Migranti, Brignone-Civati: Italia complice con la Libia per torture e violenze

#

“Sono passati tre mesi da quando con Possibile abbiamo sollevato la questione, chiedendo alla ministra dell’Interno Lamorgese di non firmare l’accordo con la Libia, attraverso il quale continueremo a finanziare centri di detenzione fuori da ogni controllo internazionale. Sono passati tre mesi da quando la ministra Lamorgese è arrivata in Aula, a difendere gli accordi, a promettere però ‘modifiche’, una revisione del testo, ‘miglioramenti’ che non solo non sono mai arrivati, non sono mai stati discussi”. Lo dichiarano la segretaria e il fondatore di Possibile, Beatrice Brignone e Giuseppe Civati, sugli accordi con la Libia.

“Non sono bastate – aggiungono Brignone e Civati – le mobilitazioni nate in questi mesi, ignorate dal governo e dalla maggioranza che lo sostiene, che prima o poi dovrà prendersi le sue responsabilità. Oggi è 3 febbraio, e inizia il quarto anno in cui l’Italia si sarà resa complice di una situazione in cui giorno dopo giorno uomini, donne e bambini vengono sottoposti a condizioni di detenzione pesantissime, torture, violenze. Nel silenzio generale. Nell’indifferenza di chi aveva il potere di cambiare le cose, e che ha deciso di voltarsi dall’altra parte”.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati