L’acqua del Gran Sasso va tutelata subito, la salute e l’ambiente non possono più attendere

La fal­da acqui­fe­ra del Gran Sas­so è la prin­ci­pa­le risor­sa idri­ca del­la pro­vin­cia di Tera­mo, ser­ven­do 700 mila cit­ta­di­ni, immer­sa in uno dei cuo­ri ver­di d’I­ta­lia. Il gigan­te di roc­cia è attra­ver­sa­to da un tra­fo­ro che rap­pre­sen­ta un fon­da­men­ta­le col­le­ga­men­to diret­to con Roma, rag­giun­gi­bi­le in auto­stra­da in meno di un paio di ore.

Sin dal­la sua inau­gu­ra­zio­ne nel 1984 e in par­ti­co­lar modo a par­ti­re dal­l’a­per­tu­ra dei labo­ra­to­ri del­l’I­sti­tu­to nazio­na­le di fisi­ca nuclea­re nel 1993, tra i cen­tri di ricer­ca di fisi­ca del­le par­ti­cel­le più impor­tan­ti al mon­do, il tra­fo­ro è sta­to ogget­to di for­ti pre­oc­cu­pa­zio­ni per la sicu­rez­ze del­le acque del siste­ma idri­co del Gran Sas­so da par­te di asso­cia­zio­ni ambien­ta­li­ste e di cit­ta­di­ni. Sia il trat­to auto­stra­da­le A24 che gli espe­ri­men­ti nei labo­ra­to­ri sot­ter­ra­nei pos­so­no com­por­ta­re l’u­ti­liz­zo di sostan­ze inqui­nan­ti e alta­men­te inqui­nan­ti. Alcu­ni inci­den­ti negli anni han­no pro­vo­ca­to sver­sa­men­ti nel siste­ma idri­co, per for­tu­na di enti­tà mode­sta e di riso­lu­zio­ne rapi­da (l’ul­ti­mo a mag­gio 2017 quan­do fu dichia­ra­ta per 12 ore la non pota­bi­li­tà di 32 comu­ni), ma che han­no por­ta­to alla luce l’i­na­de­gua­tez­za dei siste­mi di imper­mea­bi­liz­za­zio­ne per evi­ta­re con­ta­mi­na­zio­ni all’ac­qua che va a fini­re nei rubi­net­ti di miglia­ia di cit­ta­di­ni abruzzesi.

Un’in­chie­sta del­la Pro­cu­ra del­la Repub­bli­ca Tera­mo su accer­ta­men­ti dei cara­bi­nie­ri del Nucleo ope­ra­ti­vo eco­lo­gi­co ha por­ta­to nel set­tem­bre 2018 all’iscrizione nel regi­stro degli inda­ga­ti e la richie­sta di rin­vio a giu­di­zio dei ver­ti­ci di Stra­da dei Par­chi, dell’Infn, e del­l’a­zien­da del ser­vi­zio idri­co Ruz­zo Reti. Secon­do il pool di magi­stra­ti è emer­so il “per­ma­nen­te peri­co­lo di inqui­na­men­to ambien­ta­le e, segna­ta­men­te, il peri­co­lo di com­pro­mis­sio­ne o dete­rio­ra­men­to signi­fi­ca­ti­vo e misu­ra­bi­le del­le acque sot­ter­ra­nee del mas­sic­cio del Gran Sas­so” con i respon­sa­bi­li degli enti coin­vol­ti che non avreb­be­ro agi­to ade­gua­ta­men­te per pre­ve­ni­re tale situazione.

La poli­ti­ca rea­gi­sce tar­di­va­men­te e a gen­na­io 2019, agli sgoc­cio­li del­la legi­sla­tu­ra del Con­si­glio regio­na­le, il pre­si­den­te vica­rio di Regio­ne Abruz­zo Gio­van­ni Lol­li annun­cia la pre­di­spo­si­zio­ne di un moni­to­rag­gio più appro­fon­di­to e met­te sul tavo­lo un pia­no per la mes­sa in sicu­rez­za del siste­ma idri­co, frut­to del con­fron­to tra le par­ti in cau­sa. Ma il pia­no resta sul­la car­ta per­ché per i 160 milio­ni neces­sa­ri si rimet­te tut­to al gover­no, e si rico­min­cia con il soli­to rim­pal­lo tra Sta­to e con­ces­sio­na­rie e gesto­ri per sta­bi­li­re a chi spet­ta il costo del­le manu­ten­zio­ni, a sca­pi­to del­la tute­la del­le nostre risor­se natu­ra­li, di un bene pub­bli­co vita­le come l’ac­qua, del­la salu­te dei cittadini.

Si arri­va così alla deci­sio­ne di Stra­da dei Par­chi di chiu­de­re a par­ti­re dal pros­si­mo 19 mag­gio il tra­fo­ro in man­can­za di una cer­tez­za sul finan­zia­men­to a dei lavo­ri, per tute­la­re sé stes­sa da ulte­rio­ri respon­sa­bi­li­tà pena­li, pur negan­do ogni adde­bi­to rela­ti­va­men­te alla vicen­da giu­di­zia­ria, cer­tez­za che sem­bra con­trad­di­re la deci­sio­ne pre­cau­zio­na­le estre­ma. La nuo­va Giun­ta di cen­tro­de­stra ha chie­sto la nomi­na di un Com­mis­sa­rio straor­di­na­rio, enne­si­mo segno del fal­li­men­to del­la poli­ti­ca di agi­re al di fuo­ri di un con­te­sto emer­gen­zia­le, men­tre il MIT ci fa sape­re che sta inte­res­san­do la Pre­si­den­za del Con­si­glio “affin­ché si assi­cu­ri l’op­por­tu­no coor­di­na­men­to di tut­te le ammi­ni­stra­zio­ni coin­vol­te e si indi­vi­dui­no le misu­re da por­re in esse­re per il supe­ra­men­to del rischio idro­geo­lo­gi­co che coin­vol­ge l’a­rea”. Dopo anni ci si accor­ge che abbia­mo un pro­ble­ma nono­stan­te ci si affret­ti a ras­si­cu­ra­re sul­la man­can­za di un allar­me in atto, come se ci si potes­se per­met­te­re di pren­de­re anche solo un rischio poten­zia­le di fron­te alla salu­te del­le per­so­ne e del territorio.

Si ripro­po­ne l’a­ta­vi­ca inca­pa­ci­tà del nostro Pae­se di coniu­ga­re svi­lup­po e soste­ni­bi­li­tà, una sfi­da che richie­de il corag­gio di non scen­de­re a com­pro­mes­si per poter cam­bia­re il para­dig­ma eco­no­mi­co in una dire­zio­ne che pon­ga l’am­bien­te e il benes­se­re come par­te fon­da­men­ta­le del valo­re gene­ra­to e non come osta­co­lo alla cre­sci­ta. Noi di Pos­si­bi­le voglia­mo agi­re subi­to, già a par­ti­re dal­la nostra ade­sio­ne al pro­get­to dei Ver­di Euro­pei, affron­tan­do i pro­ble­mi in manie­ra strut­tu­ra­le pri­ma di subir­ne le conseguenze.

Ste­fa­no D’Andreagiovanni 

Pre­si­dio Uma­ni­tà e Pro­gres­so di Lan­cia­no (CH)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.