Lettera referendaria ai direttori delle testate giornalistiche

Egre­gio Direttore,

                              le scri­via­mo a nome e per con­to di alcu­ne miglia­ia di volon­ta­ri che dal­la metà del­lo scor­so luglio, in tut­ta Ita­lia, si sono atti­va­ti nel­la rac­col­ta del­le fir­me neces­sa­rie a pre­sen­ta­re ben otto refe­ren­dum riguar­dan­ti le più impor­tan­ti e da noi asso­lu­ta­men­te non con­di­vi­se rifor­me effet­tua­te da que­sto Gover­no (e sui qua­li tut­te le infor­ma­zio­ni del caso sono pre­sen­ti sul sito referendum.possibile.com).

I refe­ren­dum, che qual­cu­no ha defi­ni­to sbri­ga­ti­va­men­te “di Civa­ti”, rap­pre­sen­ta­no inve­ce il pen­sie­ro di mol­ti cit­ta­di­ni e addet­ti ai lavo­ri che han­no col­la­bo­ra­to alla loro scrit­tu­ra e stan­no coin­vol­gen­do non solo gli iscrit­ti a Pos­si­bi­le, il movi­men­to di cui Civa­ti è tra i fon­da­to­ri, ma anche mili­tan­ti ed elet­ti di Sel, degli altri par­ti­ti del­la sini­stra e per­si­no del Pd, oltre a tan­ti sem­pli­ci cit­ta­di­ni e ad atti­vi­sti pro­ve­nien­ti da espe­rien­ze civi­che e da comi­ta­ti loca­li e nazio­na­li. Da luglio e per tut­to ago­sto, e da qui alla fine di set­tem­bre, le rac­col­te sono pre­sen­ti in tut­ta Ita­lia, sul­le coste e nei gran­di cen­tri, nel­le val­li e nei quartieri.

Di tut­to que­sto, sul­la testa­ta da Lei diret­ta, in qua­si due mesi non abbia­mo pra­ti­ca­men­te tro­va­to trac­cia: ci sem­bra si trat­ti di un caso di cat­ti­va infor­ma­zio­ne, un caso di ingiu­sti­zia, e per que­sto le scri­via­mo. Non chie­dia­mo trat­ta­men­ti di favo­re, non inten­dia­mo chie­de­re pas­se­rel­le per noi come sin­go­li o per i soste­ni­to­ri più in vista — a par­ti­re da Civa­ti — di que­sta nostra impre­sa, cre­dia­mo però che sareb­be giu­sto da par­te degli orga­ni di infor­ma­zio­ne dare con­to di una cosa che sta effet­ti­va­men­te suc­ce­den­do: che muo­ve miglia­ia di cit­ta­di­ni, che rac­co­glie cen­ti­na­ia di miglia­ia di fir­me, che inter­ro­ga i pas­san­ti nei mil­le pun­ti in cui in tut­ta Ita­lia si imbat­to­no nei nostri ban­chet­ti, e si fer­ma­no inte­res­sa­ti ma anche stu­pi­ti di non aver­ne sen­ti­to mai par­la­re in nes­sun orga­no di infor­ma­zio­ne nazio­na­le. Chie­dia­mo un’informazione nel meri­to dei temi che i refe­ren­dum affron­ta­no e dell’attivismo che susci­ta­no (e sia­mo a dispo­si­zio­ne per for­ni­re qual­sia­si ulte­rio­re ele­men­to): nien­te di più, ma nien­te di meno.

Com­pren­dia­mo benis­si­mo l’importanza e la prio­ri­tà degli argo­men­ti dell’agenda poli­ti­ca che deter­mi­na­no il flus­so main­stream del­le noti­zie, e di cer­to cono­scia­mo bene la capa­ci­tà del pre­si­den­te del Con­si­glio di occu­par­la quo­ti­dia­na­men­te con qua­lun­que argo­men­to, dicia­mo però che vivad­dio potreb­be e dovreb­be esser­ci spa­zio anche per altro, sia det­to in tut­ti i sen­si com­pre­so quel­lo politico.
Que­sto il moti­vo del­la nostra let­te­ra e dell’appello che con for­za le rin­no­via­mo, cer­ti del­la sua sen­si­bi­li­tà di gior­na­li­sta e di cittadino.

Nel­la spe­ran­zo­sa atte­sa di un suo cor­te­se riscon­tro, le por­gia­mo un caro salu­to e un augu­rio di buon lavoro.

referendum.possibile.com — Il comi­ta­to promotore


(invia­ta gio­ve­dì 3 set­tem­bre a tut­ti i diret­to­ri dei prin­ci­pa­li orga­ni d’in­for­ma­zio­ne nazionali)
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.