Ministra Grillo, ci risponda: “prima gli italiani” anche nelle scuole di specializzazione di area sanitaria?

In un momen­to in cui non si fa che par­la­re del­la cro­ni­ca caren­za di medi­ci spe­cia­li­sti, del gap sem­pre in aumen­to tra pen­sio­na­men­ti e nuo­vi medi­ci — peg­gio­ra­to da Quo­ta 100, dal ricor­so a medi­ci neo­lau­rea­ti per cer­ca­re di col­ma­re con­cor­si anda­ti a vuo­to e gra­dua­to­rie fini­te trop­po pre­sto per i posti di medi­ci­na d’emergenza e urgen­za, ecco un’altra brut­ta pagi­na per la nostra Sani­tà Ita­lia­na e la sua For­ma­zio­ne: gio­ve­dì 2 mag­gio è sta­to pub­bli­ca­to il Ban­do di Ammis­sio­ne alle Scuo­le di Spe­cia­liz­za­zio­ne di Area Sani­ta­ria 2018/2019 con una novi­tà per i tan­ti medi­ci stra­nie­ri che han­no stu­dia­to e si sono abi­li­ta­ti in Italia.

All’articolo 4 com­ma 3 e 4* ecco la sor­pre­sa: i cit­ta­di­ni stra­nie­ri comu­ni­ta­ri medi­ci, i rifu­gia­ti poli­ti­ci medi­ci (con lau­rea e abi­li­ta­zio­ne pro­fes­sio­na­le o rico­no­sci­men­to del tito­lo), i cit­ta­di­ni extra­co­mu­ni­ta­ri medi­ci, tito­la­ri di car­ta di sog­gior­no oppu­re di per­mes­so di sog­gior­no, i medi­ci non comu­ni­ta­ri rego­lar­men­te sog­gior­nan­ti in pos­ses­so del diplo­ma di lau­rea e abi­li­ta­zio­ne ita­lia­na o con diplo­ma equi­pol­len­te e abi­li­ta­zio­ne ita­lia­na devo­no pos­se­de­re al momen­to del­la pre­sen­ta­zio­ne del­la doman­da di par­te­ci­pa­zio­ne al con­cor­so con sca­den­za ulti­ma il 21 mag­gio 2019, una cer­ti­fi­ca­zio­ne di lin­gua ita­lia­na che atte­sti la cono­scen­za del­la lin­gua cor­ri­spon­den­te al livel­lo C1 del Qua­dro Comu­ne Euro­peo di Rife­ri­men­to del­le Lin­gue. Que­sto cer­ti­fi­ca­to può esse­re rila­scia­to solo dagli enti cer­ti­fi­ca­to­ri accre­di­ta­ti, che sono la Socie­tà Dan­te Ali­ghie­ri, l’U­ni­ver­si­tà per Stra­nie­ri di Peru­gia, l’Università per Stra­nie­ri di Sie­na e l’università degli Stu­di Roma Tre.

Nel­le pre­mes­se si spe­ci­fi­ca che tut­te que­ste cate­go­rie di medi­ci “acce­do­no alle Scuo­le di Spe­cia­liz­za­zio­ne alle stes­se con­di­zio­ni e con gli stes­si requi­si­ti dei cit­ta­di­ni ita­lia­ni”, pec­ca­to che se il ter­mi­ne per l’iscrizione è fis­sa­to il 21 mag­gio non sia pos­si­bi­le acqui­si­re la cer­ti­fi­ca­zio­ne C1 pri­ma del 25 giu­gno. I pari requi­si­ti dun­que ven­go­no meno per mol­ti medi­ci che han­no stu­dia­to esat­ta­men­te come quel­li che han­no la cit­ta­di­nan­za ita­lia­na e han­no l’abilitazione pro­fes­sio­na­le come loro.

Un ful­mi­ne a ciel sere­no che rischia di vani­fi­ca­re gli sfor­zi, anche eco­no­mi­ci, di tan­ti ragaz­zi, medi­ci, che sta­ran­no pre­pa­ran­do uno dei con­cor­si più impor­tan­ti del­la loro vita ma che ora si vedo­no esclu­si per­ché qual­cu­no ha deci­so che i pari requi­si­ti pas­sa­no per un cer­ti­fi­ca­to C1.

Di que­sta pena­liz­za­zio­ne all’ultimo minu­to ci pia­ce­reb­be ave­re una spie­ga­zio­ne dal­la Mini­stra Gril­lo, per­ché pur­trop­po ricor­da tan­to lo slo­gan caro al Gover­no “pri­ma gli ita­lia­ni”, ed è inam­mis­si­bi­le oltre che discriminatoria.

