Come siamo arrivati alle parole di Fontana

La domanda di tutti, ieri, leggendo le dichiarazioni di Fontana, era come un politico potesse arrivare a esternare affermazioni così gravi.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

“E’ un discor­so dema­go­gi­co e inac­cet­ta­bi­le quel­lo di dire che dob­bia­mo accet­tar­li, è un discor­so a cui dob­bia­mo rea­gi­re, dob­bia­mo ribel­lar­ci: non pos­sia­mo accet­tar­li tut­ti. Vor­reb­be dire che non ci sarem­mo più noi come real­tà socia­le e etni­ca, per­ché loro sono mol­ti più di noi, per­ché loro sono mol­to più deter­mi­na­ti di noi nell’occupare que­sto ter­ri­to­rio. Di fron­te a que­ste affer­ma­zio­ni dob­bia­mo ribel­lar­ci, non pos­sia­mo accet­tar­le, per­ché qui non è que­stio­ne di esse­re xeno­fo­bi o raz­zi­sti, ma logi­ci e razio­na­li: non pos­sia­mo per­ché tut­ti non ci stia­mo, quin­di dob­bia­mo fare del­le scel­te, deci­de­re se la nostra etnia, raz­za bian­ca, socie­tà deve con­ti­nua­re ad esi­ste­re o deve esse­re can­cel­la­ta, è una scel­ta. Se la mag­gio­ran­za degli ita­lia­ni doves­se dire noi voglia­mo autoe­li­mi­nar­ci vor­rà dire che noi che non voglia­mo autoe­li­mi­nar­ci ce ne andia­mo da un’altra parte”.

Que­ste le abo­mi­ne­vo­li dichia­ra­zio­ni del can­di­da­to gover­na­to­re leghi­sta del­la Lom­bar­dia, Atti­lio Fon­ta­na.

Un discor­so arti­co­la­to che, ove fos­se dav­ve­ro un lap­sus, sareb­be il più lun­go al mon­do. Eppu­re quan­do le ho let­te ho avu­to un deja vu, così ho fat­to una ricer­ca sul­le paro­le chia­ve. Ricor­da­vo bene.

“Il pun­to però è che dob­bia­mo ave­re uno sguar­do d’insieme uscen­do dal­la logi­ca buo­ni­sta e ter­zo­mon­di­sta per cui noi abbia­mo il dove­re di acco­glie­re tut­ti quel­li che stan­no peg­gio di noi. Se qual­cu­no rischia di affo­ga­re in mare, è ovvio che noi abbia­mo il dove­re di sal­var­lo. Comin­cian­do, nel con­tem­po, a bloc­ca­re lo squal­li­do busi­ness del­le par­ten­ze e il rac­ket che gesti­sce il flus­so dei dispe­ra­ti che si accal­ca­no su un gom­mo­ne nel­le not­ti libi­che alla vol­ta dell’Europa. Ma non pos­sia­mo acco­glier­li tut­ti noi. E aver accet­ta­to i due rego­la­men­ti di Dubli­no, come han­no fat­to gli ese­cu­ti­vi ita­lia­ni del 2003 e del 2013, è sta­to un erro­re cla­mo­ro­so. Vor­rei che ci libe­ras­si­mo da una sor­ta di sen­so di col­pa. Noi non abbia­mo il dove­re mora­le di acco­glie­re in Ita­lia tut­te le per­so­ne che stan­no peg­gio. Se ciò avve­nis­se sareb­be un disa­stro eti­co, poli­ti­co, socia­le e alla fine anche eco­no­mi­co. Noi non abbia­mo il dove­re mora­le di acco­glier­li, ripe­tia­mo­ce­lo. Ma abbia­mo il dove­re mora­le di aiu­tar­li. E di aiu­tar­li dav­ve­ro a casa loro.

(…)

Il con­trol­lo dell’immigrazione non è un atto di raz­zi­smo, ma di ragio­ne­vo­lez­za. Accan­to a que­sto ele­men­to di sempli­ce buon sen­so – che coz­za con il buo­ni­smo filo­so­fi­co e con l’utilitarismo uni­ver­sa­li­sta di cer­ta clas­se diri­gen­te e dei raf­fi­na­ti “ceti rifles­si­vi” di alcu­ne reda­zio­ni – c’è un ulte­rio­re tas­sel­lo che si chia­ma identità.

