Matteo come Hillary, e il finale è già scritto

Ieri Beppe Grillo, prevedibilmente e pur con qualche distinguo, ha rivendicato di essere in sostanza il Donald Trump italiano, il che fa di Matteo Renzi la nostra Hillary Clinton: è una verità di per sé stessa evidente, come direbbe Thomas Jefferson.

Ieri Bep­pe Gril­lo, pre­ve­di­bil­men­te e pur con qual­che distin­guo, ha riven­di­ca­to di esse­re in sostan­za il Donald Trump ita­lia­no, il che fa di Mat­teo Ren­zi la nostra Hil­la­ry Clin­ton: è una veri­tà di per sé stes­sa evi­den­te, come direb­be Tho­mas Jefferson.

Il para­go­ne non è azzar­da­to, ma ha soli­de basi teo­ri­che: Hil­la­ry Clin­ton si è infat­ti can­di­da­ta a pro­se­gui­re, ven­t’an­ni dopo, quel­la Ter­za via che carat­te­riz­zò la lea­der­ship di suo mari­to Bill negli Usa e di Tony Blair in Gran Bre­ta­gna, e a cui Mat­teo Ren­zi ha sem­pre det­to di ispi­rar­si. Che con­si­ste­va, e con­si­ste, in un posi­zio­na­men­to inter­me­dio tra destra e sini­stra, nel­la con­ci­lia­zio­ne tra poli­ti­che eco­no­mi­che libe­ri­ste e poli­ti­che socia­li pro­gres­si­ste. Con uno sci­vo­la­men­to pro­gres­si­vo ver­so le pri­me, come si è visto nel tempo.

Le ele­zio­ni ame­ri­ca­ne han­no appe­na mostra­to che quel­la ricet­ta non con­vin­ce più, non è più adat­ta ai tem­pi, è invec­chia­ta ed è invec­chia­ta male. E non è arre­tra­ta solo rispet­to alle pro­po­ste di San­ders, prin­ci­pa­le avver­sa­rio del­la Clin­ton alle pri­ma­rie, ma anche rispet­to all’a­gen­da degli otto anni di pre­si­den­za Oba­ma: come se gli anni non fos­se­ro pas­sa­ti, come se non fos­se suc­ces­so nien­te da allo­ra, si pro­po­ne­va quin­di non di pro­se­gui­re sul per­cor­so ini­zia­to ma addi­rit­tu­ra di tor­na­re indie­tro, insom­ma una fol­lia totale.
Così, quan­do il cam­po demo­cra­ti­co ha tira­to un sospi­ro di sol­lie­vo per l’ap­pog­gio di Ber­nie San­ders a Hil­la­ry Clin­ton, con l’ac­co­gli­men­to da par­te del­la vin­ci­tri­ce del­le pri­ma­rie di alcu­ne del­le issues di San­ders, è rima­sto sul­lo sfon­do un enor­me nodo irri­sol­to: che tut­ta la cam­pa­gna di San­ders si basa­va sul supe­ra­men­to del lega­me tra finan­za e poli­ti­ca, un lega­me che Hil­la­ry Clin­ton incar­na e non vole­va — e pro­ba­bil­men­te nem­me­no pote­va — rinnegare.

Per la Clin­ton quel nodo è sta­to leta­le per­ché ha fin­to di non capi­re che non basta, per con­vin­ce­re gli elet­to­ri pro­gres­si­sti, ave­re una posi­zio­ne avan­za­ta sul­la can­na­bis, sul­l’im­mi­gra­zio­ne o sui dirit­ti civi­li, se poi si han­no tra i pro­pri finan­zia­to­ri le gran­di ban­che, se si vie­ne paga­ti mol­ti mol­ti sol­di per tene­re discor­si negli ambien­ti finan­zia­ri, e poi in cam­pa­gna elet­to­ra­le si rifiu­ta di rac­con­ta­re cosa con­te­ne­va­no quei discor­si, per vale­re così tan­to dena­ro. Que­sto non per smi­nui­re i dirit­ti civi­li, anzi, ma per­ché sen­za una coe­ren­za com­ples­si­va si fini­sce addi­rit­tu­ra per dan­neg­giar­li, per deser­ti­fi­ca­re il cam­po in cui dovreb­be­ro inne­star­si, oltre che for­ni­re alle destre la for­mi­da­bi­le occa­sio­ne di usar­li sul­le fasce più debo­li del­la popo­la­zio­ne come esem­pio di ipo­cri­sia e faci­le cau­sa di tut­ti i mali.

