L’innalzamento dei mari e tutto quello che c’è da fare per evitare una catastrofe

300 milioni le persone che vivono in aree a rischio, minacciate da inondazioni e dall'innalzamento del livello del mare, il triplo rispetto alle precedenti previsioni. Stavolta l'orizzonte temporale è ancora più ravvicinato: 2050. Cioè fra 30 anni, in tutti gli scenari possibili, per Venezia non ci sarà scampo
WhatsApp-Image-2020-07-11-at-11.24.41

Non basta­va­no le poco ras­si­cu­ran­ti pro­ie­zio­ni futu­re sul cli­ma e le tem­pe­ra­tu­re ela­bo­ra­te dai cli­ma­to­lo­gi del Cli­ma­te Impact Lab, ades­so ci sono le map­pe inte­rat­ti­ve del Cli­ma­te Cen­tral che ci mostra­no dove l’ac­qua som­mer­ge­rà le ter­re emer­se (e soprat­tut­to den­sa­men­te abi­ta­te) del Pia­ne­ta. 300 milio­ni le per­so­ne che vivo­no in aree a rischio, minac­cia­te da inon­da­zio­ni e dal­l’in­nal­za­men­to del livel­lo del mare, il tri­plo rispet­to alle pre­ce­den­ti pre­vi­sio­ni. Sta­vol­ta l’o­riz­zon­te tem­po­ra­le è anco­ra più rav­vi­ci­na­to: 2050. Cioè fra 30 anni, in tut­ti gli sce­na­ri pos­si­bi­li, per Vene­zia non ci sarà scam­po, poi a secon­da che l’au­men­to del­le tem­pe­ra­tu­re medie sia di 1.5, 2 (ipo­te­si otti­mi­sti­che, ormai) o più gra­di ci saran­no rica­du­te non poco signi­fi­ca­ti­ve anche sul­la ter­ra­fer­ma.  Robert Watson, già pre­si­den­te del­l’I­pcc e di Ipbes, a pro­po­si­to degli Accor­di di Pari­gi sostie­ne che «Tec­ni­ca­men­te potreb­be­ro esse­re rag­giun­ti, ma gli impe­gni pre­si dal­la comu­ni­tà inter­na­zio­na­le sono ina­de­gua­ti e non vedo la volon­tà poli­ti­ca di raf­for­zar­li. Solo i 28 Sta­ti mem­bri dell’Ue e altri set­te Pae­si del mon­do han­no assun­to impe­gni coe­ren­ti con l’obiettivo di ridur­re a 1,5 gra­di l’incremento del­la tem­pe­ra­tu­ra. Sia­mo però pro­iet­ta­ti ver­so un mon­do che sarà 3–4 gra­di più cal­do».  In que­sto momen­to la sca­let­ta del­le prio­ri­tà, del­le emer­gen­ze, è muta­to rispet­to allo scor­so anno, anno nel qua­le il tema del col­las­so cli­ma­ti­co è entra­to pre­po­ten­te­men­te nel­la quo­ti­dia­ni­tà e al cen­tro del dibat­ti­to poli­ti­co. Quel­lo del Cli­ma e del­la soprav­vi­ven­za del­la spe­cie uma­na è però il tema che con­tie­ne tut­ti gli altri e che inci­de (aggra­van­do­li) su tut­ti i pro­ble­mi che già ci sono. I cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci cau­sa­no dan­ni eco­no­mi­ci rile­van­ti già ades­so, influen­zan­do anche i set­to­ri socioe­co­no­mi­ci, osta­co­lan­do la ridu­zio­ne del­la pover­tà, la salu­te uma­na, ren­den­do meno sicu­ra la dispo­ni­bi­li­tà di cibo e acqua, e i siste­mi eco­lo­gi­ci. Sono mol­te­pli­ci gli stu­di che con­fer­ma­no quan­to sia mag­gio­re il costo del­l’i­na­zio­ne rispet­to a quel­lo da soste­ne­re per inver­ti­re la rot­ta dei cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci e del­la per­di­ta di bio­di­ver­si­tà. Si dovreb­be­ro sov­ver­ti­re siste­mi e sche­mi eco­no­mi­ci e finan­zia­ri, rein­di­riz­zan­do i sus­si­di ener­ge­ti­ci, agri­co­li e dei tra­spor­ti. Par­ten­do dagli incen­ti­vi per la pro­du­zio­ne e il con­su­mo soste­ni­bi­li. Andreb­be final­men­te inclu­so il capi­ta­le natu­ra­le nei bilan­ci nazio­na­li. Secon­do Scott Kulp, auto­re del­lo stu­dio e ricer­ca­to­re di Cli­ma­te Cen­tral  “i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci saran­no in gra­do di alte­ra­re cit­tà, eco­no­mie, coste e inte­re regio­ni duran­te la nostra vita”. In Ita­lia non man­ca­no le aree costie­re a for­te rischio innal­za­men­to del mare, saran­no 540.000 mila le per­so­ne col­pi­te da inon­da­zio­ni annua­li da qui al 2050, sen­za par­la­re del­le dife­se costie­re (e dei rela­ti­vi costi) che sareb­be­ro neces­sa­rie per pro­teg­ge­re per­so­ne e beni. La Ban­ca Mon­dia­le ha sti­ma­to il costo del­la minac­cia degli ocea­ni in mil­le miliar­di di dol­la­ri l’anno in tut­to il mon­do. Se non saran­no avvia­ti inter­ven­ti di adat­ta­men­to al rischio. E quin­di se non saran­no crea­ti argi­ni, instal­la­ti siste­mi di pom­pag­gio del­le acque, crea­te cas­se di espan­sio­ne dove far flui­re l’ac­qua in caso di for­ti mareg­gia­te e maree ecce­zio­na­li. Azio­ni che dovran­no esse­re coor­di­nar­te a livel­lo sovra­re­gio­na­le e pen­sa­te per il medio perio­do. Lo stu­dio di Cli­ma­te Cen­tral spie­ga bene che l’a­zio­ne di miti­ga­zio­ne (cioè di taglio del­le emis­sio­ni) da sola non baste­rà a disin­ne­sca­re il rischio per­chè i nostri mari e i nostri ocea­ni han­no assor­bi­to la mag­gio­ran­za del­l’a­ni­dri­de car­bo­ni­ca emes­sa, sono diven­ta­ti più cal­di, più aci­di, si sono innal­za­ti e con­ti­nue­ran­no a cre­sce­re anche dopo un even­tua­le taglio del­le emis­sio­ni. Per evi­ta­re (l’i­ne­vi­ta­bi­le?) nei pros­si­mi decen­ni ser­vi­ran­no inter­ven­ti per tute­la­re il nostro ter­ri­to­rio. Non sarà solo il lavo­ro del futu­ro (imme­dia­to) ma anche un modo di pre­ser­va­re il futu­ro dei gio­va­ni e del­le pros­si­me generazioni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.