Maurizio De Giovanni: «I referendum per cambiare una storia già scritta»

Schermata-2015-09-03-alle-15.29.36

11996963_10153627395778754_316591350_n«Se i refe­ren­dum han­no la poten­zia­li­tà di cam­bia­re una sto­ria che sem­bra già scrit­ta? Asso­lu­ta­men­te: i refe­ren­dum sono sem­pre sta­ti un modo per anda­re oltre i limi­ti e sca­val­ca­re le pasto­ie». Mau­ri­zio De Gio­van­ni, il gial­li­sta crea­to­re del com­mis­sa­rio Ric­ciar­di, ha le idee ben chia­re. Met­te ordi­ne tra gli avve­ni­men­ti, scom­po­ne i pro­ces­si, tro­va la solu­zio­ne. Lo abbia­mo inter­vi­sta­to a tut­to cam­po, oltre che sul­la sua scel­ta di fir­ma­re i referendum.

Il com­mis­sa­rio Ric­ciar­di lo cono­sco­no in mol­ti, ora­mai, ma non tut­ti. Comin­cia­mo con un suo bre­ve ritratto.

Ric­ciar­di è un com­mis­sa­rio di Poli­zia che ope­ra a Napo­li nei pri­mi anni ’30. Più pre­ci­sa­men­te, gli otto roman­zi di cui è pro­ta­go­ni­sta sono ambien­ta­ti tra il 1931 e il 1932. È una per­so­na gra­va­ta da una capa­ci­tà straor­di­na­ria, quel­la di poter vede­re gli ulti­mi atti e gli ulti­mi pen­sie­ri del­le per­so­ne mor­te di mor­te vio­len­ta. A lui spet­ta il ruo­lo di ricom­por­re quei pen­sie­ri e quel­le vite inter­rot­te. Que­ste per­ce­zio­ni, però, fan­no di lui una per­so­na soli­ta­ria e distan­te, com­por­ta­men­ti che si ripro­pon­go­no sia duran­te lo svol­gi­men­to del­le inda­gi­ni che anche nel­la sfe­ra emo­ti­va e sen­ti­men­ta­le, allon­ta­nan­do­lo da una don­na, Enrica.

Un ritrat­to che sem­bra il più distan­te pos­si­bi­le da quel­lo del­la mag­gior par­te dei poli­ti­ci attua­li, impe­gna­ti a fare sel­fie, bagni di fol­la. Eppu­re Ric­ciar­di pia­ce mol­to ai suoi lettori.

Que­sto per­ché Ric­ciar­di ha un atteg­gia­men­to sostan­zia­le: mira sem­pre alla sostan­za, in qua­lun­que situa­zio­ne si tro­vi. Non l’ho volu­to fare sim­pa­ti­co, o esper­to gour­met, o abi­le con le don­ne. Al con­tra­rio, sof­fre per la sof­fe­ren­za altrui, una cosa che tut­ti noi non fac­cia­mo mai. È que­sto il segre­to del suo successo.

Le inda­gi­ni di Ric­ciar­di sono ambien­ta­ti nel mez­zo del­la dit­ta­tu­ra fasci­sta. Ai tem­pi la poli­ti­ca era mol­to pre­sen­te nel­la socie­tà, tan­to che a trat­ti era dif­fi­ci­le riu­sci­re a distin­guer­le. Come si è evo­lu­to il rap­por­to tra poli­ti­ca e società?

È neces­sa­rio ope­ra­re una distin­zio­ne. La vita socia­le è poli­ti­ca, le due cose cor­ri­spon­do­no per­fet­ta­men­te: la poli­ti­ca non è altro che la com­po­si­zio­ne del­le sin­go­le volon­tà indi­vi­dua­li in un’unica volon­tà col­let­ti­va. Al momen­to, però, le per­so­ne per­ce­pi­sco­no la poli­ti­ca come ves­sa­to­ria, cor­rot­ta, men­zo­gne­ra. Le con­se­guen­ze sono l’astensionismo o l’espressione del pro­prio voto a favo­re di movi­men­ti che fan­no del­la dema­go­gia la pro­pria for­za, e sul­la base di ciò riscuo­to­no un faci­le suc­ces­so. Si trat­ta di un dan­no socia­le immenso.

In una recen­te inter­vi­sta lei dichia­ra­va che nel­le sue inda­gi­ni il com­mis­sa­rio Ric­ciar­di è por­ta­to a chie­der­si «come sen­ti­men­ti qua­li amo­re, ami­ci­zia, affet­to pater­no o filia­le pos­sa­no esser­si cor­rot­ti e infet­ta­ti fino a diven­ta­re il loro oppo­sto». A chi segue la poli­ti­ca, una meta­mor­fo­si del gene­re non può che ricor­da­re la voglia di cam­bia­men­to che si è mani­fe­sta­ta nel­le urne nel 2013, e che è sta­ta asso­lu­ta­men­te tradita.

È asso­lu­ta­men­te vero. Sono da ricer­ca­re qui le ragio­ni del distac­co di cui par­la­vo in pre­ce­den­za: sia­mo sta­ti ingan­na­ti più vol­te. Pro­met­te­re e non man­te­ne­re le pro­mes­se è dive­ta­ta una costan­te nel mon­do poli­ti­co, tan­to che ora­mai ci si aspet­ta che qual­sia­si pro­mes­sa ven­ga tradita.

A que­sto pun­to si può sve­la­re chi è l’assassino…

L’assassino è quel­lo che sfrut­ta, che caval­ca l’onda di cer­ti sen­ti­men­ti. Col risul­ta­to che si allon­ta­na sem­pre di più dagli ulti­mi, dai lavo­ra­to­ri che han­no per­so il lavo­ro, dagli immigrati.

I refe­ren­dum han­no il poten­zia­le per cam­bia­re un fina­le che sem­bra già scritto?

Asso­lu­ta­men­te: i refe­ren­dum sono sem­pre sta­ti un modo per anda­re oltre i limi­ti e sca­val­ca­re le pasto­ie, le buro­cra­zie – che nei momen­ti di deca­den­za non a caso vedo­no aumen­ta­re il pro­prio pote­re. I refe­ren­dum sono un pon­te per riap­pro­priar­si del­la cosa pub­bli­ca, una pri­ma­ria tera­pia, una stra­da per la guarigione.

È per que­sto moti­vo che ha scel­to di fir­ma­re i refe­ren­dum pro­mos­si da Possibile?

Sì, ma non solo. Mi suc­ce­de rara­men­te di spe­ri­men­ta­re una asso­lu­ta iden­ti­tà di idee, il che non mi con­sen­te “appar­te­nen­ze”. In que­sti refe­ren­dum e nel pen­sie­ro poli­ti­co di Pip­po Civa­ti, però, mi ci ritro­vo total­men­te. Si avver­te un gra­ve trion­fo dei sen­ti­men­ti anti­u­ma­ni, for­se cau­sa­to dal pro­gres­si­vo venir meno del sen­so di appar­te­nen­za alla cate­go­ria. In piaz­za non ci si va più, se non per difen­de­re pic­co­le ren­di­te, e inve­ce la sini­stra è sini­stra quan­do si bat­te per i dirit­ti altrui, cosa che non si vede­va da trop­po tempo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.