#TourRicostituente Magari occuparsi delle persone, più che dei sondaggi.

For­te però: alla fine vin­ce Trump e i soste­ni­to­ri del­la rifor­ma costi­tu­zio­na­le par­to­no a spron bat­tu­to a dir­ci che il sì al pros­si­mo refe­ren­dum ser­ve anche per que­sto. Per evi­ta­re Trump? Anche. Per non fidar­si dei son­dag­gi? Cer­to. Tut­to: qual­sia­si noti­zia di cro­na­ca, di poli­ti­ca, di socie­tà, qual­sia­si disgra­zia, qual­sia­si vit­to­ria, qual­sia­si scon­fit­ta, qual­sia­si cele­bra­zio­ne, addi­rit­tu­ra anche qual­che defun­to sono pota­bi­li a que­sta cam­pa­gna refe­ren­da­ria eson­da­ta in una tur­bo­cam­pa­gna elet­to­ra­le. Una raf­fi­ca con­ti­nua di mal­lea­bi­li spot pron­ti all’u­so che si scal­da­no sul­la pun­ta del­le dita di un eser­ci­to di twit­ta­ro­li, pron­ti in boz­za per le bache­che Face­book e con le bri­ga­te inten­te a man­da­re a memo­ria gli slo­gan da scio­ri­na­re in tele­vi­sio­ne. Su tut­te le televisioni.

Il meto­do, cari: il meto­do in poli­ti­ca (e non solo) è il ter­mo­me­tro del­la sta­tu­ra di una rifor­ma. Come la si dice, coma la si scri­ve e soprat­tut­to come la si rac­con­ta. Il meto­do di una cam­pa­gna è il cuo­re del­la cam­pa­gna stes­sa: pos­sia­mo riem­pir­la di tut­ti gli ammen­ni­co­li, pos­sia­mo musi­car­la con colon­ne sono­re magni­fi­cen­ti ma il “come” pas­sa, ecco­me. E per que­sto insi­sto fino allo sfi­ni­men­to che da qui al 4 dicem­bre non c’è solo da evi­ta­re al Pae­se una pes­si­ma chi­rur­gia costi­tu­zio­na­le peri­co­lo­sa per gli equi­li­bri e il fun­zio­na­men­to del nostro Pae­se ma c’è anche da costrui­re un meto­do di fare poli­ti­ca che non si pre­sti a tra­ve­sti­men­ti: men­tre que­gli altri a gior­ni alter­ni indos­sa­no il frac del­l’e­sta­blish­ment e poi l’el­met­to del­l’an­tie­sta­blish­ment (con un pez­zo di stam­pa che cele­bra lo show sen­za nem­me­no un filo di dub­bio per il tra­sfor­mi­smo) noi abbia­mo il com­pi­to di rac­co­glie­re e acco­glie­re. Rac­co­glie­re i voti, sì cer­to, (è la poli­ti­ca, eh) e acco­glie­re tut­ti quel­li che sono stor­di­ti dal “fuo­ri! fuo­ri!” gri­da­to nel­le orec­chie oppu­re che fuo­ri ci sono da tal­men­te tan­to tem­po da non riu­sci­re nem­me­no a bus­sa­re. E far­lo con meto­do, con coe­ren­za (anche se in que­sto tem­po di pas­sag­gio la rac­con­ta­no snob e fuo­ri moda, la coe­ren­za), pos­si­bil­men­te sen­za inca­strar­ci nel gio­co del­l’o­sce­na rap­pre­sen­ta­zio­ne che ci vie­ne proposta.

“Abbia­mo vin­to, Giu­lio. Il refe­ren­dum ce lo por­tia­mo a casa” mi dice­va ieri qual­cu­no dopo l’en­ne­si­ma sera­ta pas­sa­ta a rac­con­ta­re il sot­to­te­sto del­la rifor­ma Ren­zi-Boschi. E men­tre me lo dice­va­no, lo con­fes­so, mi è sce­so un bri­vi­do sul­la schie­na. Il Pae­se non sta nei son­dag­gi, no. Il Pae­se rea­le pur­trop­po è anche trop­po arruf­fa­to e depres­so per fun­zio­na­re come ospi­te nei talk-show. Que­sto refe­ren­dum (e le sfi­de suc­ces­si­ve) ci chie­de di gio­ca­re a un altro gio­co rispet­to a quel­lo in cui vor­reb­be­ro inse­rir­ci: dob­bia­mo impa­ra­re a occu­par­ci del­le per­so­ne e, se sare­mo dav­ve­ro bra­vi, anche a pre­oc­cu­par­ci di loro nel sen­so let­te­ra­rio del ter­mi­ne anti­ci­pan­do­ne i biso­gni, i timo­ri e le fra­gi­li­tà che saran­no. Piut­to­sto che leg­ge­re le ana­li­si dovrem­mo scrol­la­re le anten­ne per­ché inter­cet­ti­no di più e meglio i fat­ti, per­ché si con­net­ta­no con i luo­ghi più fra­gi­li del nostro mondo.

E poi, per favo­re, ricor­dia­mo­ci il pas­sa­to per­ché il dna del­la poli­ti­ca che diven­ta spot par­la di meri­to ma poi si appiat­ti­sce sem­pre sul­le rego­le peg­gio­ri del­la pro­pa­gan­da. Il ber­lu­sco­ni­smo ha sem­pre pro­fes­sa­to l’u­ti­li­tà di dare il col­po di coda per tira­re fuo­ri la testa dal­l’ac­qua nel­le bat­tu­te fina­li di una bat­ta­glia poli­ti­ca. Se si deci­de di non entra­re nel meri­to del­la discus­sio­ne si pas­sa il tem­po a con­fe­zio­na­re lo spot­to­ne che riman­ga in testa a pochi gior­ni dal voto. Non abbia­mo fat­to anco­ra nien­te. Il dif­fi­ci­le è ora. E il dif­fi­ci­le è bel­lis­si­mo, per chi è in cam­po su qual­co­sa in cui cre­de davvero.

Buon Tour Rico­sti­tuen­te a tutti.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.