Alberto Cirio difende Solvay e non le persone che vivono in prossimità del Polo Chimico e che subiscono gli effetti del suo inquinamento?

Il ritrovamento del #cC6O4, nei pozzi del comune di Montecastello, venti chilometri più a valle dell'impianto, è la dimostrazione che i sistemi messi in atto sinora non garantiscono da ulteriori inquinamenti. Solvay non può scappare dalla proprie responsabilità.

Alber­to Cirio difen­de Sol­vay e non le per­so­ne che vivo­no in pros­si­mi­tà del Polo Chi­mi­co e che subi­sco­no gli effet­ti del suo inqui­na­men­to? Così ver­reb­be da pen­sa­re leg­gen­do le sue dichia­ra­zio­ni ripor­ta­te da La Stam­pa com­men­tan­do il caso Sol­vay di Ales­san­dria. Cirio ha det­to che «non pos­sia­mo vive­re di solo turi­smo», come se la pro­du­zio­ne del #cC6O4, il nuo­vo Pfas a cate­na cor­ta, sia essen­zia­le a evi­ta­re il decli­no indu­stria­le del­la regio­ne. Eppu­re si sta solo chie­den­do a Sol­vay di eli­mi­na­re la disper­sio­ne del­la sostan­za peri­co­lo­sa in aria e in acqua, di risol­ve­re le sto­ri­che cri­ti­ci­tà del­l’im­pian­to di Spi­net­ta Maren­go (sede del polo chi­mi­co nei pres­si del capo­luo­go pie­mon­te­se), a comin­cia­re dal­la bar­rie­ra idrau­li­ca che non sem­bra in gra­do di fil­tra­re gli inqui­nan­ti che ven­go­no tro­va­ti in quan­ti­tà ele­va­te nei din­tor­ni del­l’a­rea e anche a val­le, nel fiu­me Bor­mi­da e nel Po. La giun­ta regio­na­le pie­mon­te­se dimo­stra così di non ave­re alcu­na inten­zio­ne di impe­gnar­si affin­ché si pon­ga­no dei limi­ti alle con­ta­mi­na­zio­ni di que­ste sostan­ze e nul­la dice sul­la sor­ve­glian­za sani­ta­ria che si dovreb­be atti­va­re sugli abi­tan­ti di Spi­net­ta, con­si­de­ra­ti i risul­ta­ti allar­man­ti del­lo stu­dio epi­de­mio­lo­gi­co di ASL e ARPA in cui si evi­den­zia­no pre­oc­cu­pan­ti aumen­ti di pato­lo­gie rispet­to ad Ales­san­dria e al resto del­la regio­ne. È pos­si­bi­le che que­sto pae­se non rie­sca a pen­sa­re a uno svi­lup­po che non pre­giu­di­chi l’am­bien­te, la salu­te del­le per­so­ne e dei lavo­ra­to­ri? La minac­cia di Sol­vay di por­ta­re la pro­du­zio­ne altro­ve, in Fran­cia, è ridi­co­la. Sol­vay ha una con­dan­na in secon­do gra­do di giu­di­zio, con­fer­ma­ta in Cas­sa­zio­ne, per inqui­na­men­to col­po­so del­la fal­da in segui­to alla disper­sio­ne in ambien­te, fra gli altri, del Cro­mo VI. Il ritro­va­men­to del #cC6O4, nei poz­zi del comu­ne di Mon­te­ca­stel­lo, ven­ti chi­lo­me­tri più a val­le del­l’im­pian­to, è la dimo­stra­zio­ne che i siste­mi mes­si in atto sino­ra non garan­ti­sco­no da ulte­rio­ri inqui­na­men­ti. Sol­vay non può scap­pa­re dal­la pro­prie responsabilità.

Pie­mon­te Possibile
Pos­si­bi­le Ales­san­dria — Comi­ta­to Macchiarossa
Mon­fer­ra­to Possibile
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.