Fermare gli sbarchi non è razzismo? Ancora?

Quando si parla di “fermare gli sbarchi” mescolando le carte con l’accoglienza, e ancor peggio con la pandemia, si è probabilmente razzisti (asintomatici, per carità, ma il test è sempre lo stesso: leggeremmo le stesse cose se i profughi fossero biondi norvegesi?) e altrettanto probabilmente in mala fede. 

Lo han­no sem­pre soste­nu­to pri­ma di tut­to Sal­vi­ni, Melo­ni, Fon­ta­na e tut­ta la peg­gio­re destra ita­lia­na. Ma lo dice­va anche Ren­zi, pri­ma di cam­bia­re leg­ger­men­te regi­stro, e oggi ce lo ripe­te sul mag­gior quo­ti­dia­no nazio­na­le, il Cor­rie­re, Aldo Caz­zul­lo.   Ma non solo, per­ché pro­prio Sal­vi­ni (come ave­va fat­to a suo tem­po con Ren­zi) ne fa un meme e lo dif­fon­de sui suoi pro­fi­li social.  https://twitter.com/matteosalvinimi/status/1283770145228369920

Fer­ma­re gli sbar­chi non è razzismo.

(…) Per poter­ne discu­te­re libe­ra­men­te, dob­bia­mo innan­zi­tut­to libe­rar­ci da un ricat­to mora­le inac­cet­ta­bi­le. Esse­re con­tro gli sbar­chi, com­bat­te­re gli sca­fi­sti, soste­ne­re la chiu­su­ra del­le rot­te ille­ga­li nel Medi­ter­ra­neo e il con­trol­lo dell’immigrazione, non signi­fi­ca esse­re raz­zi­sti. Cer­to, il raz­zi­smo esi­ste. Nel­la socie­tà, e pure tra i poli­ti­ci. L’allarme immi­gra­zio­ne è sta­to stru­men­ta­liz­za­to e usa­to a fini pro­pa­gan­di­sti­ci, con toni a vol­te inac­cet­ta­bi­li e for­za­tu­re che non han­no gio­va­to. Ma non è scrit­to da nes­su­na par­te che si deb­ba acco­glie­re chiun­que voglia veni­re in Ita­lia. Van­no accol­ti i lavo­ra­to­ri di cui si ha biso­gno e che si pos­so­no inte­gra­re; anche con i ricon­giun­gi­men­ti fami­lia­ri. 

Le vite uma­ne van­no sal­va­te; sem­pre. Ma un Pae­se ha il dirit­to e il dove­re di difen­de­re le pro­prie fron­tie­re, di sta­bi­li­re chi può entra­re e chi no. A mag­gior ragio­ne se sono fron­tie­re euro­pee. A mag­gior ragio­ne se è un Pae­se inde­bo­li­to e impo­ve­ri­to da una pan­de­mia, in cui è tut­to­ra com­pli­ca­to fare un tam­po­ne.   

Che fati­ca dover rispon­de­re sem­pre le stes­se cose, ma di fron­te all’ennesima distor­sio­ne media­ti­ca non ci si può sot­trar­re. L’artifizio reto­ri­co, quel­lo del ricat­to mora­le inac­cet­ta­bi­le, è sem­pre lo stes­so, per­ché nes­su­no ha mai det­to che dob­bia­mo “acco­glie­re tut­ti” e soprat­tut­to non tut­ti voglio­no esse­re accol­ti qui. Quan­do si par­la di sbar­chi non si par­la di acco­glien­za defi­ni­ti­va, sono due cose com­ple­ta­men­te diver­se. Quin­di, sì, quan­do si par­la di “fer­ma­re gli sbar­chi” mesco­lan­do le car­te con l’accoglienza, e ancor peg­gio con la pan­de­mia, si è pro­ba­bil­men­te raz­zi­sti (asin­to­ma­ti­ci, per cari­tà, ma il test è sem­pre lo stes­so: leg­ge­rem­mo le stes­se cose se i pro­fu­ghi fos­se­ro bion­di nor­ve­ge­si?) e altret­tan­to pro­ba­bil­men­te in mala fede.  Gli “sbar­chi” sono per­so­ne che han­no dirit­to a che sia esa­mi­na­ta la loro posi­zio­ne ai sen­si dell’art. 10 com­ma 3 del­la Costi­tu­zio­ne (sì, c’è scrit­to da qual­che par­te, Caz­zul­lo) e quin­di dob­bia­mo non solo sal­var­li ma anche assi­ster­li e ope­ra­re que­sta veri­fi­ca, che una clas­se poli­ti­ca più sag­gia e lun­gi­mi­ran­te, che usci­va da una guer­ra mon­dia­le, ha sta­bi­li­to come neces­sa­ria e indefettibile:

Lo stra­nie­ro, al qua­le sia impe­di­to nel suo pae­se l’ef­fet­ti­vo eser­ci­zio del­le liber­tà demo­cra­ti­che garan­ti­te dal­la Costi­tu­zio­ne ita­lia­na, ha dirit­to d’a­si­lo nel ter­ri­to­rio del­la Repub­bli­ca secon­do le con­di­zio­ni sta­bi­li­te dal­la leg­ge.  

E ne par­lia­mo pro­prio ora, quan­do il Par­la­men­to vota il rifi­nan­zia­men­to del­la guar­dia costie­ra libi­ca, quel­la che a nostre spe­se ripor­ta i migran­ti nei lager libi­ci, dove ven­go­no tor­tu­ra­ti, stu­pra­ti e ucci­si, a pro­po­si­to di dirit­ti uma­ni. Poi ci sareb­be anche l’art. 32 pri­mo com­ma quel­lo che dice:

La Repub­bli­ca tute­la la salu­te come fon­da­men­ta­le dirit­to del­l’in­di­vi­duo e inte­res­se del­la col­let­ti­vi­tà, e garan­ti­sce cure gra­tui­te agli indi­gen­ti. 

Dirit­to dell’individuo, non del cit­ta­di­no ita­lia­no, a tute­la del­la col­let­ti­vi­tà. Se sbar­ca un mala­to lo curia­mo, per­ché lo dice sem­pre la Costi­tu­zio­ne. Solo suc­ces­si­va­men­te si può ragio­na­re sul lavo­ro e sul­le poli­ti­che migra­to­rie (a pro­po­si­to, quan­do man­ca­va l’insalata sul­la tavo­la qual­che mese fa quel­li sopra cita­ti era­no mol­to più dia­lo­gan­ti) ma pri­ma ven­go­no i dirit­ti uma­ni, e sareb­be pro­prio ora di cam­bia­re la Bos­si Fini per con­sen­ti­re al nostro Pae­se di ripar­ti­re, per­ché abbia­mo visto mol­to bene che cer­ti lavo­ri non li voglia­mo pro­prio fare. Non le pia­ce la nostra Costi­tu­zio­ne e non le piac­cio­no i suoi prin­ci­pi fon­da­men­ta­li e loro eti­ca, Caz­zul­lo? Cam­bi Pae­se, lei non avrà pro­ble­mi. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.