Migranti, Maestri: Stato diritto torni a bordo di Italia ed Europa

#
“L’Europa e l’Italia si muovano. Non è una scelta politica o discrezionale quella da compiere ma è adempimento di un preciso obbligo giuridico. In mare ci sono 49 migranti, in condizioni ormai al limite. Ci sono violazioni di leggi superiori e universali, dalla Costituzione alle Convenzioni internazionali sul diritto del mare e sulla protezione dei rifugiati, ma nonostante questo l’effettiva tutela dei diritti viene comunque fatta a pezzi”. Lo dichiara Andrea Maestri della segreteria nazionale di Possibile, parlando della situazione dell’imbarcazione della Sea Watch.
“Tra tutti ricordiamo – aggiunge Maestri – il dovere inderogabile di solidarietà di cui all’articolo 2 e il diritto di asilo di cui all’articolo 10 della Costituzione. C’è una Procura della Repubblica in Italia che voglia valutare la liceità penale di una simile omissione, di soccorso e di atti doverosi, e di una patente violazione del principio di non refoulement, portata avanti con cinica impunità nientemeno che dal ministro responsabile? Lo stato di diritto risalga immediatamente su quelle navi, in Italia e in Europa”.
  • 46
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati