Ogni giorno, sul lavoro si consuma una strage silenziosa

Ogni gior­no, ogni male­det­to gior­no, più di due per­so­ne muo­io­no sul luo­go di lavo­ro. Una stra­ge silen­zio­sa cer­ti­fi­ca­ta dall’Inail che non cono­sce sosta, a cui una cini­ca clas­se diri­gen­te, dopo le abi­tua­li paro­le di indi­gna­zio­ne e cor­do­glio, non fa mai segui­re vere stra­te­gie di pre­ven­zio­ne degli infor­tu­ni e di con­trol­lo del­le nor­me di sicu­rez­za, spin­gen­do anzi ver­so il ribas­so del­la tute­la del lavo­ro. Che dire, ad esem­pio, del PNRR che, per dare mas­si­mo impat­to agli inve­sti­men­ti e velo­ciz­za­re le ope­re, liqui­da di fat­to il Codi­ce degli appal­ti, sem­pli­fi­can­do le pro­ce­du­re e intro­du­cen­do misu­re per il con­te­ni­men­to dei tem­pi di ese­cu­zio­ne dei con­trat­ti, gene­ran­do così più sfrut­ta­men­to, più pre­ca­rie­tà, più rischi di infor­tu­ni sul lavo­ro? O del gran­de (sic!) pat­to per il lavo­ro invo­ca­to dal segre­ta­rio del PD Enri­co Let­ta che, con «l’obiettivo del rilan­cio dell’Italia», pro­po­ne pio­ne­ri­sti­che decon­tri­bu­zio­ni, detas­sa­zio­ni, anco­ra incen­ti­vi a fon­do per­du­to alle impre­se, sen­za offri­re alcu­na pro­po­sta per il miglio­ra­men­to del­le con­di­zio­ni di lavo­ra­to­ri e lavo­ra­tri­ci? O del Pre­si­den­te di Con­fin­du­stria Bono­mi che, in pie­na pan­de­mia, non tro­vò di meglio che auspi­ca­re dero­ghe ai con­trat­ti col­let­ti­vi su tur­ni, ora­ri di lavo­ro, nume­ro gior­ni di lavo­ro set­ti­ma­na­le, tut­te misu­re che noto­ria­men­te con­tri­bui­sco­no al risto­ro del­le ener­gie psi­co­fi­si­che dei lavo­ra­to­ri e all’aumento dii livel­li di atten­zio­ne sui luo­ghi di lavo­ro? O del gover­no Con­te 1 che tagliò le tarif­fe Inail alle impre­se, ridu­cen­do le risor­se desti­na­te ai pia­ni di inve­sti­men­to per la salu­te e la sicu­rez­za nei luo­ghi di lavo­ro? O dell’apposita Com­mis­sio­ne par­la­men­ta­re di inchie­sta sul­le con­di­zio­ni di lavo­ro in Ita­lia, sul­lo sfrut­ta­men­to e sul­la sicu­rez­za nei luo­ghi di lavo­ro isti­tui­ta pres­so il Sena­to il 31 otto­bre 2019 che, inef­fa­bil­men­te, non è mai sta­ta con­vo­ca­ta? O del­la Com­mis­sio­ne per­ma­nen­te Lavo­ro pub­bli­co e pri­va­to del­la Came­ra che ha san­ci­to il crol­lo del­le ispe­zio­ni e il nume­ro insuf­fi­cien­te di ispet­to­ri (ne par­lam­mo anche qui), a cui non è segui­ta alcu­na misu­ra di rein­te­gro degli orga­ni­ci di ispet­to­ri Inps e Inail? Eppu­re, da allo­ra, il nume­ro di ispet­to­ri si è ancor più ridot­to e all’Inail, l’ente pre­po­sto pro­prio all’assicurazione con­tro gli infor­tu­ni sul lavo­ro, l’organico si è addi­rit­tu­ra ridot­to a sol­tan­to 246 ispet­to­ri (con­tro i 350 del 2016). 246 ispet­to­ri per 3 milio­ni di impre­se, uno ogni 12 mila azien­de. È vero che il PNRR ha pre­vi­sto l’assunzione nei pros­si­mi anni di due­mi­la nuo­vi ispet­to­ri all’Ispettorato Nazio­na­le del Lavo­ro (ne ser­vi­reb­be­ro comun­que di più, visto che il con­cor­so Ripam per 691 ispet­to­ri ban­di­to nel 2019 non si è mai con­clu­so), ma non si può sot­ta­ce­re che lo stes­so Pia­no non pre­ve­de alcun­ché né per le assun­zio­ni dei tec­ni­ci del­la pre­ven­zio­ne e dei medi­ci del lavo­ro pres­so i ser­vi­zi per la pre­ven­zio­ne e la sicu­rez­za del­le ASL – più che dimez­za­ti negli ulti­mi die­ci anni – né sul supe­ra­men­to dell’assurda nor­ma del decre­to n. 149/2015 attua­ti­vo del Jobs Act che impe­di­sce l’assunzione di ispet­to­ri Inail e Inps. E pen­sa­re che, come emer­ge dal recen­te rap­por­to annua­le dell’Ispettorato del Lavo­ro, cia­scun ispet­to­re Inail nel 2020 (anno che, per effet­to del­la pan­de­mia, ha pur cono­sciu­to un calo del­le ispe­zio­ni) ha anche recu­pe­ra­to pre­mi assi­cu­ra­ti­vi eva­si per 370 mila euro, men­tre i poco più di mil­le super­sti­ti ispet­to­ri Inps han­no accer­ta­to con­tri­bu­ti eva­si per 686 milio­ni di euro (670 mila euro per ogni ispet­to­re Inps; nel 2019, furo­no cir­ca 800 mila euro per ispet­to­re): ispet­to­ri, quin­di, che si “finan­zia­no” ampia­men­te da soli e che, se fos­se­ro incre­men­ta­ti, veri­fi­che­reb­be­ro la lega­li­tà e la tute­la sui posti di lavo­ro, oltre che con­tra­sta­re note­vol­men­te l’evasione con­tri­bu­ti­va e assi­cu­ra­ti­va. È fran­ca­men­te inac­cet­ta­bi­le, a mag­gior ragio­ne dopo le ulti­me mor­ti, che lo Sta­to non sia in gra­do di garan­ti­re effi­ca­ci con­trol­li a cau­sa del­la caren­za di per­so­na­le nei diver­si enti pre­po­sti. Ed è inac­cet­ta­bi­le che alle paro­le di indi­gna­zio­ne non segua­no azio­ni con­cre­te affin­ché ven­ga­no incre­men­ta­ti i con­trol­li sul­le atti­vi­tà lavo­ra­ti­ve. Chie­dia­mo anco­ra con for­za, per­tan­to, che si pro­ce­da imme­dia­ta­men­te a un ingen­te pia­no di assun­zio­ni di ispet­to­ri del­la sicu­rez­za, Inail, Inps e del lavo­ro: la sicu­rez­za e la salu­te sul lavo­ro non sono costi, ma beni pri­ma­ri da tute­la­re. Fran­co Bianchi

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.