Escalation di razzismo in Lombardia: dobbiamo contrastarla assieme

Varese, Arosio, Como, Morbegno, Lodi, Milano: sono solo le ultime città lombarde ad essere state nelle ultime settimane tristemente protagoniste di episodi di razzismo. Episodi eclatanti, e che quindi arrivano sulla stampa. Perché non possiamo sapere in realtà quanti piccoli gesti di razzismo si consumano in mezzo a noi ogni giorno.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Vare­se, Aro­sio, Como, Mor­be­gno, Lodi, Mila­no: sono solo le ulti­me cit­tà lom­bar­de ad esse­re sta­te nel­le ulti­me set­ti­ma­ne tri­ste­men­te pro­ta­go­ni­ste di epi­so­di di raz­zi­smo. Epi­so­di ecla­tan­ti, e che quin­di arri­va­no sul­la stam­pa. Per­ché non pos­sia­mo sape­re in real­tà quan­ti pic­co­li gesti di raz­zi­smo si con­su­ma­no in mez­zo a noi ogni giorno.

A Vare­se, un com­mes­so è sta­to aggre­di­to: “non voglio esse­re ser­vi­ta da un negro”.

Ad Aro­sio, un pre­te mani­fe­sta pre­oc­cu­pa­zio­ne sull’invasione dei musul­ma­ni e For­za Nuo­va se ne com­pia­ce (ovvia­men­te).

A Mor­be­gno, un ragaz­zo sene­ga­le­se di 28 anni vie­ne pic­chia­to men­tre sta andan­do al lavo­ro duran­te la not­te – fa il panet­tie­re – esclu­si­va­men­te per il colo­re del­la sua pelle.

Sul tre­no Mila­no – Trie­ste una signo­ra cam­bia posto per­ché “vici­no a una nera non ci sto”.

A Lodi, i figli di per­so­ne immi­gra­te ven­go­no esclu­si dal­la men­sa per­ché la sin­da­ca pre­ten­de dal­le loro fami­glie docu­men­ta­zio­ne impos­si­bi­le da pro­dur­re nel loro Pae­se di ori­gi­ne, met­ten­do in pra­ti­ca una vera e pro­pria discri­mi­na­zio­ne con­tro gli stra­nie­ri che han­no anche la col­pa spes­so di esse­re poco abbien­ti. A far­ne le spe­se, i bim­bi di oggi, gli adul­ti di doma­ni.

Mes­si in fila que­sti even­ti fan­no accap­po­na­re la pel­le, e diven­ta dif­fi­ci­le liqui­dar­li come epi­so­di iso­la­ti. Tan­to più quan­do vedia­mo raf­for­zar­si, con il bene­sta­re spes­so di ammi­ni­stra­zio­ni com­pia­cen­ti, grup­pi di estre­ma destra che inco­rag­gia­no que­sti gesti. È il caso di Como, dove l’amministrazione pare inten­zio­na­ta ad apri­re a un accor­do con il lea­der regio­na­le di For­za Nuo­va per la gestio­ne di spa­zi verdi.

O del ten­ta­ti­vo di FN di isti­tui­re del­le ron­de fasci­ste sul­la trat­ta Mila­no Ber­ga­mo, denun­cia­ta anche da ANED.

Il tem­po riser­va­to alla cir­co­la­zio­ne di que­ste noti­zie è poco più di un atti­mo, men­tre la rile­van­za data a rea­ti com­piu­ti da stra­nie­ri sul nostro ter­ri­to­rio è inver­sa­men­te pro­por­zio­na­le, gra­zie all’amplificazione pro­ve­nien­te da gran par­te del­la mag­gio­ran­za di Gover­no e dei suoi espo­nen­ti. E così la pau­ra cre­sce, anche per­so­ne miti si con­vin­co­no che lo stra­nie­ro – soprat­tut­to nero – sia un peri­co­lo, che la pre­sen­za di immi­gra­ti sia abnor­me, che ci stia­no inva­den­do, che sia­no dei fan­nul­lo­ni capa­ci solo di infran­ge­re la leg­ge. Insom­ma, il vec­chio mito dell’uomo nero, quel­lo a cui vie­ni affi­da­to per un mese inte­ro nel­la nin­na nan­na se non ti addor­men­ti velo­ce velo­ce e fai con­ten­ti mam­ma e papà. Non si spie­ghe­reb­be altri­men­ti la cre­sci­ta di epi­so­di di raz­zi­smo anche in cit­tà coin­vol­te solo mar­gi­nal­men­te da feno­me­ni migra­to­ri e pre­sen­ze stra­nie­re, spes­so ben inte­gra­te tra l’altro.

Come Comi­ta­ti di Pos­si­bi­le del­la Lom­bar­dia sia­mo pre­oc­cu­pa­ti del­la ras­se­gna­zio­ne – a vol­te vera e pro­pria con­ni­ven­za — che spes­so vedia­mo attor­no a noi nei con­fron­ti di que­sto feno­me­no, anche da par­te di chi rive­ste inca­ri­chi isti­tu­zio­na­li. Non pos­so­no esser­ci ambi­gui­tà, non accet­tia­mo nes­su­no spa­zio di frain­ten­di­men­to. Il raz­zi­smo è una malat­tia per la demo­cra­zia e non si può tol­le­ra­re in nes­su­na sua mani­fe­sta­zio­ne. Per­ché le malat­tie van­no cura­te appe­na se ne intra­ve­do­no i sin­to­mi, non sot­to­va­lu­ta­te nel­la spe­ran­za che pas­si­no da sé. 

Vole­te con­tri­bui­re a iniet­ta­re #anti­vi­rus nel Pae­se per fer­ma­re que­sta esca­la­tion? Vi aspet­tia­mo alla pros­si­ma riu­nio­ne del Comi­ta­to a voi più vici­no. Insie­me, è #Pos­si­bi­le

I Comi­ta­ti di Pos­si­bi­le del­la Lom­bar­dia[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?