Nuove frontiere del precariato: il licenziamento a mezzo PEC

Uno spaccato reale, di vita vera e vissuta, del nostro paese: quali misure, quali strumenti, per le persone espulse dal mondo del lavoro?

Lo scrit­to che vi accin­ge­te a leg­ge­re rap­pre­sen­ta uno spac­ca­to rea­le di que­sto Pae­se: recen­te­men­te sono sta­to licen­zia­to a mez­zo PEC. Fino al gior­no pri­ma mi sono reca­to rego­lar­men­te a lavo­ro sen­za alcun problema.

Ci tro­via­mo nel­la Locri­de, dove i ser­vi­zi essen­zia­li sono un mirag­gio, figu­ria­mo­ci le infra­strut­tu­re. Di lavo­ro non ne par­lia­mo. Non sono mai sta­to uno che si pian­ge addos­so, nel­la mia vita non ho mai cer­ca­to di lavo­ra­re, ben­sì di intra­pren­de­re. E l’ho fat­to sem­pre bene. L’unico erro­re che ho com­mes­so è sta­to di aver­lo fat­to assie­me ad altri pen­san­do che gli altri aves­se­ro la mia stes­sa visione.

La pri­ma vol­ta ho deci­so di usci­re dal­la socie­tà che ave­vo fon­da­to per­ché non mi ritro­va­vo più nel­le scel­te che gli altri ave­va­no deci­so di fare. A distan­za di tem­po ho avu­to ragio­ne: oltre che per­de­re dena­ro han­no cor­so gros­si rischi.

Dopo un perio­do pas­sa­to a lavo­ra­re per con­to di altre per­so­ne, ho cono­sciu­to l’impresa che ha deci­so di lasciar­mi a casa, tra Nata­le e Capodanno.

Lascian­do sta­re i bana­li moti­vi per cui l’impresa, di cui ero anche socio, ha pre­so la deci­sio­ne di man­dar­mi a casa, vi descri­vo la mia attua­le situa­zio­ne: mia moglie è pre­ca­ria, con un livel­lo mol­to più bas­so di tute­le rispet­to gli LSU-LPU cala­bre­si, così come a livel­lo di sti­pen­dio. Abbia­mo due bam­bi­ni pic­co­li.

Oggi mi tro­vo sen­za un lavo­ro, in atte­sa di per­ce­pi­re la NASPI (la vec­chia disoc­cu­pa­zio­ne), l’unico prov­ve­di­men­to pre­vi­sto per le per­so­ne nel­le mie stes­se con­di­zio­ni e con un gran­de dilem­ma: che fare?

Mi tor­na­no in men­te i pas­si che ho fat­to quan­do ero più o meno nel­la stes­sa situa­zio­ne: nel 2009 ho fat­to la doman­da per par­te­ci­pa­re ad un con­cor­so pub­bli­co, ho fat­to la pro­va scrit­ta un mese pri­ma del­le ele­zio­ni regio­na­li del 2010 e per 5 anni non ho sapu­to più nul­la. Nel 2015 ven­go con­vo­ca­to per esse­re infor­ma­to che a bre­ve sarei sta­to chia­ma­to a fare la pro­va ora­le, ma sono pas­sa­ti qua­si due anni e non se ne fa nul­la. Ho per­so le speranze!

A mar­zo 2016 fac­cio la doman­da per un’altra sele­zio­ne sem­pre in un ente regio­na­le, e dopo cir­ca 10 mesi ven­go esclu­so per­ché non avrei i requi­si­ti pre­vi­sti dal ban­do, men­tre sco­pro dal­le testa­te onli­ne cala­bre­si che gra­zie a tale ban­do lavo­ra­no i figli e i paren­ti di poli­ti­ci e fun­zio­na­ri regio­na­li, gen­te che ha già un lavo­ro o che per­ce­pi­sce la pen­sio­ne da diret­to­re di ban­ca. Io non mi sco­rag­gio e fac­cio ricor­so, ma ho poche speranze.

L’unica cosa che mi rima­ne è quel­lo che so fare meglio: intra­pren­de­re, anche se sarà una bat­ta­glia dura. Pos­so intra­pren­de­re un nuo­vo viag­gio, inve­sten­do per altri tre anni sapen­do che:

  • La buro­cra­zia ti taglia le gam­be, ma se non sei in rego­la non puoi fare nulla.
  • L’acces­so al cre­di­to è pra­ti­ca­men­te inaccessibile.
  • Leg­gen­do i gior­na­li sen­to par­la­re di prov­ve­di­men­ti per i gio­va­ni: i ban­di sono rivol­ti ai gio­va­ni. Ma chi ha la mia età, qua­ran­ta e più anni, qua­le aiu­to può ave­re? Qua­li sono le age­vo­la­zio­ni e gli incen­ti­vi previsti?

Di cosa c’è biso­gno, in situa­zio­ni come que­ste? Basta la sola volon­tà, il rischio cal­co­la­to, l’attesa? Una rispo­sta c’è: ado­pe­ria­mo­ci con for­za, con pro­po­ste desti­na­te a lavo­ra­to­ri e pic­co­li impren­di­to­ri nel­le mie stes­se con­di­zio­ni, che sono tan­tis­si­mi. Lo fac­cia ora, tra­sci­nan­do le altre for­ze socia­li e poli­ti­che a for­me di ela­bo­ra­zio­ne di for­me di tute­le indi­spen­sa­bi­li, rapi­de ed effi­ca­ci.

Pao­lo Guar­nac­cia, Comi­ta­to Costa dei Gelsomini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.