Non possiamo perdere altro tempo

Recita un vecchio proverbio che se qualcuno ti frega una volta è colpa sua, se ti frega due volte è colpa tua. Siccome a questo punto altro che la seconda, si è perso il conto, assistiamo stupefatti al ritorno dell'eterno dibattito sul Pd.

Reci­ta un vec­chio pro­ver­bio che se qual­cu­no ti fre­ga una vol­ta è col­pa sua, se ti fre­ga due vol­te è col­pa tua. Sic­co­me a que­sto pun­to altro che la secon­da, si è per­so il con­to, assi­stia­mo stu­pe­fat­ti al ritor­no del­l’e­ter­no dibat­ti­to sul Pd, come sem­pre ben strom­baz­za­to dai media e imme­dia­ta­men­te ogget­to di pen­so­si elze­vi­ri e con­ve­gni a raf­fi­ca dai tito­li sem­pre più improbabili.

Que­sta con­ve­gni­te — malat­tia ter­mi­na­le del­la sini­stra ita­lia­na che si spe­ra­va debel­la­ta — ha espres­so bre­vi sin­to­mi sta­gio­na­li che si mani­fe­sta­no in annun­ci di can­di­da­tu­re al con­gres­so dei demo­cra­ti­ci sen­za che poi, come si sco­pre giu­sto un paio di gior­ni dopo, vi sia un con­gres­so a cui can­di­dar­si. E sic­co­me non sono basta­ti il Jobs Act, l’I­ta­li­cum, la rifor­ma costi­tu­zio­na­le, lo Sbloc­ca Ita­lia, la Buo­na Scuo­la (ecce­te­ra ecce­te­ra) a con­vin­cer­li a lascia­re il Pd, ci fac­cia­mo una doman­da a cui for­se saran­no inve­ce sen­si­bi­li: quan­do il segretario/candidato pre­mier con la sua mag­gio­ran­za renzian/franceschinian/turca farà le liste per il Par­la­men­to, secon­do loro cosa suc­ce­de­rà? (E quan­do i loro elet­to­ri “di sini­stra” li vedran­no fare cam­pa­gna per il segretario/candidato pre­mier Ren­zi, come reagiranno?)
Ma è un mes­sag­gio nel­la bot­ti­glia. Nel sen­so, le pos­si­bi­li­tà che qual­cu­no lo rice­va e si com­por­ti di con­se­guen­za sono infi­ni­te­si­ma­li, ormai abbia­mo capi­to che sta­ran­no nel Pd e che dire: pec­ca­to, ma andia­mo avan­ti.

Poi c’è l’al­tro dibat­ti­to, quel­lo che avvie­ne dal­l’al­tro lato del tubo cato­di­co come in Pol­ter­gei­st: quel­lo del­la sini­stra che vor­reb­be soste­ne­re Ren­zi ma dal­l’e­ster­no, una com­pa­gi­ne che fino a pochi gior­ni fa ave­va come prin­ci­pa­li soste­ni­to­ri Pisa­pia, Bol­dri­ni e una par­te del­la disciol­ta Sel e costi­tuen­da Sini­stra ita­lia­na ma che appe­na si è rico­min­cia­to a discu­te­re di Mat­ta­rel­lum si è note­vol­men­te ingros­sa­ta, por­tan­do anche alcu­ni scet­ti­ci a scal­pi­ta­re e a diven­ta­re improv­vi­sa­men­te pos­si­bi­li­sti — e non nel sen­so nostro del ter­mi­ne, purtroppo.

A chi da un anno e mez­zo ci chie­de per­ché la sini­stra non è uni­ta, e a chi addi­rit­tu­ra si spin­ge a dire che quel­li divi­si­vi sarem­mo noi, con­si­glie­rem­mo quin­di di tatuar­si a fuo­co ciò che da allo­ra con­ti­nuia­mo a ripe­te­re: che non vi può esse­re nes­sun pro­get­to comu­ne con chi ha pro­mos­so le poli­ti­che di que­sti ulti­mi anni, pun­to. Che l’e­spe­rien­za dimo­stra aldi­là di ogni ragio­ne­vo­le dub­bio che l’ar­ro­gan­za con cui sono por­ta­te avan­ti non ren­de pos­si­bi­le miglio­rar­le da sini­stra, che è un ali­bi che non reg­ge più, una foglia di fico che non copre la vergogna.

Che è inu­ti­le con­ti­nua­re a far­ci sopra dei con­ve­gni, ini­zia­re l’in­ter­ven­to urlan­do “care com­pa­gne e cari com­pa­gni” per poi pro­se­gui­re teo­riz­zan­do che allear­si con chi ha can­cel­la­to i dirit­ti dei lavo­ra­to­ri “non è la vera que­stio­ne”. Ma no, infat­ti, figuriamoci.
Tran­quil­li com­pa­gni, tran­quil­li: anda­te avan­ti così, solo non fate­ci per­de­re altro tem­po. A noi e a tutti.
Miche­le Fusco, in un arti­co­lo di qual­che gior­no fa, ha usa­to l’e­spres­sio­ne “Tan­gen­to­po­li bian­ca” per descri­ve­re l’a­ria di dis­so­lu­zio­ne non neces­sa­ria­men­te giu­di­zia­ria (anche se…) che in modo simi­le al 1992 sta attra­ver­san­do il Pd, ma anche i prin­ci­pa­li par­ti­ti ita­lia­ni, aggiun­gia­mo. Se ha ragio­ne, e ce l’ha, un sog­get­to nuo­vo e foca­liz­za­to su pochi temi nazio­nal­po­po­la­ri — uso scien­te­men­te que­sto ter­mi­ne in spre­gio ai con­ve­gni di cui sopra — che sapes­se ren­der­si noto con una decen­te comu­ni­ca­zio­ne, con mes­sag­gi asciut­ti e non auto­ri­fe­ri­ti alle cen­to per­so­ne pre­sen­ti in sala, ma rivol­ti all’i­ta­lia­no medio che al mat­ti­no esce di casa per anda­re a lavo­ra­re, avreb­be di fron­te a sé una enor­me doman­da di rappresentanza.
A que­sta fine­stra, che ora c’è, si affac­cia­no tut­ti gli elet­to­ri che osser­va­no tra lo smar­ri­to e lo schi­fa­to il disa­stro ren­zia­no nel pae­se e il disa­stro gril­li­no a Roma, che oggi ascol­te­reb­be­ro volen­tie­ri nuo­ve idee e però, se non se le vedran­no pro­por­re, tor­ne­ran­no pre­sto a casa, elet­to­ral­men­te, o si rifu­ge­ran­no nell’astensione.
le idee non man­ca­no, di idee al con­tra­rio ve ne sono fin trop­pe, pur­trop­po man­ca­no i mez­zi mate­ria­li. E il tem­po, che non è una risor­sa infi­ni­ta, e pur­trop­po è poco. Non per­dia­mo­ne altro.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?