«Liceo.zip»: la brutta sperimentazione del liceo breve

Siamo all’improvvisazione di una scuola on demand, da progettare in un paio di settimane, che pare avere un unico scopo: consentire a chi vuole di abbreviare ii percorso formativo - che sempre meno formativo sarà

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1508927689716{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Il 26 luglio 1609, l’astronomo ingle­se Tho­mas Har­riot pun­tò un can­noc­chia­le ver­so la lunae non capì nul­la di ciò che ave­va visto. Come ci testi­mo­nia­no alcu­ni suoi dise­gni, solo l’anno suc­ces­si­vo, dopo la let­tu­ra del gali­leia­no Side­reus nun­cius, riu­scì a dare un sen­so a quel­le osser­va­zio­ni. Per­ché Gali­leo era riu­sci­to a capi­re ciò che era sfug­gi­to a Har­riot? Per­ché il suo sguar­do era gui­da­to da un’ipotesi teo­ri­ca, esat­ta­men­te ciò che era man­ca­to all’inglese: Gali­leo sape­va cosa cercare.

Temia­mo che il MIUR, quan­do dovrà inter­pre­ta­re gli esi­ti del­la “spe­ri­men­ta­zio­ne” del liceo bre­ve, si tro­ve­rà nel­la stes­sa con­di­zio­ne occor­sa a Har­riot in quel­la lon­ta­na esta­te del 1609. Il decre­to, dal nome impe­gna­ti­vo di Pia­no nazio­na­le di inno­va­zio­ne ordi­na­men­ta­le per la spe­ri­men­ta­zio­ne di per­cor­si qua­drien­na­li di istru­zio­ne secon­da­ria di secon­do gra­do, con­sta infat­ti di quat­tro stri­min­zi­te pagi­net­te, che dispen­sa­no una man­cia­ta di vaghe indi­ca­zio­ni su come pro­ce­de­re per can­di­dar­si alla “spe­ri­men­ta­zio­ne”, pre­ci­san­do che va garan­ti­to “l’insegnamento di tut­te le disci­pli­ne pre­vi­ste dall’indirizzo di stu­di di rife­ri­men­to, in modo da assi­cu­ra­re alle stu­den­tes­se e agli stu­den­ti il rag­giun­gi­men­to degli obiet­ti­vi spe­ci­fi­ci di appren­di­men­to e del­le com­pe­ten­ze pre­vi­sti per il quin­to anno di cor­so, entro il ter­mi­ne del quar­to anno”. Un liceo.zip affi­da­to all’inventiva di cen­to scuo­le, cui si richie­de la dispo­ni­bi­li­tà a par­te­ci­pa­re “a moni­to­rag­gi qua­li­ta­ti­vi regio­na­li e nazio­na­li” non meglio iden­ti­fi­ca­ti. Cen­to scuo­le che potran­no atti­va­re cia­scu­na una sola clas­se pri­ma spe­ri­men­ta­le “pre­via pre­sen­ta­zio­ne di spe­ci­fi­ca doman­da di iscri­zio­ne da par­te dei geni­to­ri degli studenti”.

Dun­que, nes­su­na ipo­te­si teo­ri­ca sui nuclei essen­zia­li dei sape­ri ogget­to dei nuo­vi per­cor­si di for­ma­zio­ne, nes­sun con­trol­lo sul cam­pio­ne che fre­quen­te­rà la “spe­ri­men­ta­zio­ne”, moni­to­rag­gi anco­ra da inven­ta­re. Valo­re tau­ma­tur­gi­co asse­gna­to a gene­ri­che “tec­no­lo­gie didat­ti­che inno­va­ti­ve”, men­tre i pochi sug­ge­ri­men­ti meto­do­lo­gi­ci espli­ci­ta­ti indi­riz­za­no ver­so atti­vi­tà alta­men­te time con­su­ming (didat­ti­ca labo­ra­to­ria­le e meto­do­lo­gia CLIL).

Su un solo pun­to il MIUR dimo­stra di ave­re idee chia­re e distin­te, il pun­to k) dei “Requi­si­ti di par­te­ci­pa­zio­ne”, che reci­ta: “dichia­ra­zio­ne di man­can­za, per la pro­get­tua­li­tà, di one­ri aggiun­ti­vi a cari­co del bilan­cio del­lo Sta­to con vin­co­lo ad ope­ra­re nel­l’am­bi­to del­le risor­se finan­zia­rie e uma­ne dispo­ni­bi­li”. Dun­que, anco­ra una vol­ta, i costi dell’”innovazione” rica­dran­no sul­le fami­glie e sui volen­te­ro­si spe­ri­men­ta­to­ri, cui non ver­ran­no rico­no­sciu­ti il tem­po e la pro­fes­sio­na­li­tà spe­si a pro­get­ta­re e rea­liz­za­re ciò che dovreb­be esse­re com­pi­to del mini­ste­ro con­ce­pi­re e met­te­re a pun­to, in stret­ta col­la­bo­ra­zio­ne con le asso­cia­zio­ni pro­fes­sio­na­li e disci­pli­na­ri degli inse­gnan­ti (e degli stu­den­ti, nel­la scuo­la secon­da­ria di secon­do gra­do), nel con­te­sto di un pon­de­ra­to rior­di­no dei cicli, omo­ge­neo e spe­ri­men­ta­bi­le su lar­ga scala.

Qui sia­mo inve­ce all’improvvisazione di una scuo­la on demand, da pro­get­ta­re in un paio di set­ti­ma­ne, che pare ave­re un uni­co sco­po: con­sen­ti­re a chi vuo­le di abbre­via­re ii per­cor­so for­ma­ti­vo — che sem­pre meno for­ma­ti­vo sarà, per­ché risul­te­rà ine­vi­ta­bil­men­te impo­ve­ri­to — per cor­re­re a com­pe­te­re su sca­la glo­ba­le, in pos­ses­so o di vuo­te com­pe­ten­ze o di pure nozio­ni, per­ché le due cose, nel liceo.zip che emer­ge dall’avviso mini­ste­ria­le, saran­no dif­fi­cil­men­te conciliabili.

Su qua­le base avver­rà la discus­sio­ne dei risul­ta­ti, nel 2023? Si deci­de­rà di esten­de­re a livel­lo nazio­na­le la pro­po­sta di Busto Arsi­zio o quel­la di Cal­ta­nis­set­ta? Cosa ne sarà del tito­lo di stu­dio di chi sarà uscito/a dal­le spe­ri­men­ta­zio­ni boc­cia­te? Come si potrà valu­ta­re l’efficacia di ciò che è sta­to spe­ri­men­ta­to su un cam­pio­ne casua­le, visto che saran­no le fami­glie a can­di­da­re i figli e le figlie alla par­te­ci­pa­zio­ne? Non si rischie­rà che alla “spe­ri­men­ta­zio­ne” par­te­ci­pi­no solo colo­ro che han­no ampio acces­so a risor­se for­ma­ti­ve e a stru­men­ti tec­no­lo­gi­ci già pri­ma e fuo­ri del­la scuo­la e dun­que costi­tui­ran­no un cam­pio­ne scar­sa­men­te rap­pre­sen­ta­ti­vo del­la socie­tà nel suo insie­me? Stia­mo for­se andan­do ver­so una scuo­la a due velo­ci­tà, san­zio­ne ulti­ma di una socie­tà sem­pre più ato­miz­za­ta e diseguale?

Maria Lau­ra Mare­scal­chi — Comi­ta­to Mode­na Pos­si­bi­le[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.