L’inferno libico sotto i nostri occhi

Diciassette pagine nelle quali si ribadisce che nei centri di detenzione libici le persone vengono trattenute arbitrariamente e violentate, stuprate, vendute, uccise. I colpevoli sarebbero indistintamente «funzionari statali, membri di gruppi armati, contrabbandieri, trafficanti e membri di bande criminali».

[vc_row][vc_column][vc_column_text]«La Guar­dia costie­ra libi­ca tra­sfe­ri­sce migran­ti in cen­tri di deten­zio­ne non uffi­cia­li», dove si ritie­ne che fun­zio­na­ri del gover­no «ven­da­no i migran­ti ai traf­fi­can­ti». La noti­zia è sta­ta data que­sta mat­ti­na da Avve­ni­re, con un arti­co­lo di Nel­lo Sca­vo, nel qua­le si cita ampia­men­te l’ul­ti­mo rap­por­to fir­ma­to da Anto­nio Guter­res, segre­ta­rio gene­ra­le del­le Nazio­ni Uni­te. Il rap­por­to, scri­ve Sca­vo, «è già sul tavo­lo del pro­cu­ra­to­re del Tri­bu­na­le inter­na­zio­na­le dell’Aja».

Dicias­set­te pagi­ne nel­le qua­li si riba­di­sce che nei cen­tri di deten­zio­ne libi­ci le per­so­ne ven­go­no trat­te­nu­te arbi­tra­ria­men­te e vio­len­ta­te, stu­pra­te, ven­du­te, ucci­se. I col­pe­vo­li sareb­be­ro indi­stin­ta­men­te «fun­zio­na­ri sta­ta­li, mem­bri di grup­pi arma­ti, con­trab­ban­die­ri, traf­fi­can­ti e mem­bri di ban­de cri­mi­na­li». Unh­cr, rive­la Guter­res, ha di recen­te invi­ta­to il gover­no di accor­do nazio­na­le a com­pie­re un’in­da­gi­ne per indi­vi­dua­re le per­so­ne scom­par­se. «Cen­ti­na­ia di migran­ti inter­cet­ta­ti in mare, infat­ti, ven­go­no rego­lar­men­te fat­ti spa­ri­re. Ma dell’inchiesta, nes­su­no sa nulla».

Fat­ti — ahi­noi — sapu­ti e risa­pu­ti. Veri­tà pro­ces­sua­li. E infat­ti, sola­men­te ieri, l’I­ta­lia ha rice­vu­to un grup­po di 98 per­so­ne, rifu­gia­ti, eva­cua­te da un cen­tro di deten­zio­ne libi­co. «Con il con­flit­to che con­ti­nua a infu­ria­re in Libia — scri­ve Unh­cr -, le ope­ra­zio­ni di eva­cua­zio­ne rap­pre­sen­ta­no un’ancora di sal­vez­za per i rifu­gia­ti più vul­ne­ra­bi­li che si tro­va­no nei cen­tri di deten­zio­ne e in con­te­sti urba­ni e che han­no un dispe­ra­to biso­gno di sicu­rez­za e protezione».

«Le per­so­ne eva­cua­te — pro­se­gue Unh­cr — pro­ven­go­no da Eri­trea, Etio­pia, Soma­lia e Sudan, e tra esse vi sono anche 52 mino­ri non accom­pa­gna­ti. Il più pic­co­lo è You­sef, un bim­bo soma­lo di set­te mesi nato in un cen­tro di deten­zio­ne e in viag­gio insie­me ai geni­to­ri. La mag­gior par­te dei rifu­gia­ti è sta­ta a lun­go trat­te­nu­ta nei cen­tri di deten­zio­ne in Libia, alcu­ni per oltre otto mesi».

Nei gior­ni scor­si, inol­tre, ha fat­to noti­zia l’ac­cor­do sigla­to dal Gover­no del Ruan­da, l’Unhcr e l’Unione Afri­ca­na per isti­tui­re un mec­ca­ni­smo di tran­si­to che con­sen­ta l’evacuazione dei rifu­gia­ti dal­la Libia. Men­tre alcu­ni potran­no bene­fi­cia­re del rein­se­dia­men­to in pae­si ter­zi, altri — scri­ve Repub­bli­ca — «rice­ve­ran­no assi­sten­za per tor­na­re nel pae­se dove han­no pre­ce­den­te­men­te rice­vu­to asi­lo, oppu­re per fare ritor­no nel pro­prio pae­se qua­lo­ra le con­di­zio­ni di sicu­rez­za lo per­met­ta­no». Un accor­do che ha sol­le­va­to cri­ti­che tra i com­men­ta­to­ri più atten­ti. Igia­ba Sce­go, ad esem­pio, ha fat­to nota­re che «il Rwan­da ha già fat­to que­sto con Israe­le. I migran­ti sono sta­ti pre­le­va­ti e por­ta­ti in Rwan­da, ma qui mol­ti non han­no avu­to uno sta­tus di sog­gior­no per­ma­nen­te. Anche per­ché il Rwan­da smi­sta i migran­ti attra­ver­so rim­pa­tri. Il rim­pa­trio in sé non è un male se sei sta­to in Libia. Ma un con­to è un rim­pa­trio in Gam­bia e un altro se sei eri­treo. Se sei eri­treo e ti ripor­ta­no in Eri­trea è una tra­ge­dia. E che è suc­ces­so la scor­sa vol­ta? Che gli eri­trei, pur di sfug­gi­re al rim­pa­trio, sono rien­tra­ti nel­la spi­ra­le dei traf­fi­can­ti, attra­ver­so il sud Sudan, il soli­to viag­gio nel deser­to e poi di nuo­vo in Libia. Insom­ma il girotondo».

In Libia, stan­do alle Nazio­ni Uni­te, alme­no altre 3.600 per­so­ne si tro­va­no in con­di­zio­ni gra­vis­si­me all’in­ter­no dei cen­tri di deten­zio­ni, men­tre ad altre deci­ne di miglia­ia di per­so­ne (a luglio si sti­ma­va­no 50mila rifu­gia­ti e richie­den­ti asi­lo e 800mila migran­ti) è neces­sa­rio garan­ti­re la tute­la di dirit­ti uma­ni fondamentali.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.