Ogni giorno, sul lavoro si consuma una strage silenziosa

Ogni gior­no, ogni male­det­to gior­no, più di due per­so­ne muo­io­no sul luo­go di lavo­ro. Una stra­ge silen­zio­sa cer­ti­fi­ca­ta dall’Inail che non cono­sce sosta, a cui una cini­ca clas­se diri­gen­te, dopo le abi­tua­li paro­le di indi­gna­zio­ne e cor­do­glio, non fa mai segui­re vere stra­te­gie di pre­ven­zio­ne degli infor­tu­ni e di con­trol­lo del­le nor­me di sicu­rez­za, spin­gen­do anzi ver­so il ribas­so del­la tute­la del lavo­ro. Che dire, ad esem­pio, del PNRR che, per dare mas­si­mo impat­to agli inve­sti­men­ti e velo­ciz­za­re le ope­re, liqui­da di fat­to il Codi­ce degli appal­ti, sem­pli­fi­can­do le pro­ce­du­re e intro­du­cen­do misu­re per il con­te­ni­men­to dei tem­pi di ese­cu­zio­ne dei con­trat­ti, gene­ran­do così più sfrut­ta­men­to, più pre­ca­rie­tà, più rischi di infor­tu­ni sul lavo­ro? O del gran­de (sic!) pat­to per il lavo­ro invo­ca­to dal segre­ta­rio del PD Enri­co Let­ta che, con «l’obiettivo del rilan­cio dell’Italia», pro­po­ne pio­ne­ri­sti­che decon­tri­bu­zio­ni, detas­sa­zio­ni, anco­ra incen­ti­vi a fon­do per­du­to alle impre­se, sen­za offri­re alcu­na pro­po­sta per il miglio­ra­men­to del­le con­di­zio­ni di lavo­ra­to­ri e lavo­ra­tri­ci? O del Pre­si­den­te di Con­fin­du­stria Bono­mi che, in pie­na pan­de­mia, non tro­vò di meglio che auspi­ca­re dero­ghe ai con­trat­ti col­let­ti­vi su tur­ni, ora­ri di lavo­ro, nume­ro gior­ni di lavo­ro set­ti­ma­na­le, tut­te misu­re che noto­ria­men­te con­tri­bui­sco­no al risto­ro del­le ener­gie psi­co­fi­si­che dei lavo­ra­to­ri e all’aumento dii livel­li di atten­zio­ne sui luo­ghi di lavo­ro? O del gover­no Con­te 1 che tagliò le tarif­fe Inail alle impre­se, ridu­cen­do le risor­se desti­na­te ai pia­ni di inve­sti­men­to per la salu­te e la sicu­rez­za nei luo­ghi di lavo­ro? O dell’apposita Com­mis­sio­ne par­la­men­ta­re di inchie­sta sul­le con­di­zio­ni di lavo­ro in Ita­lia, sul­lo sfrut­ta­men­to e sul­la sicu­rez­za nei luo­ghi di lavo­ro isti­tui­ta pres­so il Sena­to il 31 otto­bre 2019 che, inef­fa­bil­men­te, non è mai sta­ta con­vo­ca­ta? O del­la Com­mis­sio­ne per­ma­nen­te Lavo­ro pub­bli­co e pri­va­to del­la Came­ra che ha san­ci­to il crol­lo del­le ispe­zio­ni e il nume­ro insuf­fi­cien­te di ispet­to­ri (ne par­lam­mo anche qui), a cui non è segui­ta alcu­na misu­ra di rein­te­gro degli orga­ni­ci di ispet­to­ri Inps e Inail? Eppu­re, da allo­ra, il nume­ro di ispet­to­ri si è ancor più ridot­to e all’Inail, l’ente pre­po­sto pro­prio all’assicurazione con­tro gli infor­tu­ni sul lavo­ro, l’organico si è addi­rit­tu­ra ridot­to a sol­tan­to 246 ispet­to­ri (con­tro i 350 del 2016). 246 ispet­to­ri per 3 milio­ni di impre­se, uno ogni 12 mila azien­de. È vero che il PNRR ha pre­vi­sto l’assunzione nei pros­si­mi anni di due­mi­la nuo­vi ispet­to­ri all’Ispettorato Nazio­na­le del Lavo­ro (ne ser­vi­reb­be­ro comun­que di più, visto che il con­cor­so Ripam per 691 ispet­to­ri ban­di­to nel 2019 non si è mai con­clu­so), ma non si può sot­ta­ce­re che lo stes­so Pia­no non pre­ve­de alcun­ché né per le assun­zio­ni dei tec­ni­ci del­la pre­ven­zio­ne e dei medi­ci del lavo­ro pres­so i ser­vi­zi per la pre­ven­zio­ne e la sicu­rez­za del­le ASL – più che dimez­za­ti negli ulti­mi die­ci anni – né sul supe­ra­men­to dell’assurda nor­ma del decre­to n. 149/2015 attua­ti­vo del Jobs Act che impe­di­sce l’assunzione di ispet­to­ri Inail e Inps. E pen­sa­re che, come emer­ge dal recen­te rap­por­to annua­le dell’Ispettorato del Lavo­ro, cia­scun ispet­to­re Inail nel 2020 (anno che, per effet­to del­la pan­de­mia, ha pur cono­sciu­to un calo del­le ispe­zio­ni) ha anche recu­pe­ra­to pre­mi assi­cu­ra­ti­vi eva­si per 370 mila euro, men­tre i poco più di mil­le super­sti­ti ispet­to­ri Inps han­no accer­ta­to con­tri­bu­ti eva­si per 686 milio­ni di euro (670 mila euro per ogni ispet­to­re Inps; nel 2019, furo­no cir­ca 800 mila euro per ispet­to­re): ispet­to­ri, quin­di, che si “finan­zia­no” ampia­men­te da soli e che, se fos­se­ro incre­men­ta­ti, veri­fi­che­reb­be­ro la lega­li­tà e la tute­la sui posti di lavo­ro, oltre che con­tra­sta­re note­vol­men­te l’evasione con­tri­bu­ti­va e assi­cu­ra­ti­va. È fran­ca­men­te inac­cet­ta­bi­le, a mag­gior ragio­ne dopo le ulti­me mor­ti, che lo Sta­to non sia in gra­do di garan­ti­re effi­ca­ci con­trol­li a cau­sa del­la caren­za di per­so­na­le nei diver­si enti pre­po­sti. Ed è inac­cet­ta­bi­le che alle paro­le di indi­gna­zio­ne non segua­no azio­ni con­cre­te affin­ché ven­ga­no incre­men­ta­ti i con­trol­li sul­le atti­vi­tà lavo­ra­ti­ve. Chie­dia­mo anco­ra con for­za, per­tan­to, che si pro­ce­da imme­dia­ta­men­te a un ingen­te pia­no di assun­zio­ni di ispet­to­ri del­la sicu­rez­za, Inail, Inps e del lavo­ro: la sicu­rez­za e la salu­te sul lavo­ro non sono costi, ma beni pri­ma­ri da tute­la­re. Fran­co Bianchi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.