Quin­di sì, per veni­re a noi, la leg­ge ita­lia­na sul­le unio­ni civi­li è un pas­so in avan­ti — pur se insuf­fi­cien­te — ma in ogni caso non basta a com­pen­sa­re il jobs act e la pro­gres­si­va distru­zio­ne dei dirit­ti dei lavo­ra­to­ri (per cita­re un esem­pio lam­pan­te ma non uni­co). E non basta ad anco­ra­re il Pd nel cam­po pro­gres­si­sta, spe­cie a fron­te di un’o­sten­ta­ta vici­nan­za di Ren­zi e del suo par­ti­to a Con­fin­du­stria, alle ban­che, insom­ma all’e­sta­blish­ment: le sue posi­zio­ni su temi qua­li appun­to i dirit­ti civi­li e l’im­mi­gra­zio­ne (per non par­la­re del­la can­na­bis) sono peral­tro deci­sa­men­te più timi­de — or, as we say in Ita­ly, “demo­cri­stia­ne” — di quel­le del­la Clin­ton, men­tre in com­pen­so le sue usci­te alle assem­blee degli indu­stria­li o dei costrut­to­ri sono per­si­no più sfac­cia­te. Hil­la­ry può alme­no riven­di­ca­re di aver avu­to il voto dei mil­len­nials, men­tre Ren­zi non ha nem­me­no quel­lo, e in que­sto momen­to rap­pre­sen­ta mal­gra­do i suoi sfor­zi leo­pol­di­ni e la reto­ri­ca del sì al refe­ren­dum una con­ser­va­zio­ne a tut­to ton­do, vici­na agli inte­res­si finan­zia­ri e sor­da al males­se­re di par­ti sem­pre più vaste del­la società.

Quel­lo che è arri­va­to dagli elet­to­ri ame­ri­ca­ni è quin­di uno schiaf­fo alla cul­tu­ra del com­pro­mes­so, all’im­po­si­zio­ne del meno peg­gio, alla tesi gover­ni­sta per cui “qual­co­sa è meglio di nien­te” (con cui incre­di­bil­men­te i soste­ni­to­ri del sì al refe­ren­dum pro­muo­vo­no la rifor­ma costi­tu­zio­na­le, con­ten­ti loro), all’ar­ro­gan­za con cui si è bol­la­ta di inge­nui­tà e di man­can­za di prag­ma­ti­smo qual­sia­si pro­po­sta se non ambi­zio­sa quan­to­me­no ragio­ne­vo­le o miglio­ra­ti­va venu­ta da sini­stra in que­sti anni, e dovreb­be far pro­fon­da­men­te riflet­te­re pro­prio la sini­stra che sta anco­ra nel Pd per cam­biar­lo da den­tro o vi si vuo­le allea­re da fuo­ri: per­ché non è più cre­di­bi­le gover­na­re con un par­ti­to che si è lega­to indis­so­lu­bil­men­te a inte­res­si che non sono quel­li dei suoi elet­to­ri, e nem­me­no fin­ge più che non sia così, anzi lo rivendica.

È per que­sto che quan­do Ren­zi e i suoi ret­wit­ta­to­ri seria­li usa­no l’e­sem­pio di San­ders per richia­ma­re le mino­ran­ze all’u­ni­tà dimo­stra­no di non ave­re la più pal­li­da idea di quel­lo di cui stan­no par­lan­do: per­ché se il richia­mo alla linea non fun­zio­na in un pae­se come l’A­me­ri­ca, che non solo è bipo­la­re ma è sostan­zial­men­te bipar­ti­ti­co, figu­ria­mo­ci se può fun­zio­na­re in un pae­se come l’I­ta­lia che come mini­mo di poli ne ha tre e di par­ti­ti (e di cul­tu­re poli­ti­che, mal­gra­do tut­to) un’infinità.

