Giulio Regeni, il fango, i dittatori e il coraggio che manca

Un anno. È passato un anno dalla morte di Giulio Regeni, trascorso tra la tortura di un Egitto che ha aggiunto menzogne e fango al dolore e un’Italia (politica) che ha continuato a balbettare. Bugie travestite da ipotesi rovesciate sul tavolo dell’opinione pubblica da al Sisi e i suoi scugnizzi: prima l’incidente stradale, poi l’indagine su Regeni prima negata e poi riconosciuta, la vigliacca messinscena dei quattro rapinatori e del passaporto ritrovato e per ultima la tesi del complotto internazionale.

Un anno in cui il cadavere di Regeni è stato ricoperto di fango. Ancora. Eppure dentro questa storia sanguina anche la timidezza compiacente di chi continua a demandare alla magistratura un ruolo che è soprattutto politico: l’accettazione silente di regimi dittatoriali di bastardi senza gloria che banchettano sui diritti del mondo in cambio di buone commesse commerciali è una responsabilità anche dell’Italia e dell’Europa.

Come riporta Lettera 43 il potere di al Sisi è sostenuto da Putin nel “tentativo di accaparrarsi in Libia, attraverso il generale Khalifa Haftar da loro stipendiato, l’area di influenza della Cirenaica”. È il primo interlocutore di quell’Arabia Saudita (di cui anche l’Italia si fregia di essere amica) “che aveva staccato il rubinetto al governo Morsi della Fratellanza musulmana e lo ha foraggiato per il golpe e dopo”. E l’Italia per scambi commerciali “è seguita da Francia e Germania, non a caso al Sisi antepose Roma a Parigi come prima tappa del suo primo viaggio in Europa nel 2014 e tra i due Paesi è un via vai di delegazioni istituzionali e commerciali: alla scoperta del corpo di Regeni, l’allora ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi era al Cairo in missione e dovette interromperla”. Tra Italia e Egitto nel 2015 sono passati 5 miliardi di euro (soprattuto nel settore della meccanica) con l’annuncio trionfante di Palazzo Chigi, ai tempi, di superare i 6 miliardi di euro nell’anno successivo.

E non c’è solo Giulio Regeni: nel World Report del 2017, Human Rights Watch, Amnesty International denuncia un «consolidamento della repressione sotto al Sisi», nell’anno passato, per  «indebolire la società civile» e «criminalizzare il lavoro dei difensori dei diritti umani». Secondo Amnesty: «nel 2016 le forze di sicurezza egiziane hanno torturato di routine i detenuti e fatto scomparire centinaia di persone». Ecco il gorgo in cui è finito Giulio.

C’è un mondo che tutti dicono di voler cambiare e intanto sotto banco continuano a finanziare lautamente. Oggi il ministro Alfano chiede “un minuto di silenzio per Giulio” e invece forse sarebbe il caso di alzare la voce e di finirla con questo detestabile silenzio. Oggi ancora di più.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati