Inquinamento atmosferico: continua la mobilitazione di Possibile per chiedere aria pulita

Dal locale al globale la battaglia è la stessa, per la salute, la nostra, dell’ambiente, di tutto il pianeta Terra. A partire dalla qualità dell’aria che respiriamo.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Dal loca­le al glo­ba­le la bat­ta­glia è la stes­sa, per la salu­te, la nostra, dell’ambiente, di tut­to il pia­ne­ta Terra. 

A par­ti­re dal­la qua­li­tà dell’aria che respiriamo.

 

MARGHERITA HACK, LA CENTRALINA DI SANTA MARIA DI SALA

Poco più di un anno fa, come ricor­de­re­te ave­va­mo par­la­to di come è pos­si­bi­le mobi­li­tar­si anche local­men­te per respi­ra­re aria puli­ta, e del­la rete indi­pen­den­te di cen­tra­li­ne per il moni­to­rag­gio del­la qua­li­tà del­l’a­ria (per ora solo del­le PM 10 e 2,5) che il comi­ta­to Pos­si­bi­le Sale­se, insie­me ad altri comi­ta­ti e asso­cia­zio­ni ambien­ta­li­ste del vene­zia­no uni­te nel Forum del­l’A­ria, ha mes­so in cam­po per aller­ta­re, denun­cia­re e sen­si­bi­liz­za­re sul tema i cit­ta­di­ni e le isti­tu­zio­ni, in pri­mis Comu­ni e Regio­ne. A par­ti­re dal pro­get­to fio­ren­ti­no di ‘Che Aria Tira?’, sul fini­re del 2018 ave­va­mo impor­ta­to cen­tra­li­ne e il know-how neces­sa­rio per repli­ca­re in Vene­to quan­to di buo­no era sta­to fat­to, riu­scen­do, nel vol­ge­re un tem­po rela­ti­va­men­te bre­ve, a dif­fon­de­re a mac­chia d’o­lio la rete di cen­tra­li­ne in qua­si tut­ta la nostra regione. 

Dopo oltre un anno, pos­sia­mo affer­ma­re che, come stru­men­to di pres­sio­ne, stia aven­do i pri­mi (anche se par­zia­li) risul­ta­ti tan­gi­bi­li sul­le poli­ti­che del­le ammi­ni­stra­zio­ni, vuoi per una rin­no­va­ta atten­zio­ne gene­ra­le rispet­to alle que­stio­ni ambien­ta­li (gra­zie a Gre­ta e ai gio­va­ni sce­si in piaz­za per il Cli­ma), vuoi per il costan­te aggior­na­men­to sugli sfo­ra­men­ti, i bol­let­ti­ni duran­te le aller­te di livel­lo 2 (o ros­so, cioè il mas­si­mo) e tut­to quel­lo che com­por­ta ave­re un’informazione pun­tua­le sui livel­li del­le pol­ve­ri sot­ti­li rispet­to ad aver­ne solo la percezione. 

Per­ce­pi­re di respi­ra­re aria inqui­na­ta è un pri­mo pas­so, c’è però una dif­fe­ren­za abis­sa­le rispet­to a per­ce­pir­lo, saper­lo, par­lar­ne, veder­lo scrit­to sui gior­na­li, con­fron­tar­si con dei dati che sono del­le sen­ten­ze (ahi­noi). Da quan­do abbia­mo atti­va­to la cen­tra­li­na, a cau­sa del­la valan­ga di dati che for­nia­mo alla stam­pa, sem­bra qua­si che San­ta Maria di Sala sia diven­ta­ta una sor­ta di ver­sio­ne tasca­bi­le di una metro­po­li asia­ti­ca, avvin­ghia­ta com’è in una cap­pa di smog per­ma­nen­te. In real­tà non è così: lo sono anche i pae­si limi­tro­fi, tut­ta la pia­nu­ra pada­na, e lo era anche pri­ma che ini­zias­si­mo a dif­fon­de­re i dati sul moni­to­rag­gio in cor­so. L’e­spe­rien­za fat­ta in que­sti mesi con ‘Mar­ghe­ri­ta Hack’ ci sta ser­ven­do per rica­li­bra­re l’ap­proc­cio ver­so i cit­ta­di­ni e l’at­ten­zio­ne (cre­scen­te) che riser­va­no alla cen­tra­li­na (per sape­re “Oggi cosa dice Mar­ghe­ri­ta?” con­sul­ta­te qui i dati, che sono pubblici). 

