Nell’Europa di Viktoria Marinova

E' passato poco più di un mese dal brutale assassinio di Viktoria Marinova, giornalista bulgara volto della Tvn, uccisa a Ruse, che stava indagando sugli ultimi scandali legati ai fondi UE.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Gli insul­ti di Di Maio ai gior­na­li­sti anco­ra rie­cheg­gia­no quan­do, al Qui­ri­na­le, Mat­ta­rel­la difen­de la liber­tà di stam­pa defi­nen­do­la un gran­de valo­re, il fon­da­men­to del­la demo­cra­zia, anzi, il suo termometro.

Un ter­mo­me­tro che segna una tem­pe­ra­tu­ra mol­to alta, qui come in tut­ta la demo­cra­ti­ca Europa.

E’ pas­sa­to poco più di un mese dal bru­ta­le assas­si­nio di Vik­to­ria Mari­no­va, gior­na­li­sta bul­ga­ra vol­to del­la Tvn, ucci­sa a Ruse, che sta­va inda­gan­do sugli ulti­mi scan­da­li lega­ti ai fon­di UE. Le inda­gi­ni si sono fer­ma­te dopo l’ar­re­sto del pre­sun­to col­pe­vo­le in Ger­ma­nia, appe­na sei gior­ni dopo l’as­sas­si­nio, con l’u­ni­co affan­no, da par­te del­la auto­ri­tà, di esclu­de­re lega­mi fra l’uc­ci­sio­ne e il lavo­ro inve­sti­ga­ti­vo del­la gio­va­ne gior­na­li­sta. La ter­za negli ulti­mi dodi­ci mesi ad esse­re ucci­sa, dopo l’au­to­bom­ba a Mal­ta di cui è sta­ta vit­ti­ma Daph­ne Carua­na Gali­zia e il col­po di pisto­la, in Slo­vac­chia, con cui è sta­to ammaz­za­to Jan Kuciak. Come Vik­to­ria inda­ga­va­no su cor­ru­zio­ne e i fon­di UE.

Men­tre l’O­sce — con le paro­le di Har­lem Desir — dichia­ra­va che «Ser­ve un’indagine com­ple­ta e rigo­ro­sa», Repor­ters sans fron­tiers denun­cia­va nume­ro­se for­me di pres­sio­ne e inti­mi­da­zio­ni nei con­fron­ti dei gior­na­li­sti che subi­sco­no il mono­po­lio media­ti­co dagli oli­gar­chi e dal­le auto­ri­tà sospet­ta­te di lega­mi con orga­niz­za­zio­ni criminali.

Uno degli ulti­mi ser­vi­zi di Vik­to­ria su Tvn riguar­da­va­no l’in­chie­sta ”Gp-gate”, i finan­zia­men­ti Ue e gli appal­ti a prez­zo di favo­re con­ces­si da fun­zio­na­ri pub­bli­ci a Gp, una del­le prin­ci­pa­li socie­tà di infra­strut­tu­re in Bul­ga­ria. L’in­chie­sta, frut­to di col­la­bo­ra­zio­ne con Dimi­tar Stoya­nov (del por­ta­le inve­sti­ga­ti­vo Bivol) e Atti­la Biro (di RISE Pro­ject), ave­va visto i due repor­ter arre­sta­ti in una disca­ri­ca fuo­ri Sofia, il 13 set­tem­bre scor­so, men­tre recu­pe­ra­va­no car­te e pc (degli uffi­ci del­la Gp) fat­ti spa­ri­re dopo la pub­bli­ca­zio­ne del­la pri­ma puntata.

Solo dopo la mor­te di Vik­to­ria la pro­cu­ra di Sofia si è deci­sa ad apri­re un’ inchie­sta sui pre­sun­ti abu­si nel­l’u­ti­liz­zo di fon­di UE, bloc­can­do un tra­sfe­ri­men­to di cir­ca 14 milio­ni di euro pro­prio al Gp Group.

