«Mimì capatosta»: Tiziana Barillà ripercorre storia e attualità di Riace

Ma cosa succede intorno a Riace? Quali sono i valori che rappresenta Lucano? Perché tanto accanimento verso una realtà tutto sommato piccola? Cosa svela? È evidente che il modello Riace smascheri la retorica securitaria di questo governo e di quello precedente, svelandone i meccanismi

[vc_row][vc_column][vc_column_text]È faci­le sen­tir­si soli in que­sto perio­do sto­ri­co. Il mon­do del­l’in­for­ma­zio­ne pro­pa­ga inin­ter­rot­ta­men­te imma­gi­ni di un’I­ta­lia ormai pre­po­ten­te fino al midol­lo, di una comu­ni­tà che cele­bra con gio­ia la cru­del­tà, di una nazio­ne che si chiu­de a ric­cio nel risen­ti­men­to. In momen­ti come que­sti, di pro­ta­go­ni­smo per chi urla, accu­sa e minac­cia; è urgen­te che chi non si rico­no­sce in una socie­tà rea­zio­na­ria non si lasci ingan­na­re dal­la reto­ri­ca del pote­re odier­no, che si pre­sen­ta come mag­gio­ran­za ine­lut­ta­bi­le. L’op­po­si­zio­ne è Pos­si­bi­le, ma lo è anche la costru­zio­ne di alter­na­ti­ve basa­te sul rilan­cio di valo­ri ben più alti del­la rab­bia e del­la pau­ra. La soli­da­rie­tà di Lodi e l’e­co di Ria­ce lo dimo­stra­no.

I mili­tan­ti del Comi­ta­to Pie­ro Cala­man­drei di Firen­ze han­no accol­to con pia­ce­re l’op­por­tu­ni­tà di orga­niz­za­re vener­dì 12 otto­bre una pre­sen­ta­zio­ne di “Mimì Capa­to­sta. Mim­mo Luca­no e il model­lo Ria­ce”, il libro con cui la gior­na­li­sta Tizia­na Baril­là rac­con­ta da vici­no la sto­ria di Ria­ce, del suo sin­da­co, dei suoi abi­tan­ti vec­chi e nuovi.

Dopo una bre­ve intro­du­zio­ne di Rober­to Di Lore­to, por­ta­vo­ce del comi­ta­to, la paro­la pas­sa a Mar­co Saba­di­ni (coor­di­na­to­re del­la Comu­ni­tà a dimen­sio­ne fami­glia­re per mino­ri “Anto­nia­no di Pog­gio Ghe­rar­do” di Firen­ze) che in qua­li­tà di mode­ra­to­re cede il micro­fo­no a Tizia­na Baril­là che ini­zia un reso­con­to det­ta­glia­to del­la situa­zio­ne del­la cit­ta­di­na cala­bre­se. Come pri­ma cosa ricor­da che quel­lo di Luca­no «è un arre­sto poli­ti­co, arri­va­to dopo una lun­ga per­se­cu­zio­ne poli­ti­ca». Effet­ti­va­men­te il pre­ce­den­te mini­stro degli inter­ni Min­ni­ti, nel­l’in­ten­to di gua­da­gna­re i voti del cen­tro­de­stra tra­mi­te una poli­ti­ca musco­la­re nei con­fron­ti dei rifu­gia­ti, ave­va posto le basi per i suc­ces­si­vi ten­ta­ti­vi di sman­tel­la­men­to del model­lo Ria­ce. Mim­mo Luca­no «era cir­con­da­to da cimi­ci, inter­cet­ta­zio­ni tele­fo­ni­che ed ambien­ta­li, attac­chi di ogni tipo sul web e sul­la stam­pa loca­le», sape­va che pri­ma o poi, sareb­be sta­to «cro­ci­fis­so sul­l’al­ta­re di una leg­ge ingiu­sta» qual è la Bos­si Fini, ovve­ro la leg­ge che dal 2002 più che con­tra­sta­re l’il­le­ga­li­tà la pro­muo­ve impe­den­do nei fat­ti la rego­la­riz­za­zio­ne degli stra­nie­ri già pre­sen­ti sul ter­ri­to­rio italiano.