In un Comu­ne in cui si è riu­sci­ti a far vota­re la mozio­ne per dichia­ra­re lo sta­to emer­gen­za cli­ma­ti­ca e ambien­ta­le dob­bia­mo pro­va­re a pas­sa­re dal­le paro­le (o dal­le inten­zio­ni) ai fat­ti: tut­te le azio­ni neces­sa­rie per ridur­re l’in­qui­na­men­to atmo­sfe­ri­co devo­no esse­re intra­pre­se, e non sono poche. Ban­do alle scu­se come la man­can­za di fon­di, agli sca­ri­ca bari­le del ‘dipen­de dal­la Regio­ne’, o dei clas­si­ci ‘è il Gover­no che deve muo­ver­si’: tut­to vero, ma non assol­ve il livel­lo isti­tu­zio­na­le più bas­so (ma anche il più pros­si­mo ai cit­ta­di­ni) dal dare una ster­za­ta deci­sa rispet­to a una situa­zio­ne che defi­ni­re emer­gen­zia­le sareb­be riduttivo.

Per que­sto stia­mo pro­gram­man­do la fase 2: dopo il moni­to­rag­gio, i dati, l’at­ten­zio­ne del­l’o­pi­nio­ne pub­bli­ca e del­la stam­pa, è il momen­to di fare il pas­so seguen­te, cioè i pia­ni di risa­na­men­to del­l’a­ria. Ser­vo­no pia­ni di risa­na­men­to per ogni sin­go­lo pae­se del­la rete indi­pen­den­te, in cui le spe­ci­fi­ci­tà di ogni luo­go tro­va­no un comu­ne mini­mo deno­mi­na­to­re nel­la ride­fi­ni­zio­ne di poli­ti­che, sche­mi e pra­ti­che che ci han­no por­ta­to in que­sto cul-de-sac.

Tro­va­te tut­te le infor­ma­zio­ni su Che Aria Tira? e sul Forum del­l’A­ria sui siti del­le iniziative.

 

ALESSANDRIA, A CACCIA DI PM10 IN UNA DELLE CITTÀ PIÙ INQUINATE D’ITALIA

Anche que­st’an­no il comi­ta­to Mac­chia­ros­sa di Ales­san­dria sostie­ne la cam­pa­gna civi­ca di rile­va­zio­ne del­l’a­ria di Ales­san­dria che sta­vol­ta si inti­to­la sma­sche­rA­La­ria e va in cer­ca di PM10 (ma anche di PM2.5).

Nel 2019, con la pri­ma rile­va­zio­ne, ave­va­mo instal­la­to due rile­va­to­ri pas­si­vi di bios­si­do di azo­to con­tri­buen­do, insie­me ad altre die­ci asso­cia­zio­ni e deci­ne di cit­ta­di­ni, a trac­cia­re le zone del­la cit­tà ove c’è più rischio di ave­re pro­ble­mi respiratori.

Con la nuo­va cam­pa­gna si trat­ta di instal­la­re rile­va­to­ri di PM10 in tut­ta la cit­tà, nel­le fra­zio­ni e nei comu­ni più piccoli.

Le posta­zio­ni sono diver­se e, pur nel­la loro estre­ma sem­pli­ci­tà, han­no biso­gno di ali­men­ta­zio­ne elet­tri­ca e una Wi-Fi dispo­ni­bi­le, ma, con un con­su­mo di cor­ren­te irri­so­rio, per­met­to­no di rac­co­glie­re dati 24 ore su 24 e di ver­sar­li in rete a dispo­si­zio­ne di tut­ta la comunità.

Cre­dia­mo che soste­ne­re que­sto atti­vi­smo di cit­ta­di­nan­za, attra­ver­so una rete di asso­cia­zio­ni, sia mol­to impor­tan­te, spe­cie se rivol­to a far cono­sce­re la real­tà fat­tua­le con le misu­re e le rile­va­zio­ni. Lo sco­po è, anco­ra una vol­ta, far capi­re che la qua­li­tà del­l’a­ria che respi­ria­mo dipen­de da noi, dal­le nostre scel­te e da quel­le intra­pre­se dal deci­so­re politico.

 

TORINO, VENARIA REALE E L’APPELLO DELL’ORDINE DEI MEDICI

Per il secon­do anno, il Comi­ta­to Tori­no Respi­ra (for­ma­to da cit­ta­di­ni e nato per pro­muo­ve­re ini­zia­ti­ve e una cor­ret­ta infor­ma­zio­ne sull’inquinamento atmo­sfe­ri­co e sul­le misu­re che pos­so­no esse­re intra­pre­se per affron­tar­lo) ha lan­cia­to una cam­pa­gna di moni­to­rag­gio del­la qua­li­tà del­l’a­ria: #cheariatira2020. Sono sta­ti distri­bui­ti a chi ha volu­to acqui­star­li i pic­co­li dispo­si­ti­vi di rile­va­zio­ne, cer­ti­fi­ca­ti a livel­lo inter­na­zio­na­le, che si instal­la­no facil­men­te e che per­met­te­ran­no di misu­ra­re il bios­si­do di azo­to, uno degli inqui­nan­ti più pericolosi.

