Perché poi, alla lunga, ci si stanca

Da quando è iniziata l’attività estrattiva intensiva e industriale dei giacimenti di idrocarburi, dapprima in val Basento e successivamente in val d’Agri, la Basilicata ha perso più di 60.000 abitanti, il 10 per cento della popolazione.

Non so se sia dav­ve­ro per pau­ra del­le con­te­sta­zio­ni, come scri­ve Ange­la Mau­ro sull’Huf­fing­ton Post, che Ren­zi abbia deci­so di rinun­cia­re ad anda­re a Mate­ra. D’altronde, è pos­si­bi­le: nem­me­no ad Arez­zo il gover­no si è fat­to vede­re più di tan­to dopo i fat­ti di Ban­ca Etru­ria, e lì, come dire, gio­ca­va­no in casa. Alla lati­tu­di­ne dei Sas­si, inve­ce, il pre­si­den­te del Con­si­glio è un po’ in tra­sfer­ta, mol­to, se si pen­sa che nes­sun mini­stro del suo par­ti­to (a meno che non sia da anno­ve­rar­vi Alfa­no) è nato a sud del Vol­tur­no. So, inve­ce, che la stan­chez­za è tan­ta. Quel­la di dover vede­re una clas­se diri­gen­te che veste d’arroganza una sup­po­sta impu­ni­tà e quel­la di una sua oppo­si­zio­ne inter­na che fin­ge diver­si­tà, denun­cian­do­la, ma poi non fa nul­la per dimo­strar­la, tan­to che essi stes­si deb­bo­no rico­no­sce­re di gio­ca­re «tut­te le par­ti in com­me­dia».

Pen­san­do a quel sen­ti­men­to di esau­ri­ta sop­por­ta­zio­ne e a Mate­ra, m’è tor­na­to alla men­te il mot­to con­te­nu­to nel­lo stem­ma del­la cit­tà: bos las­sus fir­mius figit pedem, il bue stan­co affon­da la zam­pa con mag­gio­re fer­mez­za. Sem­bra la mora­le del­la ribel­lio­ne con­tro Gio­van Car­lo Tra­mon­ta­no, figlio di un ban­chie­re che otten­ne il tito­lo di “Con­te di Mate­ra” da Fer­di­nan­do II, Fer­ran­di­no, nel 1497, essen­do­si pri­ma garan­ti­to l’appoggio e la fidu­cia, posti qua­le clau­so­la dal re, dei cit­ta­di­ni più illu­stri, in un pri­mo tem­po suoi oppo­si­to­ri, attra­ver­so pro­mes­se ed elar­gi­zio­ni, e tra­vol­to dal­la col­le­ra dei mate­ra­ni dopo aver alza­to le tas­se per paga­re i debi­ti con­trat­ti, anche per costruir­si il suo splen­di­do manie­ro incom­piu­to. In un’epoca di “disin­ter­me­dia­zio­ne”, il rischio che chi la evo­chi deb­ba poi scon­trar­la non è cam­pa­to in aria. Direb­be Sco­tel­la­ro, «Sen­ti­re­ste la nostra dura parte/ in quel gior­no che fos­si­mo agguerriti/ in quel­lo stes­so Castel­lo intristito».

E comun­que, nel caso, come non com­pren­der­la, la stan­chez­za. Men­tre si discu­te di mini­stre e com­pa­gni, for­se un’intera val­le è sta­ta avve­le­na­ta. E in mez­zo a tut­to que­sto, si è costret­ti a dover pure rispon­de­re a gover­nan­ti ipo­te­ti­ci e sot­to­se­gre­ta­ri even­tua­li, teo­riz­za­to­ri del­le tri­vel­la­zio­ni estrat­tri­ci di «ric­chez­za e posti di lavo­ro», che por­ta­no la cre­sci­ta ren­den­do tut­ti feli­ci e con­ten­ti. Bene; di soli­to non repli­co a chi rac­con­ta le fia­be, soprat­tut­to se fin­ge di cre­der­ci. Sta­vol­ta, voglio fare un’eccezione.

Cono­scen­do la Basi­li­ca­ta non per sen­ti­to dire, non capi­sco per­ché, con le tesi dei “petro­lot­ti­mi­sti”, dal­la secon­da metà del seco­lo scor­so, quan­do è ini­zia­ta l’attività estrat­ti­va inten­si­va e indu­stria­le dei gia­ci­men­ti di idro­car­bu­ri, dap­pri­ma in val Basen­to e suc­ces­si­va­men­te in val d’Agri, essa abbia per­so più di 60.000 abi­tan­ti, il 10 per cen­to del­la popo­la­zio­ne, e uno stu­dio con­dot­to da Sin­loc per con­to del­la Bei e di diver­se fon­da­zio­ni ban­ca­rie, sti­ma che entro i pros­si­mi 15 anni saran­no in più di 50.000 a seguir­li. Con­si­de­ra­ta l’attenzione di chi coman­da per la “nar­ra­zio­ne”, voglio dun­que rac­con­tar loro una sto­ria, lun­ga come quel­la d’Italia.

Io sono nato a Sti­glia­no, nel­la pro­vin­cia di quel­la Mate­ra di cui dice­va­mo e a metà stra­da tra quel­le due val­li, pro­prio sopra quel­la del Sau­ro, dove sta sor­gen­do il cen­tro oli di “Tem­pa Ros­sa”. Negli anni Ses­san­ta, in val Basen­to, si comin­cia­ro­no a sfrut­ta­re inten­si­va­men­te i gia­ci­men­ti di gas. Dagli anni Novan­ta, toc­cò a quel­li di petro­lio del­la val d’Agri. Stan­do alla logi­ca del­le rica­du­te diret­te sul ter­ri­to­rio, il mio pae­se, tro­van­do­si nel bel mez­zo geo­gra­fi­co di tut­ta quel­la “pro­spe­ri­tà”, avreb­be dovu­to avvan­tag­giar­se­ne, non credete?

>Ora, però, qual­co­sa nel­la favo­la dei “tri­vel­la­to­ri” non tor­na. Sti­glia­no, al pri­mo cen­si­men­to postu­ni­ta­rio del 1861, con­ta­va poco meno di cin­que­mi­la abi­tan­ti, 4.948 per la pre­ci­sio­ne. In quel seco­lo e per la metà del suc­ces­si­vo, creb­be, nono­stan­te si dovet­te­ro scon­ta­re due guer­re mon­dia­li e la sta­gio­ne del­le gran­di migra­zio­ni, quel­la per le Ame­ri­che su tut­te. Cent’anni dopo, nel 1961, era rad­dop­pia­to, arri­van­do a sfio­ra­re i die­ci­mi­la, 9.925 residenti. 

Da lì, e con tut­te quel­le poten­zial­men­te arric­chen­ti estra­zio­ni, la sua popo­la­zio­ne non solo smi­se di cre­sce­re, ma comin­ciò a cala­re costan­te­men­te: 8.154 nel 1971, 7.276 nel 1981, 6.576 nel 1991, 5.616 nel 2001, 4.685 all’ultima rile­va­zio­ne cen­sua­ria, nel 2011. Lun­gi dal fer­mar­si, quel decli­no con­ti­nua, di modo che, in soli cinquant’anni, il pae­se ha per­so più di quan­to gua­da­gna­to in un seco­lo, scen­den­do al di sot­to del nume­ro di abi­tan­ti che ave­va al tem­po degli scon­tri fra i bri­gan­ti e le trup­pe del regno nascente.

>Chi se ne andreb­be da un ben­go­di di «ric­chez­za e posti di lavoro»?

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.