A Milano va in scena la «sicurezza che è una parola di sinistra»

Un'operazione che ha visto dispiegato metà apparato di sicurezza dello Stato, ma con quali risultati? Tanto scalpore mediatico e una politica locale che non si smarca da operazioni di "sicurezza" che colpiscono chi ha la pelle di colore diverso dai bianchi caucasici.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1493796850237{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]e affac­cia­ti alle loro fine­stre nel mare 
tut­ti han pesca­to voti qua e là 
e nes­su­no deve più preoccuparsi 
di via del­la Povertà. 

 

Sce­ne di que­sto tipo, a Mila­no, io non ne ricor­do. Io non ricor­do di tre­cen­to agen­ti, a pie­di e a caval­lo, uni­tà cino­fi­le, camio­net­te, addi­rit­tu­ra un eli­cot­te­ro, con un man­da­to ben pre­ci­so: rastrel­la­re le per­so­ne che han­no una pig­men­ta­zio­ne del­la pel­le diver­sa da quel­la dei bian­chi cau­ca­si­ci, cari­car­le sul­le camio­net­te, dete­ner­le ammi­ni­stra­ti­va­men­te per accer­ta­re la loro con­di­zio­ne giu­ri­di­ca. La loro col­pa? Nes­su­na, nes­su­na accu­sa, nes­sun rea­to con­te­sta­to, nien­te di nien­te, a par­te il colo­re del­la pel­le. Ed ecco per­ché — scri­ve il Cor­rie­re — «il bilan­cio del maxi con­trol­lo (anco­ra da defi­nir­si nel det­ta­glio, ndr) è però in chia­ro­scu­ro: 52 immi­gra­ti por­ta­ti in Que­stu­ra per veri­fi­che sui docu­men­ti, ma nes­su­na denun­cia. E anzi, quat­tro i sene­ga­le­si e gam­bia­ni che pro­prio gra­zie a que­ste veri­fi­che han­no sco­per­to di ave­re otte­nu­to, dopo un iter dura­to mesi, lo sta­tus di rifugiato».

Un dispie­ga­men­to di for­ze del­l’or­di­ne che con­fi­gu­ra una vera e pro­pria pro­va musco­la­re sen­za alcun fine stra­te­gi­co, per­ché è sola­men­te un pove­ro illu­so chi pen­sa che qual­che spin­to­ne, tan­te divi­se e qual­che ora pas­sa­ta in fer­mo ammi­ni­stra­ti­vo pos­sa aver resti­tui­to, da que­sta mat­ti­na, can­do­re ai mar­mi del­la sta­zio­ne Cen­tra­le di Mila­no. Una pro­va di for­za con­tro i migran­ti e, soprat­tut­to, con­tro il gra­do di civil­tà di una cit­tà che vor­reb­be por­si a model­lo del­l’ac­co­glien­za in Ita­lia e che inve­ce si tro­va immer­sa nel cor­so demo­cra­ti­co (si fa per dire) impo­sto dal gover­no con i decre­ti Min­ni­ti-Orlan­do, che tro­va spon­da nel­le dichia­ra­zio­ni dei ver­ti­ci ammi­ni­stra­ti­vi e poli­ti­ci mila­ne­si. L’as­ses­so­ra comu­na­le alla sicu­rez­za, Car­me­la Roz­za, ha spie­ga­to come «da tem­po il Comu­ne di Mila­no abbia chie­sto a pre­fet­tu­ra e que­stu­ra “una mas­sic­cia cam­pa­gna di iden­ti­fi­ca­zio­ne di colo­ro che sta­zio­na­no in tut­ta l’a­rea e intor­no all’­hub di via Sam­mar­ti­ni. Pur­trop­po que­ste iden­ti­fi­ca­zio­ni non pos­so­no esse­re svol­te dal­la poli­zia loca­le. Spe­ria­mo che non sia un bli­tz epi­so­di­co ma che que­sta atten­zio­ne, anche in for­ma mino­re, con­ti­nui con costan­za nel tem­po». «Un ser­vi­zio straor­di­na­rio di con­trol­lo e pre­ven­zio­ne del ter­ri­to­rio», l’ha defi­ni­to inve­ce il segre­ta­rio metro­po­li­ta­no del Pd, Pie­tro Bus­so­la­ti, che con­ti­nua: «spe­ria­mo che non si trat­ti di una ope­ra­zio­ne epi­so­di­ca, ma che si dia con­ti­nui­tà a simi­li con­trol­li, come l’am­mi­ni­stra­zio­ne e il Par­ti­to Demo­cra­ti­co chie­do­no da tem­po». E fa ride­re, se non ci fos­se da pian­ge­re, il dispia­ce­re di Bus­so­la­ti nel vede­re che «ci sia qual­cu­no, come Mat­teo Sal­vi­ni, che caval­ca e stru­men­ta­liz­za a fini elet­to­ra­li situa­zio­ni di degra­do e dif­fi­col­tà, inve­ce di mostrar­si soli­da­le con il lavo­ro del­la poli­zia». Cosa si aspet­ta­va il segre­ta­rio Bus­so­la­ti? Che Sal­vi­ni mode­ras­se i toni, quan­do è lo stes­so Par­ti­to Demo­cra­ti­co ad alzar­gli la pal­la? Tra l’al­tro Sal­vi­ni, dopo aver esul­ta­to per­ché final­men­te ha potu­to assi­ste­re (e in tem­po rea­le, per­ché si tro­va­va lì al momen­to del­la reta­ta, sem­pre al posto giu­sto al momen­to giu­sto: un fiu­to straor­di­na­rio?) a «un bel bli­tz con eli­cot­te­ri e caval­li», ha rin­gra­zia­to ecco­me. Nel­l’or­di­ne: «gra­zie a Dio, alla poli­zia, ai cara­bi­nie­ri. Puli­zia: di que­sta gen­te non c’è biso­gno». A fare eco ai ver­ti­ci demo­cra­ti­ci e leghi­sti è poi arri­va­ta Maria­stel­la Gel­mi­ni (For­za Ita­lia): «Spe­ro che il bli­tz di oggi sia solo il pri­mo di una lun­ga serie».

