Libia: anche Minniti chiede l’evacuazione dei centri di detenzione

Marco Minniti torna, dalle pagine di Repubblica, a parlare di immigrazione e sicurezza. La novità? Non ci sono novità. La ricetta dell'ex ministro dell'Interno è, infatti, sempre la stessa.
minniti

Marco Minniti torna, dalle pagine di Repubblica, a parlare di immigrazione e sicurezza. La novità? Non ci sono novità. La ricetta dell’ex ministro dell’Interno è, infatti, sempre la stessa, se non per il fatto che – a quanto ci risulta per la prima volta – Minniti sostiene che «i centri di accoglienza ufficiali vanno svuotati». Benvenuto, a soli due anni dall’accordo che prevedeva (e prevede tuttora) di affidarne la gestione esclusiva al governo libico. E non ci stancheremo mai di dire che non sono centri di accoglienza, ma centri di detenzione e tortura.

I decreti sicurezza vanno cambiati, certo, ma non troppo. E’ necessario – a detta di Minniti – ripristinare la protezione umanitaria e l’accoglienza diffusa, mentre sulle sanzioni alle Ong non viene spesa mezza parola. D’altra parte il codice di condotta delle Ong è opera dell’ex ministro dell’interno.

Sempre Minniti plaude all’operato di Lamorgese e giudica positivo il rinnovo del Memorandum con la Libia, al quale aggiungerebbe una interlocuzione diretta con i “sindaci” (tra molte virgolette) libici e una missione militare nel Mediterraneo, nel tentativo di stabilizzare il paese e di controllare flussi illeciti di merci (armi) e di persone (terroristi). La stessa identica ricetta che ha spalancato le porte a una delle peggiori destre d’Europa.

La contraddizione tra l’inquadrare la Libia come un paese allo sbando, incapace di garantire minime regole di convivenza, e il plauso al rinnovo del Memorandum con la Libia non è, invece, rilevata dall’ex ministro. La preoccupazione di Minniti è piuttosto che l’Europa e la comunità internazionale «possono essere strette dentro una tenaglia fatta da due formidabili strumenti di pressione: il blocco dei pozzi petroliferi e i flussi migratori. Siamo a un passo dall’allarme rosso». Capito? A un passo dall’allarme rosso.

Continuiamo a essere convinti che modifiche all’acqua di rose dei decreti siano inaccettabili. Così come è inaccettabile il rinnovo del Memorandum con la Libia. E vi invitiamo a firmare e a partecipare alla nostra mobilitazione.

FIRMA ANCHE TU PER ABOLIRE I DECRETI SICUREZZA

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati