Ospedale di Fano: la democrazia è inammissibile

Quattromila persone sono venute a firmare ai banchetti che Possibile, insieme ad altre forze politiche, ha organizzato nella città di Fano. La ragione era semplice: partecipare a una scelta politica a tutela del diritto alla salute della collettività. Un esempio di democrazia e di cittadinanza.

Quat­tro­mi­la per­so­ne sono venu­te a fir­ma­re ai ban­chet­ti che Pos­si­bi­le, insie­me ad altre for­ze poli­ti­che, ha orga­niz­za­to nel­la cit­tà di Fano. La ragio­ne era sem­pli­ce: par­te­ci­pa­re a una scel­ta poli­ti­ca a tute­la del dirit­to alla salu­te del­la col­let­ti­vi­tà. Un esem­pio di demo­cra­zia e di cittadinanza.

Il tema all’or­di­ne del gior­no, e in real­tà da parec­chi anni, era infat­ti quel­lo del­la costru­zio­ne di un nuo­vo ospe­da­le, per chiu­de­re i due attua­li pre­si­di di Pesa­ro e l’o­spe­da­le di Fano. Il pro­get­to qual­che tem­po fa era piut­to­sto chia­ro, soprat­tut­to per­ché la Regio­ne avreb­be acce­so un mutuo con lo Sta­to, quin­di i sol­di per finan­zia­re l’o­spe­da­le sareb­be­ro sta­ti pub­bli­ci; in più si era­no coin­vol­ti gli Ammi­ni­stra­to­ri del­l’in­te­ra pro­vin­cia di Pesaro-Urbino.

Oggi inve­ce di chia­ro e con­di­vi­si­bi­le non c’è qua­si più nien­te. Il nuo­vo ospe­da­le, infat­ti,  non sarà più pub­bli­co, ma rea­liz­za­to con finan­zia­to­ri pri­va­ti. Il sito pre­ce­den­te­men­te indi­vi­dua­to, dati scien­ti­fi­ci alla mano, è cri­ti­co dal pun­to di vista idro­geo­lo­gi­co. I sin­da­ci del­la Pro­vin­cia di Pesa­ro e Urbi­no sono scet­ti­ci. I cit­ta­di­ni han­no capi­to che i pro­ble­mi veri, quel­li rea­li del­la sani­tà, qua­li la mobi­li­tà pas­si­va e soprat­tut­to le liste di atte­sa, non saran­no affat­to risol­vi­bi­li con la costru­zio­ne di un nuo­vo ospe­da­le. In più, in que­sti anni, gli ospe­da­li in esse­re han­no subi­to con­ti­nui lavo­ri di ristrut­tu­ra­zio­ne, e quin­di con­ti­nue spese.

Alla luce di tut­to que­sto, il Comi­ta­to Pos­si­bi­le di Fano ha deci­so di atti­va­re in cit­tà un pro­ces­so par­te­ci­pa­ti­vo per con­di­vi­de­re valo­ri e prin­ci­pi ispi­ra­to­ri di una poli­ti­ca sani­ta­ria a tute­la del­l’ar­ti­co­lo 32 del­la Costi­tu­zio­ne. Pro­ces­so poli­ti­co deci­sio­na­le tra­spa­ren­te, par­te­ci­pa­to e con­di­vi­so; tute­la dei dirit­ti di tut­ti; ser­vi­zi pub­bli­ci e mai pri­va­ti; rispet­to dell’ambiente e non con­su­mo del suo­lo; ristrut­tu­ra­zio­ne dell’esistente evi­tan­do nuo­vi pia­ni di edi­fi­ca­zio­ne urba­ni­sti­ca non neces­sa­ri; razio­na­liz­za­zio­ne dei costi e aumen­to dei bene­fi­ci; coin­vol­gi­men­to di tut­to il ter­ri­to­rio, dagli ammi­ni­stra­to­ri, ai sog­get­ti poli­ti­ci, ai movi­men­ti, alle asso­cia­zio­ni, ai cittadini.