Insom­ma: voglio­no tut­ti più reta­te con­tro cit­ta­di­ni extra­co­mu­ni­ta­ri, anche se sono in rego­la e non han­no com­mes­so alcun rea­to. Per­ché crea­no disor­di­ne, spor­ca­no, sono neri. 

Ma sic­co­me la cit­tà di Mila­no, su ini­zia­ti­va del­l’am­mi­ni­stra­zio­ne comu­na­le di Bep­pe Sala (nul­la da dire sul­la reta­ta?) e in par­ti­co­la­re del­l’as­ses­so­re Pier­fran­ce­sco Majo­ri­no, vor­reb­be por­si a gui­da, a esem­pio del­l’ac­co­glien­za (e nes­su­no può nega­re che ci sia­no sta­te ini­zia­ti­ve mol­to miglio­ri rispet­to ad altre cit­tà) anche con una mani­fe­sta­zio­ne sul model­lo di Bar­cel­lo­na (“20 mag­gio sen­za muri”, il tito­lo), qual­cu­no che dices­se «ehi, cal­ma, sono anda­ti a fare un rastrel­la­men­to di neri in sta­zio­ne Cen­tra­le dispie­gan­do metà appa­ra­to di sicu­rez­za del­la patria, for­se qual­co­sa non va» ci dove­va esse­re. E infat­ti è inter­ve­nu­to lo stes­so Majo­ri­no, uni­ca voce dub­bio­sa: «mi pia­ce­reb­be capi­re che tipo di risul­ta­ti por­ta­no azio­ni simi­li. Mi con­vin­ce di più la cul­tu­ra degli inter­ven­ti mira­ti, con­ti­nua­ti­vi e con­dot­ti nel silen­zio, ma non sono un poli­ziot­to. Vedre­mo quel­li che saran­no i risul­ta­ti effet­ti­vi di un’o­pe­ra simi­le. L’ac­cer­ta­men­to del­le con­di­zio­ni e del­lo sta­tus dei richie­den­ti asi­lo deve, accom­pa­gnar­si, sem­pre, con il rispet­to dei dirit­ti uma­ni». Rileg­ge­te. Ave­te rilet­to? Bene. Ave­te tro­va­to una paro­la di con­dan­na? Io no. I risul­ta­ti, lo sa Majo­ri­no mol­to meglio di noi dato che si occu­pa del­la que­stio­ne sul cam­po, saran­no pari a zero, ma in com­pen­so rischia­mo di ave­re una cit­tà che tol­le­ra reta­te etni­che e costrui­sce muri (deve esse­re la famo­sa «sicu­rez­za che è una paro­la di sini­stra»), con tan­ti salu­ti alla mani­fe­sta­zio­ne del 20 mag­gio.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.