I muri contro i migranti li costruisce anche il governo italiano

Non possiamo respingere i migranti in mare, sparare ai barconi, costruire un muro sulle nostre coste: siamo persone civili, noi. Possiamo, però, delegare ad altri

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1495443282225{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Man­de­re­mo dei sol­da­ti in Afri­ca con lo sco­po di raf­for­za­re il con­fi­ne sud del­la Libia. Lo ave­va anti­ci­pa­to Repub­bli­ca alcu­ni gior­ni fa, lo ave­va smen­ti­to il mini­ste­ro del­la Dife­sa (con una smen­ti­ta che non smen­ti­sce, dato che par­la di «nor­ma­le atti­vi­tà adde­stra­ti­va»), lo ha con­fer­ma­to il mini­ste­ro del­l’In­ter­no, con tan­to di foto a cor­re­do del­l’accor­do rag­giun­to tra i gover­ni ita­lia­no, del­la Libia (che non si capi­sce che pote­ri abbia), del Ciad e del Niger.

L’ac­cor­do si pone gli obiet­ti­vi di «assi­cu­ra­re la sicu­rez­za dei con­fi­ni, soste­ne­re la for­ma­zio­ne ed il raf­for­za­men­to del­le guar­die di fron­tie­ra, soste­ne­re la costru­zio­ne in Niger e Ciad e soste­ne­re la gestio­ne in Libia dei cen­tri di acco­glien­za per migran­ti irre­go­la­ri, con­for­me­men­te agli stan­dard uma­ni­ta­ri inter­na­zio­na­li, pro­muo­ve­re lo svi­lup­po di una eco­no­mia lega­le». Tra­dot­to: man­de­re­mo mili­ta­ri con lo sco­po di «sigil­la­re la fron­tie­ra a sud del­la Libia, che signi­fi­ca sigil­la­re la fron­tie­ra a sud del­l’Eu­ro­pa», paro­le di Mar­co Min­ni­ti, mini­stro del­l’In­ter­no con la tes­se­ra del Par­ti­to Demo­cra­ti­co in tasca.

Tra­dot­to meglio: le per­so­ne devo­no resta­re nei luo­ghi dai qua­li vor­reb­be­ro scap­pa­re e, dato che l’ac­cor­do con la Libia si sta rive­lan­do inef­fi­ca­ce e inat­tua­bi­le, spo­stia­mo sem­pre un po’ più a sud i nostri con­fi­ni. Sia­mo arri­va­ti al Ciad e al Niger. Per­ché lo fac­cia­mo? Per­ché non pos­sia­mo respin­ge­re i migran­ti in mare, non pos­sia­mo spa­ra­re ai bar­co­ni, non pos­sia­mo costrui­re un muro sul­le nostre coste: sia­mo per­so­ne civi­li, noi. Pos­sia­mo, però, dele­ga­re ad altri, lau­ta­men­te finan­zia­ti, il ten­ta­ti­vo di con­trol­la­re gli oltre quat­tro­mi­la chi­lo­me­tri di con­fi­ne ter­re­stre del­la Libia. Fare un muro nel deser­to di que­ste dimen­sio­ni non è sem­pli­ce: è mol­to più sem­pli­ce adde­stra­re mili­ta­ri e costrui­re cam­pi di acco­glien­za, dove con­cen­tra­re i migran­ti.

Quan­do par­lia­mo del Ciad par­lia­mo di un pae­se in cui vige lo sta­to di emer­gen­za a cau­sa del­le con­di­zio­ni in cui ver­sa l’o­mo­ni­mo lago, in cui è al pote­re la stes­sa per­so­na dal 1990, in cui «a segui­to di diver­se mani­fe­sta­zio­ni di pro­te­sta, le for­ze dell’ordine sono inter­ve­nu­te con con­se­guen­ze a vol­te tra­gi­che» e in cui è con­si­glia­bi­le «viag­gia­re in con­vo­glio, tene­re le por­te chiu­se a chia­ve e por­ta­re con se stes­si car­bu­ran­te di riserva».

Quan­do par­lia­mo del Niger, inve­ce, par­lia­mo di un pae­se in cui «il 3 mar­zo 2017 è sta­to pro­cla­ma­to lo sta­to di emer­gen­za nel­la regio­ni di Dif­fa, Til­la­be­ri e di Tahoua a cau­sa dell’aumen­to degli attac­chi ter­ro­ri­sti­ci nel Pae­se», in cui i ter­ro­ri­sti assal­ta­no i cam­pi pro­fu­ghi, in cui la schia­vi­tù è sta­ta abo­li­ta nel 2003 (ma rima­ne un pro­ble­ma pre­oc­cu­pan­tee, inol­tre, di un pae­se «sog­get­to ad insta­bi­li­tà poli­ti­ca, insi­cu­rez­za ali­men­ta­re cro­ni­ca e cri­si natu­ra­li, in par­ti­co­la­re sic­ci­tà, inon­da­zio­ni e infe­sta­zio­ni di locuste».

Del­la Libia sia suf­fi­cien­te riba­di­re che è un pae­se che non ha sot­to­scrit­to la Con­ven­zio­ne di Gine­vra sul­lo sta­tus dei rifu­gia­ti, e cioè la più impor­tan­te con­ven­zio­ne inter­na­zio­na­le in materia.

Quan­do ci indi­gnia­mo per il muro al con­fi­ne tra Ser­bia e Unghe­ria, quan­do ci indi­gnia­mo per il muro di Trump e il Muslim Ban, quan­do ci indi­gnia­mo per i muri e quan­do invo­chia­mo un mon­do sen­za muri, dovrem­mo ricor­dar­ci che il gover­no ita­lia­no a gui­da Par­ti­to Demo­cra­ti­co è uno dei prin­ci­pa­li spon­sor e attua­to­ri del­la stra­te­gia dei muri, che in que­sto caso non han­no natu­ra fisi­ca (solo per­ché la geo­gra­fia non ce lo per­met­te, pen­se­ran­no i mali­gni), ma natu­ra poli­ti­ca e diplo­ma­ti­ca. Saran­no altri a respin­ge­re, saran­no altri a spa­ra­re, saran­no altri a dete­ne­re i migran­ti. Lon­ta­ni da que­sti luo­ghi miglia­ia di chi­lo­me­tri noi stia­mo sola­men­te arman­do gli aguz­zi­ni.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.