E il paral­le­lo tra Mat­teo, Hil­la­ry e ciò che è suc­ces­so in Ame­ri­ca non si limi­ta alla poli­ti­ca, riguar­da anche i gran­di gior­na­li e tut­ti gli altri pote­ri for­ti. Come ha dimo­stra­to la not­te elet­to­ra­le ame­ri­ca­na, più i media, per­si­no quan­do la cri­ti­ca­va­no, dipin­ge­va­no Hil­la­ry Clin­ton come una scel­ta obbli­ga­ta e sen­za alter­na­ti­ve, più ren­de­va­no dif­fi­den­ti gli elet­to­ri e li spin­ge­va­no ver­so Trump, o sem­pli­ce­men­te all’a­sten­sio­ne. Esat­ta­men­te come in Ita­lia, dove con mio­pia e stu­pi­di­tà tut­ti i cosid­det­ti pote­ri for­ti del pae­se, dai grup­pi edi­to­ri dei gior­na­li a Con­fin­du­stria (e per parec­chio tem­po anche Ber­lu­sco­ni, non dimen­ti­chia­mo­lo) han­no pun­ta­to su Ren­zi, e più ci inve­sto­no più spin­go­no il Pae­se ver­so Bep­pe Gril­loIt’s that sim­ple. Ed è pure incom­pren­si­bi­le: se si teme Gril­lo, e se la ricet­ta che si pro­pi­na (Ren­zi, e la cul­tu­ra del pen­sie­ro uni­co che incar­na) non pia­ce, che sen­so ha insi­ste­re che va man­gia­ta a tut­ti i costi fino a far­se­la tira­re in fac­cia? Non è meglio pro­por­ne altre?

Se non si ini­zia a costrui­re una pro­po­sta real­men­te diver­sa, a for­ni­re un’al­ter­na­ti­va, quan­do l’i­ne­vi­ta­bi­le acca­drà, i mer­ca­ti andran­no a pic­co e si sca­te­ne­ran­no gli opi­nio­ni­sti pie­ni di pre­oc­cu­pa­zio­ne, scan­da­lo e pani­co, gli stes­si che han­no cau­sa­to il gua­io si inter­ro­ghe­ran­no per capi­re come è potu­to suc­ce­de­re. Ma quel gior­no sarà trop­po tar­di, baste­reb­be ren­der­se­ne con­to ades­so. E, posto che è legit­ti­mo che i media — così come i loro azio­ni­sti — fac­cia­no scel­te di cam­po anche poli­ti­co, non dovreb­be­ro comun­que subor­di­nar­le alla loro mis­sion di fare una cor­ret­ta infor­ma­zio­ne, così come sareb­be sag­gio, dal pun­to di vista stra­te­gi­co, riflet­te­re sul­l’op­por­tu­ni­tà di insi­ste­re così ottu­sa­men­te nel­la osti­na­ta col­ti­va­zio­ne di un pen­sie­ro uni­co e sen­za alter­na­ti­ve (never put all eggs in one basket) e sul rifiu­to che que­sto ha gene­ra­to nei loro (ex) lettori.

Cer­to, si potreb­be obiet­ta­re che anche ammet­ten­do la fon­da­tez­za que­sta tesi il cam­po del­la sini­stra ita­lia­na è mes­so peg­gio di quel­lo del­la sini­stra ame­ri­ca­na (il che è tut­to dire), che è tal­men­te deva­sta­to che in ogni caso non ci si può far nul­la. Più che un dibat­ti­to sul­la sini­stra, però, ser­ve piut­to­sto occu­par­si di sala­rio mini­mo ora­rio e red­di­to di soste­gno, di discu­te­re su come far paga­re le tas­se alle mul­ti­na­zio­na­li e agli eva­so­ri, e la tas­sa sul­la casa alle vil­le, di abbas­sar­le a chi ne ha più biso­gno inve­ce di dare bonus a chi sta bene (e così via). A pat­to però che mol­ti di quel­li che negli ulti­mi anni han­no inve­sti­to sul­l’e­si­sten­te, e che a que­sto pun­to qual­che dub­bio dovreb­be­ro pur esser­se­lo fat­to veni­re, si chia­ri­sca­no le idee sul qua­dro gene­ra­le e ini­zi­no a con­si­de­ra­re l’i­dea di inve­sti­re il loro tem­po e le loro risor­se nel­la costru­zio­ne di qual­co­sa di diver­so: qual­co­sa che abbia sen­so, però, e che sia coe­ren­te. Per­ché non è più tem­po per le scel­te a metà.
E per­ché se va avan­ti così il fina­le è già scrit­to, e lamen­tar­si sarà tar­di­vo e inutile.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?