Si trat­ta di un siste­ma di misu­ra­zio­ne indi­pen­den­te e dif­fu­so in altre cit­tà ita­lia­ne come Mila­no, Roma, Bre­scia, Ales­san­dria… e ora anche a Vena­ria Rea­le! Con Vena­ria Pos­si­bi­le e la can­di­da­ta sin­da­ca per il cen­tro­si­ni­stra Ros­sa­na Schil­la­ci abbia­mo instal­la­to uno dei rile­va­to­ri in un pun­to che rite­nia­mo di par­ti­co­la­re inte­res­se: a poche cen­ti­na­ia di metri da una scuo­la, vici­no a bar, uffi­ci e alle fer­ma­te del ser­vi­zio pubblico. 

È una que­stio­ne di salu­te, che riguar­da tut­ti i cit­ta­di­ni e le cit­ta­di­ne, a par­ti­re da chi è più vul­ne­ra­bi­le: anzia­ni e bam­bi­ni, che sono i pri­mi a subi­re gli effet­ti dell’inquinamento. All’inizio del 2020 l’Ordine dei Medi­ci di Tori­no ha riba­di­to la neces­si­tà di affron­ta­re con tem­pe­sti­vi­tà e serie­tà la situa­zio­ne del­l’in­qui­na­men­to atmo­sfe­ri­co a Tori­no e area metro­po­li­ta­na, che con­ti­nua a esse­re cri­ti­ca ed è fon­te di pre­oc­cu­pa­zio­ne per i pos­si­bi­li dan­ni alla salu­te: l’e­spo­si­zio­ne allo smog, aggiun­go­no, aumen­ta il rischio di tumo­re al pol­mo­ne e ridu­ce la spe­ran­za di vita. 

Chiun­que voglia ammi­ni­stra­re una cit­tà nell’interesse dei cit­ta­di­ni non può pen­sa­re di accan­to­na­re la que­stio­ne: il tema eco­lo­gi­sta non può esse­re una “moda”, né ogget­to di un nega­zio­ni­smo che non tie­ne con­to del­la real­tà. Deve inve­ce esse­re un impe­gno serio con le per­so­ne, a par­ti­re dagli aspet­ti che più inci­do­no sul­la nostra vita e sul­la nostra salute.

… E A PISA, INVECE?

A Pisa sono pre­sen­ti solo due cen­tra­li­ne di moni­to­rag­gio atti­ve, del­le set­te che era­no in fun­zio­ne fino al 2007. La coa­li­zio­ne Dirit­ti in Comu­ne (Una cit­tà in comu­ne — Rifon­da­zio­ne Comu­ni­sta — Pisa Pos­si­bi­le) ha pre­sen­ta­to anche nel 2020 un emen­da­men­to al bilan­cio pre­ven­ti­vo, chie­den­do lo stan­zia­men­to neces­sa­rio per l’acquisto e l’installazione di altre due cen­tra­li­ne per il moni­to­rag­gio, da posi­zio­na­re nei quar­tie­ri di Por­ta a Mare e Ora­to­io. Sareb­be sta­to anche il modo di appli­ca­re una mozio­ne di ini­zia­ti­va popo­la­re vota­ta all’unanimità dal Con­si­glio comunale. 

Eppu­re, la pro­po­sta è sta­ta boc­cia­ta, sen­za spie­ga­zio­ni. Non sor­pren­de più di tan­to, con una mag­gio­ran­za che si col­lo­ca nel­la tra­di­zio­ne nega­zio­ni­sta del­la destra sul­le que­stio­ni ambien­ta­li e climatiche. 

Così si è per­sa un’occasione per rac­co­glie­re i dati che avreb­be­ro per­mes­so di svi­lup­pa­re solu­zio­ni e stru­men­ti vol­ti a tute­la­re la salu­te dei cit­ta­di­ni e del­le cit­ta­di­ne, pre­fe­ren­do con­ti­nua­re a igno­ra­re un pro­ble­ma e a mini­miz­zar­lo per­ché “non è poi così gra­ve”. Atteg­gia­men­to anco­ra più gra­ve a fron­te dell’approvazione del­la Dichia­ra­zio­ne di emer­gen­za cli­ma­ti­ca pro­po­sta da “Fri­days For Futu­re”, vota­ta anche dal­la destra. Una cini­ca e ipo­cri­ta ope­ra­zio­ne di gree­n­wa­shing, visto che nei fat­ti que­sto voto è siste­ma­ti­ca­men­te con­trad­det­to dal­le poli­ti­che por­ta­te avan­ti da sin­da­co e maggioranza. 

Per que­sta ragio­ne la coa­li­zio­ne con­ti­nua il pro­prio lavo­ro isti­tu­zio­na­le per chie­de­re nuo­vi dati e stu­di sul­la qua­li­tà del­l’a­ria e sugli effet­ti del­l’in­qui­na­men­to atmo­sfe­ri­co sul­la salu­te. Inol­tre, sta con­tri­buen­do alla costru­zio­ne di una rete di moni­to­rag­gio auto­ge­sti­ta dal­la cit­ta­di­nan­za nei quar­tie­ri, ispi­ra­ta al pro­get­to di citi­zen scien­ce “Che Aria Tira?”.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.