­na­le che por­te­rà il nume­ro com­ples­si­vo dei par­la­men­ta­ri a set­te­cen­to (tren­ta in meno del­la rifor­ma costi­tu­zio­na­le del gover­no Ren­zi): 470 depu­ta­ti e 230 sena­to­ri, man­te­nen­do equi­li­brio e rap­pre­sen­tan­za e miglio­ran­do effi­cien­za e costi.

Con la stes­sa pro­po­sta di leg­ge di revi­sio­ne costi­tu­zio­na­le miria­mo anche a far eleg­ge­re il Sena­to a tut­ti i mag­gio­ren­ni (eli­mi­nan­do il limi­te dei ven­ti­cin­que anni per l’elettorato atti­vo), ridu­cen­do così il rischio di mag­gio­ran­ze diver­se nel­le due Came­re (soprat­tut­to se non esco­gi­ta­no leg­gi che, come il Por­cel­lum, sem­bra­no fat­te appo­sta per crea­re il pro­ble­ma) e rispon­den­do a quel desi­de­rio di par­te­ci­pa­zio­ne che è risul­ta­to visi­bi­le il 4 dicem­bre. In effet­ti, men­tre con quel­la rifor­ma costi­tu­zio­na­le il voto del Sena­to veni­va tol­to a tut­ti, con la nostra pro­po­sta vie­ne dato a tut­ti i mag­gio­ren­ni.

Si trat­ta di un pri­mo, ma impor­tan­te pun­to, al qua­le per noi pos­so­no segui­re gli altri indi­ca­ti nel ricor­da­to docu­men­to e già con­di­vi­si, a par­ti­re dall’inter­ven­to amplia­ti­vo del­la demo­cra­zia diret­ta con l’abbas­sa­men­to del quo­rum per il refe­ren­dum abro­ga­ti­vo e una vera e pro­pria garan­zia di mes­sa in vota­zio­ne (par­la­men­ta­re o popo­la­re) del­le pro­po­ste di leg­ge di ini­zia­ti­va popo­la­re, secon­do quan­to già ave­va­mo pro­po­sto con un pro­get­to di revi­sio­ne costi­tu­zio­na­le, stra­vol­to e poi assor­bi­to dal­la rifor­ma costi­tu­zio­na­le respin­ta dai cittadini.

Insom­ma, il fina­le di legi­sla­tu­ra potreb­be esse­re pro­fi­cuo per alcu­ne pic­co­le, ma for­ti, rifor­me costi­tu­zio­na­li con­di­vi­se, per­ché – come scri­via­mo ne “La Costi­tu­zio­ne spez­za­ta” (Lin­dau, 2016), ripren­den­do Piz­zo­rus­so – sono le “gran­di rifor­me” le nemi­che del­le rifor­me che ser­vo­no.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.