L’ ulti­ma rela­zio­ne del­la Com­mis­sio­ne euro­pea sui pro­gram­mi ope­ra­ti­vi, pub­bli­ca­ta il dicem­bre scor­so, evi­den­zia­va che nel­l’UE sono sta­ti inve­sti­ti 278 miliar­di gra­zie all’u­ti­liz­zo dei fon­di euro­pei. In Bul­ga­ria addi­rit­tu­ra il 50% dei finan­zia­men­ti sono sta­ti accor­da­ti e ne sono sta­ti ero­ga­ti già il 15%, con una media di assor­bi­men­to dei fon­di supe­rio­re alla media. Un tema scot­tan­te visto che i fon­di euro­pei val­go­no il 9% del Pil bul­ga­ro, dove la cre­sci­ta eco­no­mi­ca si atte­sta al 3,8%, una con­di­zio­ne che atti­ra inve­sti­men­ti d’o­gni tipo (leci­ti e ille­ci­ti). Le tan­gen­ti pesa­no per un 40% sugli appal­ti pub­bli­ci (che Bivol defi­ni­sce la ”tas­sa cor­ru­zio­ne”), i fon­di agri­co­li nel 70–80% dei casi fini­sco­no a socie­tà fan­ta­sma ricon­du­ci­bi­li ad un cen­ti­na­io di fami­glie. Per non par­la­re del­le 67.000 bor­se di stu­dio finan­zia­te dal­l’Ue anda­te a sta­gi­sti che non esi­sto­no… Una pira­mi­de ben archi­tet­ta­ta per sot­trar­re fon­di ai con­tri­buen­ti europei.

Qui è dove dovreb­be ini­zia­re (non fini­re) l’Eu­ro­pa. Non si può lascia­re solo all’I­PI (Inter­na­tio­nal Press Insti­tu­te) il com­pi­to di chie­de­re al pre­mier Boy­ko Bori­sov di “garan­ti­re le con­di­zio­ni neces­sa­rie al gior­na­li­smo inve­sti­ga­ti­vo” e “inda­ga­re atti­va­men­te le accu­se di mal­ver­sa­zio­ni di fon­di euro­pei per milio­ni di euro”. Un pro­get­to inve­sti­ga­ti­vo soste­nu­to dal pro­gram­ma #IJ4EU finan­zia­to dal­la Com­mis­sio­ne euro­pea ha mes­so a nudo tut­te le cri­ti­ci­tà di un Pae­se che dal 2006 ad oggi è sce­so dal 32esimo al 111esimo posto per la liber­tà di stam­pa.

Secon­do Stoya­nov e Biru per con­ti­nua­re le inda­gi­ni ser­vi­reb­be l’in­ter­ven­to diret­to del­le isti­tu­zio­ni euro­pee e il con­se­guen­te con­ge­la­men­to dei fon­di fin­chè non sia ter­mi­na­ta un’in­chie­sta con­dat­ta dal­l’UE. Anche per­ché i due ammet­to­no con ama­rez­za che “l’Ufficio euro­peo per la lot­ta anti­fro­de si è dimo­stra­to total­men­te inefficace”.

Dove dila­ga la cor­ru­zio­ne e il malaf­fa­re anche i dirit­ti civi­li sono a rischio: pri­ma dell’8 mar­zo scor­so il Par­la­men­to bul­ga­ro ave­va respin­to, con una mag­gio­ran­za ”bul­ga­ra’’ (ovvia­men­te), il rece­pi­men­to del­la con­ven­zio­ne di Istan­bul sul­la pre­ven­zio­ne e sul­la lot­ta con­tro la vio­len­za nei con­fron­ti del­le don­ne, pro­prio duran­te la pre­si­den­za di tur­no del­l’UE del pre­mier Borisov.

Con que­ste paro­le Vik­to­ria Mari­no­va con­clu­de la pri­ma (e ulti­ma) pun­ta­ta di ”Detek­tor”, la sua tra­smis­sio­ne: “Da un lato, il gover­no e le impre­se eser­ci­ta­no for­ti pres­sio­ni sui pro­prie­ta­ri dei media. Il nume­ro degli argo­men­ti vie­ta­ti cre­sce sem­pre di più. E il gior­na­li­smo inve­sti­ga­ti­vo vie­ne auto­ma­ti­ca­men­te rimos­so. Dall’altro lato, però, negli ulti­mi anni stia­mo veden­do un inne­ga­bi­le suc­ces­so del gior­na­li­smo inve­sti­ga­ti­vo. Mol­ti arti­co­li sono pub­bli­ca­ti dal sito Bivol. Il nostro team si sta impe­gnan­do a crea­re uno spa­zio per le inchie­ste e con­ti­nue­rà in que­sta dire­zio­ne. Ci occu­pe­re­mo solo di temi rile­van­ti per l’interesse pub­bli­co. E que­sto è il signi­fi­ca­to di “Detek­tor”. Il pro­gram­ma tv che sco­pre le bugie. Che dà “prio­ri­tà alla verità”.

Ste­fa­no Artu­si[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.