L’i­ni­zia­ti­va, deno­mi­na­ta “Io fir­mo per la salu­te”, ha rac­col­to 4000 fir­me in poco meno di un mese, e ha pre­sen­ta­to al Con­si­glio Comu­na­le di Fano una pro­po­sta di Refe­ren­dum per coin­vol­ge­re l’in­te­ra comu­ni­tà nel pro­ces­so deci­sio­na­le.

Pur­trop­po però la poli­ti­ca ha pre­fe­ri­to subor­di­na­re la demo­cra­zia al tec­ni­ci­smo del­le rego­le e così si è fat­to fin­ta che nul­la fos­se suc­ces­so e il movi­men­to spon­ta­neo e libe­ro di tan­ti uomi­ni e don­ne é sta­to sem­pli­ce­men­te dichia­ra­to inam­mis­si­bi­le da una Com­mis­sio­ne di Garan­ti.

Di inam­mis­si­bi­le però c’è ben altro: un Pd comu­na­le sot­to la lea­der­ship del vice pre­si­den­te del­la Regio­ne che ante­po­ne agli inte­res­si del­la cit­tà la linea del par­ti­to pro­vin­cia­le. Un Sin­da­co di Fano che mostra corag­gio a paro­le e non nei fat­ti. Una sini­stra debo­le, che sban­die­ra la sani­tà pub­bli­ca ma poi con­ti­nua ad anda­re a brac­cet­to col Pd.

E che dire poi del­la tro­va­ta del­l’app che dere­spon­sa­bi­liz­za e auto assol­ve tutti?

Pro­prio così: il Gover­na­to­re del­le Mar­che, dopo che le trup­pe di sin­da­ci pid­di­ni sono sta­te via via deci­ma­te nel­le ulti­me tor­na­te ammi­ni­stra­ti­ve, si è inven­ta­to un algo­rit­mo super par­tes per indi­vi­dua­re il sito miglio­re ove costrui­re il fan­to­ma­ti­co nuo­vo ospe­da­le, così deci­de la tec­no­lo­gia e non pos­sia­mo pren­der­ce­la con nessuno.

Sur­rea­le ma vero, ahi­mè, tan­to più che indi­scre­zio­ni rive­la­no che la fan­to­ma­ti­ca app abbia indi­vi­dua­to tale luo­go più ido­neo in mare, a die­ci chi­lo­me­tri dal­la costa che divi­de le due cit­tà di Fano e Pesaro.

Noi però non pos­sia­mo rima­ne­re silen­ti di fron­te al fal­li­men­to del­la poli­ti­ca e alla cen­su­ra del­la demo­cra­zia. Per que­sto abbia­mo tap­pez­za­to la cit­tà di Fano di mani­fe­sti e denun­cia­to chi fa fin­ta di non ave­re respon­sa­bi­li­tà in una scel­ta che pena­liz­za for­te­men­te, non solo Fano che é la ter­za cit­tà del­le Mar­che, ma un’in­te­ra comunità.

Con liber­tà e deter­mi­na­zio­ne con­ti­nue­re­mo a denun­cia­re pras­si scor­ret­te e scel­te di par­te, al fine di apri­re spa­zi di par­te­ci­pa­zio­ne e ritor­na­re a dare alla poli­ti­ca un’etica, una cre­di­bi­li­tà, una responsabilità.

Come ha ben det­to la nostra depu­ta­ta Bea­tri­ce Bri­gno­ne, “la poli­ti­ca in cui cre­dia­mo noi di Pos­si­bi­le si assu­me il corag­gio del­le pro­prie scel­te, se non è in gra­do di far­lo fal­li­sce, e si va a casa”.  La tec­no­lo­gi­ca ver­sio­ne di Pila­to 2.0 ci atterrisce.

Mar­ta Costan­ti­ni — Pos­si­bi­le Fano, comi­ta­to XXV aprile

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.