Ma cosa suc­ce­de intor­no a Ria­ce? Qua­li sono i valo­ri che rap­pre­sen­ta Luca­no? Per­ché tan­to acca­ni­men­to ver­so una real­tà tut­to som­ma­to pic­co­la? Cosa sve­la? È evi­den­te che il model­lo Ria­ce sma­sche­ri la reto­ri­ca secu­ri­ta­ria di que­sto gover­no e di quel­lo pre­ce­den­te, sve­lan­do­ne i mec­ca­ni­smi: la costru­zio­ne di con­sen­so bran­den­do la pau­ra come minac­cia, la guer­ra agli ulti­mi per con­so­li­da­re la pro­pria posi­zio­ne poli­ti­ca, l’u­so stru­men­ta­le del­la leg­ge per favo­ri­re i più for­ti. Secon­do Baril­là «il gran­de risul­ta­to di que­sta vicen­da è che, nel pae­se del mini­stro che par­la di un tun­nel che non esi­ste, Mim­mo Luca­no è riu­sci­to a far par­la­re di disub­bi­dien­za civi­le, del­la dif­fe­ren­za tra lega­li­tà e giu­sti­zia, è riu­sci­to a ricor­da­re a que­sto pae­se il fat­to che “lega­le” non basta, biso­gna che sia anche “giu­sto”, altri­men­ti biso­gna disub­bi­di­re». Tut­ta­via l’au­tri­ce met­te in guar­dia il pub­bli­co, «atten­zio­ne a non tra­sfor­ma­re Luca­no in un eroe, a chie­der­gli ‑ad esem­pio- di can­di­dar­si come capo­li­sta alle ele­zio­ni euro­pee. Non pos­sia­mo risol­ve­re le cose attra­ver­so un uomo solo, anche per­ché un uomo solo lo si abbat­te facil­men­te, ce lo inse­gna il caso di Ria­ce. Mim­mo Luca­no è sta­to pri­ma di tut­to un sin­da­co che ha fat­to il pro­prio dove­re nel rispet­to del­la Costi­tu­zio­ne, a costo di anda­re con­tro del­le leg­gi che ritie­ne ingiu­ste. Se inve­ce noi ci avvin­ghia­mo alla sua figu­ra gli fac­cia­mo un tor­to, per­ché lui ha costrui­to tut­to insie­me alla sua comu­ni­tà». Allo­ra come si fa a difen­de­re il model­lo Ria­ce? «Non lo fai difen­den­do Mim­mo Luca­no, a Ria­ce si difen­do­no da soli da ven­t’an­ni. La stra­te­gia dovreb­be esse­re fare Ria­ce a casa tua, tra­sfor­ma­re il tuo quar­tie­re, la tua cit­tà. Altri­men­ti ogni espe­rien­za è desti­na­ta ad esau­rir­si, altri­men­ti Ria­ce diven­ta un posto in cui anda­re a far­si un sel­fie. Que­sta è la solu­zio­ne, difen­de­re Mim­mo sen­za dub­bio, ma fare quel­lo che fan­no loro, ovun­que, anco­ra meglio».

A segui­re altri inter­ven­ti signi­fi­ca­ti­vi. Euge­nio Alfa­no del­l’Asso­cia­zio­ne per gli Stu­di Giu­ri­di­ci sul­l’Im­mi­gra­zio­ne par­la del­l’ul­ti­mo decre­to gover­na­ti­vo in mate­ria di immi­gra­zio­ne e sicu­rez­za, del fat­to che non ci sia trac­cia di lega­li­tà alcu­na in que­sti prov­ve­di­men­ti e che non sia­no quin­di miglio­ra­bi­li ma da can­cel­la­re. Andrea Mayer di Oxfam Ita­lia ha par­la­to del siste­ma di acco­glien­za ita­lia­no in cui, pur­trop­po, non man­ca­no le zone d’om­bra, facen­do una gran­de distin­zio­ne tra i CAS, i cen­tri di acco­glien­za straor­di­na­ria in cui le ammi­ni­stra­zio­ni loca­li non han­no voce in capi­to­lo e non ne pos­so­no moni­to­ra­re l’o­pe­ra­to e i cen­tri SPRAR ovve­ro il Siste­ma Pro­te­zio­ne Richie­den­ti Asi­lo e Rifu­gia­ti, un model­lo che pre­ve­de il pro­ta­go­ni­smo degli enti loca­li e che faci­li­ta l’e­mer­ge­re di pra­ti­che vir­tuo­se. Sem­bre­reb­be iro­ni­co ma gli ulti­mi decre­ti leg­ge pre­ve­do­no un gra­dua­le depo­ten­zia­men­to del­lo SPRAR in favo­re dei cen­tri CAS, lascian­do intat­to quin­di ciò che non fun­zio­na a sca­pi­to di un siste­ma che ha dato risul­ta­ti posi­ti­vi. Ulti­mo ma non meno impor­tan­te l’in­ter­ven­to di Nas­si­ra Cama­ra, media­tri­ce cul­tu­ra­le e for­ma­tri­ce, la cui testi­mo­nian­za ren­de bene l’im­ma­gi­ne di un siste­ma di acco­glien­za mes­so in dif­fi­col­tà dal­le isti­tu­zio­ni e nel qua­le il lavo­ro quo­ti­dia­no vie­ne intral­cia­to con sistematicità.

A even­to qua­si con­clu­so Tizia­na Baril­la rispon­de ad un’al­tra doman­da. Come ribat­te­re a colo­ro che deni­gra­no la disub­bi­dien­za civi­le dicen­do, sem­pli­ci­sti­ca­men­te, che su que­sta stra­da si potreb­be anche non paga­re le tas­se? «Si ribat­te dicen­do che in fon­do quel­lo che si sta facen­do a Ria­ce non è solo disub­bi­dien­za, è anche ubbi­dien­za alle leg­gi del­l’u­ma­ni­tà ma anche alle leg­gi del­lo Sta­to. Le leg­gi han­no una gerar­chia, la Costi­tu­zio­ne è la pri­ma del­le leg­gi e l’ar­ti­co­lo 10 pre­ve­de quel che Luca­no sta facen­do a Ria­ce. Noi abbia­mo un gran­de pro­ble­ma demo­cra­ti­co per quan­to riguar­da le leg­gi, sia nel­la for­ma che nel­la sostan­za, per cui oggi il para­dos­so è che disub­bi­di­re a cer­te leg­gi vuol dire rispet­ta­re la Costi­tu­zio­ne».

La sera­ta, che ha visto la par­te­ci­pa­zio­ne di oltre ottan­ta per­so­ne, si è con­clu­sa con l’amichevole par­te­ci­pa­zio­ne dell’attrice Danie­la Moroz­zi, che ha let­to alcu­ni bra­ni trat­ti dal libro di Tizia­na Baril­là, Mimì capa­to­sta: Mim­mo Luca­no e il model­lo Ria­ce.

Lotar Sàn­chez
Comi­ta­to Firen­ze Pos­si­bi­le Pie­ro Calamandrei

(foto di Ila­ria Boc­cac­ci)[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.