Per il diritto all’aborto libero e sicuro

È davvero allarmante il fatto che a 41 anni dal varo della L.194 del 1978 siamo ancora oggi nella condizione di doverne rivendicare la piena applicazione e chiedere misure di contrasto all'uso massiccio dell’obiezione di coscienza.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Quest’anno la Gior­na­ta Mon­dia­le per il dirit­to all’a­bor­to libe­ro e sicu­ro del 28 set­tem­bre ha avu­to un’eco mino­re del soli­to nei mez­zi di infor­ma­zio­ne, for­se per via del con­co­mi­tan­te scio­pe­ro per il cli­ma del gior­no pre­ce­den­te al qua­le abbia­mo con­vin­ta­men­te par­te­ci­pa­to. Pur­trop­po è la cro­na­ca degli stes­si mez­zi di infor­ma­zio­ne (oltre ai fred­di nume­ri del­le sta­ti­sti­che uffi­cia­li) a ripor­tar­ci alla dura real­tà, come gli svi­lup­pi del pro­ce­di­men­to pena­le per il caso di Valen­ti­na Mil­luz­zo.

È dav­ve­ro allar­man­te il fat­to che a 41 anni dal varo del­la L.194 del 1978 sia­mo anco­ra oggi nel­la con­di­zio­ne di dover­ne riven­di­ca­re la pie­na appli­ca­zio­ne e chie­de­re misu­re di con­tra­sto all’u­so mas­sic­cio dell’obiezione di coscien­za. I dati su quest’ultima, ripre­si dal­la “Rela­zio­ne con­te­nen­te i dati defi­ni­ti­vi 2017 sul­l’at­tua­zio­ne del­la L.194/78” che il Mini­ste­ro del­la Salu­te ha pre­sen­ta­to in Par­la­men­to il 18/01/2019, ci dico­no che sono obiet­to­ri il 68,4% dei gine­co­lo­gi (con pun­te in alcu­ne regio­ni del 90%); il 45,6% degli ane­ste­si­sti e il 38,9% del per­so­na­le non medi­co. Le cose non miglio­ra­no se si tie­ne con­to dei meto­di uti­liz­za­ti: quel­lo far­ma­co­lo­gi­co, ad esem­pio, è dispo­ni­bi­le media­men­te solo nel 18% del­le strut­tu­re. Come se que­sti dati non fos­se­ro suf­fi­cien­ti, in Tosca­na, la Regio­ne, in net­to con­tra­sto con la liber­tà di scel­ta e di auto­de­ter­mi­na­zio­ne del­le don­ne così come pre­vi­sta nel­la L.194 e con il prin­ci­pio di lai­ci­tà che lo Sta­to deve garan­ti­re all’in­ter­no dei ser­vi­zi pub­bli­ci, ha fir­ma­to (a segui­to di Deli­be­ra n.1186 del 30-10-2017) un accor­do tra le tre azien­de sani­ta­rie — Tosca­na cen­tro, nord ove­st e sud est — e il Forum tosca­no del­le asso­cia­zio­ni per i dirit­ti del­la fami­glia, al cui inter­no vi sono anche asso­cia­zio­ni Pro-vita dichia­ra­ta­men­te anti­a­bor­ti­ste. Que­sto accor­do di dura­ta trien­na­le pre­ve­de, tra le altre cose, un finan­zia­men­to dal­la Regio­ne di 65.000 euro per cia­scu­na annua­li­tà, con un esbor­so tota­le di 195.000 euro.  Sol­di pub­bli­ci che anzi­ché ser­vi­re a poten­zia­re il ser­vi­zio pub­bli­co dei con­sul­to­ri, van­no a fini­re in mano a sog­get­ti pri­va­ti che più vol­te si sono resi pro­ta­go­ni­sti di attac­chi ai dirit­ti del­le don­ne. Il movi­men­to Non Una di Meno ha fin da subi­to con­tra­sta­to tale accor­do con azio­ni dimo­stra­ti­ve con­ti­nue tra cui l’interruzione di alcu­ne sedu­te del Con­si­glio regio­na­le del­la Tosca­na e que­sta mobi­li­ta­zio­ne ha fat­to sì che l’accordo sia per il momen­to “con­ge­la­to”.

Lo Sta­to e la Regio­ne com­pe­ten­te in mate­ria sani­ta­ria devo­no garan­ti­re che una don­na che si reca in ospe­da­le abbia l’opportunità di tro­va­re sia un medi­co obiet­to­re che uno non-obiet­to­re nel­lo stes­so tur­no, non un’associazione Pro-Vita; deve for­ni­re strut­tu­re pub­bli­che in gra­do di aiu­ta­re le don­ne ad affron­ta­re la loro scel­ta con­sa­pe­vo­le per met­ter­la in atto nel­la manie­ra meno trau­ma­ti­ca pos­si­bi­le, ad esem­pio pro­prio con l’utilizzo del­la tera­pia far­ma­co­lo­gi­ca anzi­ché con l’ospedalizzazione.

Pos­si­bi­le ha pro­mos­so varie ini­zia­ti­ve nel cor­so degli anni a par­ti­re dal­la pre­sen­ta­zio­ne in Par­la­men­to di due pro­po­ste di leg­ge nel 2016 (pri­mi fir­ma­ta­ri Bea­tri­ce Bri­gno­ne e Giu­sep­pe Civa­ti), per garan­ti­re la pie­na appli­ca­zio­ne del­la leg­ge 194, in cui si pre­ve­de che alme­no il 50% del per­so­na­le sani­ta­rio e di quel­lo eser­cen­te le atti­vi­tà ausi­lia­rie in ser­vi­zio non sia obiet­to­re di coscien­za.

Ulti­ma­men­te, in Lom­bar­dia dove è nata la cam­pa­gna Abor­to al Sicu­ro, Pos­si­bi­le ha imme­dia­ta­men­te ade­ri­to e con­tri­bui­to alla rac­col­ta del­le fir­me neces­sa­rie per la pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popo­la­re rivol­ta alla Regio­ne: 10 pun­ti chia­ve, tra cui il poten­zia­men­to e l’ampliamento dei com­pi­ti dei con­sul­to­ri, ade­gua­ta for­ma­zio­ne del per­so­na­le medi­co, dif­fu­sio­ne del­la contraccezione.

Oggi più che mai neces­sa­rio tene­re alta l’attenzione e rilan­cia­re la bat­ta­glia e per que­sto Pos­si­bi­le chie­de con for­za con­trac­cet­ti­vi gra­tui­ti, alme­no il 50% di medi­ci non obiet­to­ri, poten­zia­men­to dei con­sul­to­ri, for­ma­zio­ne nel­le scuo­le, ripri­sti­no del­la pil­lo­la del gior­no dopo tra i far­ma­ci prio­ri­ta­ri da ave­re in far­ma­cia. Pos­si­bi­le con­si­de­ra inol­tre neces­sa­rio impe­di­re l’obiezione di coscien­za dei far­ma­ci­sti e isti­tui­re un nume­ro gra­tui­to a soste­gno di chi neces­si­ta di infor­ma­zio­ni sul­l’in­ter­ru­zio­ne di gravidanza.

Fer­nan­da De Luca[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.