 

*Arti­co­lo 4
3. I cit­ta­di­ni stra­nie­ri comu­ni­ta­ri medi­ci e i rifu­gia­ti poli­ti­ci medi­ci acce­do­no alle Scuo­le di spe­cia­liz­za­zio­ne alle stes­se con­di­zio­ni e con gli stes­si requi­si­ti dei cit­ta­di­ni ita­lia­ni (lau­rea e abi­li­ta­zio­ne all’e­ser­ci­zio pro­fes­sio­na­le, ovve­ro pos­ses­so del decre­to di rico­no­sci­men­to del tito­lo ai fini del­l’e­ser­ci­zio del­la pro­fes­sio­ne medi­ca rila­scia­to dal Mini­ste­ro del­la Salu­te). La doman­da di ammis­sio­ne è pre­sen­ta­ta diret­ta­men­te al Mini­ste­ro del­l’I­stru­zio­ne, Uni­ver­si­tà e Ricer­ca, entro il ter­mi­ne e con le stes­se moda­li­tà pre­vi­ste per i cit­ta­di­ni ita­lia­ni dal­l’ar­ti­co­lo 5 del pre­sen­te ban­do di con­cor­so. I sud­det­ti can­di­da­ti devo­no, altre­sì, pos­se­de­re, al momen­to del­la pre­sen­ta­zio­ne del­la doman­da di par­te­ci­pa­zio­ne al con­cor­so, una cer­ti­fi­ca­zio­ne di lin­gua ita­lia­na, atte­stan­te la cono­scen­za del­la lin­gua ita­lia­na cor­ri­spon­den­te al livel­lo C1 del Qua­dro Comu­ne Euro­peo di Rife­ri­men­to del­le Lin­gue (QCER) rila­scia­ta dagli enti cer­ti­fi­ca­to­ri accre­di­ta­ti appar­te­nen­ti al siste­ma di cer­ti­fi­ca­zio­ne uni­fi­ca­to CLIQ (Cer­ti­fi­ca­zio­ne Lin­gua Ita­lia­na di Qua­li­tà): Socie­tà Dan­te Ali­ghie­ri, Uni­ver­si­tà per Stra­nie­ri di Peru­gia, Uni­ver­si­tà per Stra­nie­ri di Sie­na e Uni­ver­si­tà degli Stu­di Roma Tre.
4. I cit­ta­di­ni extra­co­mu­ni­ta­ri medi­ci, tito­la­ri di car­ta di sog­gior­no, oppu­re di per­mes­so di sog­gior­no per lavo­ro subor­di­na­to o per lavo­ro auto­no­mo, per moti­vi fami­lia­ri, per asi­lo poli­ti­co, per asi­lo uma­ni­ta­rio, o per moti­vi reli­gio­si, oppu­re i medi­ci non comu­ni­ta­ri rego­lar­men­te sog­gior­nan­ti, in pos­ses­so del diplo­ma di lau­rea e abi­li­ta­zio­ne ita­lia­na, o con diplo­ma di lau­rea equi­pol­len­te e abi­li­ta­zio­ne ita­lia­na, oppu­re i medi­ci in pos­ses­so del decre­to di rico­no­sci­men­to del tito­lo ai fini del­l’e­ser­ci­zio del­la pro­fes­sio­ne medi­ca rila­scia­to dal Mini­ste­ro del­la Salu­te ai sen­si del­la leg­ge n.271/2004 sono ammes­si al con­cor­so a pari­tà di con­di­zio­ni con gli ita­lia­ni. La doman­da di ammis­sio­ne è pre­sen­ta­ta diret­ta­men­te al Mini­ste­ro del­l’I­stru­zio­ne, Uni­ver­si­tà e Ricer­ca, entro il ter­mi­ne e con le stes­se moda­li­tà pre­vi­ste per i cit­ta­di­ni ita­lia­ni dal­l’ar­ti­co­lo 5 del pre­sen­te ban­do di con­cor­so. I sud­det­ti can­di­da­ti devo­no, altre­sì, pos­se­de­re, al momen­to del­la pre­sen­ta­zio­ne del­la doman­da di par­te­ci­pa­zio­ne al con­cor­so, una cer­ti­fi­ca­zio­ne di lin­gua ita­lia­na, atte­stan­te la cono­scen­za del­la lin­gua ita­lia­na cor­ri­spon­den­te al livel­lo C1 del Qua­dro Comu­ne Euro­peo di Rife­ri­men­to del­le Lin­gue (QCER) rila­scia­ta dagli enti cer­ti­fi­ca­to­ri accre­di­ta­ti appar­te­nen­ti al siste­ma di cer­ti­fi­ca­zio­ne uni­fi­ca­to CLIQ (Cer­ti­fi­ca­zio­ne Lin­gua Ita­lia­na di Qua­li­tà): Socie­tà Dan­te Ali­ghie­ri, Uni­ver­si­tà per Stra­nie­ri di Peru­gia, Uni­ver­si­tà per Stra­nie­ri di Sie­na e Uni­ver­si­tà degli Stu­di Roma Tre.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.