Noi non stiamo dalla parte della Guardia costiera libica (qualsiasi cosa essa sia)

Né Salvini, né Di Maio, né Minniti. Questa volta il sostegno alle politiche migratorie italiane e europee nei confronti della Libia, che chiudono gli occhi su violenze, torture, respingimenti e morte, arriva direttamente da sinistra.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Né Sal­vi­ni, né Di Maio, né Min­ni­ti. Que­sta vol­ta il soste­gno alle poli­ti­che migra­to­rie ita­lia­ne e euro­pee nei con­fron­ti del­la Libia, che chiu­do­no gli occhi su vio­len­ze, tor­tu­re, respin­gi­men­ti e mor­te, arri­va diret­ta­men­te da sini­stra. «Con que­sto rap­por­to — ha dichia­ra­to il rela­to­re Pan­ze­ri (S&D) — non ci sia­mo limi­ta­ti a for­ni­re un qua­dro rea­li­sti­co del­la situa­zio­ne in Libia, ma abbia­mo volu­to trac­cia­re la stra­da che dovrem­mo segui­re per cer­ca­re di usci­re dal­l’at­tua­le cri­si. È neces­sa­rio inqua­dra­re il pro­ces­so di rico­stru­zio­ne del­la Libia in una più ampia stra­te­gia regio­na­le per affron­ta­re mol­ti pro­ble­mi qua­li il disar­mo del­le mili­zie, l’im­mi­gra­zio­ne e le vio­la­zio­ni dei dirit­ti uma­ni».

Il rap­por­to, vota­to ad ampia mag­gio­ran­za dal Par­la­men­to euro­peo, si con­cen­tra soprat­tut­to sul pro­ces­so di sta­bi­liz­za­zio­ne del­la Libia, quin­di sostie­ne la neces­si­tà di pro­se­gui­re con finan­zia­men­ti e aiu­ti. Non man­ca­no però alcu­ni para­gra­fi che riguar­da­no il tema migra­to­rio, nei qua­li non ven­go­no rispar­mia­te cri­ti­che al siste­ma di deten­zio­ne arbi­tra­ria, tor­tu­ra, schia­vi­smo cui sono con­dan­na­ti i migranti.

E — pro­prio per que­ste ragio­ni — non ci si aspet­te­reb­be in alcun modo (soprat­tut­to da par­te di un espo­nen­te dei Socia­li­sti e Demo­cra­ti­ci, soste­ni­to­re di Libe­ri e Ugua­li) che nel­le pie­ghe del testo sia­no inse­ri­ti apprez­za­men­ti per il calo degli sbar­chi e un invi­to a soste­ne­re l’a­zio­ne del­la Guar­dia costie­ra libi­ca (qual­sia­si cosa essa sia).

«L’a­zio­ne del­l’U­nio­ne euro­pea — si leg­ge nel­le pre­mes­se — sta aven­do risul­ta­ti sul fron­te del­la migra­zio­ne, visto che a fine 2017 le cifre si sono ridot­te di un ter­zo rispet­to a quel­le del 2016 e che nei pri­mi mesi del 2018 sono cala­te del 50% rispet­to allo stes­so perio­do del­l’an­no pre­ce­den­te». Come se il calo degli sbar­chi non fos­se stret­ta­men­te lega­to, come si leg­ge poche righe dopo, al fat­to che «i migran­ti sono tra colo­ro che più sof­fro­no per i pro­ble­mi di sicu­rez­za in Libia, essen­do spes­so sog­get­ti a vio­len­za, arre­sto e deten­zio­ne arbi­tra­ria da par­te di atto­ri non-sta­ta­li, non­ché di estor­sio­ni, rapi­men­ti fina­liz­za­ti al ricat­to e sfrut­ta­men­to».

E fa anco­ra più impres­sio­ne l’e­spli­ci­to rico­no­sci­men­to del buon ope­ra­to del­la Guar­dia costie­ra libi­ca, che si invi­ta a soste­ne­re dato che «ha con­sen­ti­to di sal­va­re qua­si 19 000 migran­ti». «Sal­va­re»: ave­te capi­to bene. La riso­lu­zio­ne si spin­ge oltre, rac­co­man­dan­do «di assi­ste­re le auto­ri­tà libi­che nel­la comu­ni­ca­zio­ne for­ma­le del­la loro area di ricer­ca e soc­cor­so, di isti­tui­re una serie di chia­re pro­ce­du­re ope­ra­ti­ve stan­dard per lo sbar­co e di garan­ti­re un siste­ma di moni­to­rag­gio fun­zio­nan­te del­la guar­dia costie­ra libi­ca, al fine di isti­tui­re un regi­stro chia­ro e tra­spa­ren­te di tut­te le per­so­ne sbar­ca­te sul­le coste libi­che». Il tut­to, però, «assi­cu­ran­do che sia­no ade­gua­ta­men­te assi­sti­te in con­for­mi­tà del­le nor­me uma­ni­ta­rie inter­na­zio­na­li», men­tre tut­to attor­no — si scri­ve — i dirit­ti uma­ni non sono in alcun modo garan­ti­ti.

Ci si augu­ra, insom­ma, che la dele­ga ai respin­gi­men­ti ven­ga per­fe­zio­na­ta e com­ple­ta­ta. Cose che ci aspet­te­reb­be da un even­tua­le pros­si­mo gover­no gial­lo-ver­de, o dal gover­no uscen­te che que­sta dele­ga l’ha isti­tui­ta. Non di cer­to che la pro­po­sta arri­vi da chi si dovreb­be col­lo­ca­re all’op­po­si­zio­ne.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.