La paro­la “iden­ti­tà” è una paro­la posi­ti­va, non nega­ti­va. Iden­ti­tà non è il con­tra­rio di inte­gra­zio­ne: il con­tra­rio di inte­gra­zio­ne è disin­te­gra­zio­ne. Sen­za iden­ti­tà non è pos­si­bi­le alcu­na aper­tu­ra. Sen­za iden­ti­tà la con­ta­mi­na­zio­ne sareb­be sem­pli­ce­men­te annul­la­men­to. Può dia­lo­ga­re, con­ta­mi­na­re e far­si con­ta­mi­na­re chi ha un’identità for­te, del­la qua­le non si ver­go­gna. Chi vie­ne qui deve fare i con­ti con la nostra iden­ti­tà. Che è innan­zi­tut­to iden­ti­tà, cul­tu­ra­le, civi­le, spi­ri­tua­le, socia­le.”

Solo che que­sto è Mat­teo Ren­zi, in “Avan­ti”, anti­ci­pa­to da Demo­cra­ti­ca.

Ora, a me pare che i con­cet­ti sia­no identici.

Non pos­sia­mo accet­tar­li tut­ti” è esat­ta­men­te iden­ti­co a “Non pos­sia­mo acco­glier­li tut­ti”.

“..non è que­stio­ne di esse­re xeno­fo­bi o raz­zi­sti, ma logi­ci e razio­na­li” è esat­ta­men­te iden­ti­co a “Il con­trol­lo dell’immigrazione non è un atto di raz­zi­smo, ma di ragio­ne­vo­lez­za”.

“..dob­bia­mo fare del­le scel­te, deci­de­re se la nostra etnia, raz­za bian­ca, socie­tà deve con­ti­nua­re ad esi­ste­re o deve esse­re can­cel­la­ta” infi­ne, al net­to del­la raz­za bian­ca, è pur­trop­po iden­ti­co a “Iden­ti­tà non è il con­tra­rio di inte­gra­zio­ne: il con­tra­rio di inte­gra­zio­ne è disin­te­gra­zio­ne. Sen­za iden­ti­tà non è pos­si­bi­le alcu­na aper­tu­ra. Sen­za iden­ti­tà la con­ta­mi­na­zio­ne sareb­be sem­pli­ce­men­te annul­la­men­to.”, dove l’identità sosti­tui­sce la razza.

La doman­da di tut­ti, ieri, leg­gen­do le dichia­ra­zio­ni di Fon­ta­na, era come un poli­ti­co potes­se arri­va­re a ester­na­re affer­ma­zio­ni così gravi.

Beh, in real­tà, Fon­ta­na si sta solo rivol­gen­do ad un tar­get meno raf­fi­na­to e più ruspan­te, meno poli­ti­cal­ly cor­rect e dichia­ra­ta­men­te raz­zi­sta, ma par­te dal­la stes­sa pre­mes­sa fal­sa (non stan­no arri­van­do “tut­ti”) ed espri­me lo stes­so iden­ti­co con­cet­to iden­ti­ta­rio, chiu­so e vio­len­to che Mat­teo Ren­zi, nel suo libro, con altre paro­le atten­ta­men­te sop­pe­sa­te, ha riser­va­to al suo elet­to­re, per libe­rar­lo dal sen­so di col­pa, che dovreb­be esse­re imme­dia­to in un esse­re uma­no quan­do vie­ne a sape­re che gli sbar­chi dimi­nui­sco­no per­ché il suo Gover­no per­met­te che altri esse­ri uma­ni ven­ga­no rin­chiu­si, tor­tu­ra­ti ed ucci­si in Libia, tan­to che anche uomi­ni duri come il pro­cu­ra­to­re anti­ma­fia Grat­te­ri non rie­sco­no a sta­re zit­ti sul­la questione.

Libe­ra nos a malo, però il mio male qual è. Il “mio male”, il nostro male, in real­tà, è quel­lo di pen­sa­re che le per­so­ne sono tut­te ugua­li. E che la dif­fe­ren­za fra le affer­ma­zio­ni che abbia­mo let­to è solo for­ma­le.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.