Lettera referendaria ai direttori delle testate giornalistiche

Egregio Direttore,

                              le scriviamo a nome e per conto di alcune migliaia di volontari che dalla metà dello scorso luglio, in tutta Italia, si sono attivati nella raccolta delle firme necessarie a presentare ben otto referendum riguardanti le più importanti e da noi assolutamente non condivise riforme effettuate da questo Governo (e sui quali tutte le informazioni del caso sono presenti sul sito referendum.possibile.com).

I referendum, che qualcuno ha definito sbrigativamente “di Civati”, rappresentano invece il pensiero di molti cittadini e addetti ai lavori che hanno collaborato alla loro scrittura e stanno coinvolgendo non solo gli iscritti a Possibile, il movimento di cui Civati è tra i fondatori, ma anche militanti ed eletti di Sel, degli altri partiti della sinistra e persino del Pd, oltre a tanti semplici cittadini e ad attivisti provenienti da esperienze civiche e da comitati locali e nazionali. Da luglio e per tutto agosto, e da qui alla fine di settembre, le raccolte sono presenti in tutta Italia, sulle coste e nei grandi centri, nelle valli e nei quartieri.

Di tutto questo, sulla testata da Lei diretta, in quasi due mesi non abbiamo praticamente trovato traccia: ci sembra si tratti di un caso di cattiva informazione, un caso di ingiustizia, e per questo le scriviamo. Non chiediamo trattamenti di favore, non intendiamo chiedere passerelle per noi come singoli o per i sostenitori più in vista – a partire da Civati – di questa nostra impresa, crediamo però che sarebbe giusto da parte degli organi di informazione dare conto di una cosa che sta effettivamente succedendo: che muove migliaia di cittadini, che raccoglie centinaia di migliaia di firme, che interroga i passanti nei mille punti in cui in tutta Italia si imbattono nei nostri banchetti, e si fermano interessati ma anche stupiti di non averne sentito mai parlare in nessun organo di informazione nazionale. Chiediamo un’informazione nel merito dei temi che i referendum affrontano e dell’attivismo che suscitano (e siamo a disposizione per fornire qualsiasi ulteriore elemento): niente di più, ma niente di meno.

Comprendiamo benissimo l’importanza e la priorità degli argomenti dell’agenda politica che determinano il flusso mainstream delle notizie, e di certo conosciamo bene la capacità del presidente del Consiglio di occuparla quotidianamente con qualunque argomento, diciamo però che vivaddio potrebbe e dovrebbe esserci spazio anche per altro, sia detto in tutti i sensi compreso quello politico.
Questo il motivo della nostra lettera e dell’appello che con forza le rinnoviamo, certi della sua sensibilità di giornalista e di cittadino.

Nella speranzosa attesa di un suo cortese riscontro, le porgiamo un caro saluto e un augurio di buon lavoro.

referendum.possibile.com – Il comitato promotore


(inviata giovedì 3 settembre a tutti i direttori dei principali organi d’informazione nazionali)

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Post Correlati

% Commenti (2)

I Commenti sono chiusi.