Trivelle: l’unico modo per fermarle è raccogliere le firme

Dopo il decre­to di com­pa­ti­bi­li­tà ambien­ta­le che i Mini­ste­ri dell’Ambiente e del Turi­smo han­no rila­scia­to per “Ombri­na mare”, le nuo­ve tri­vel­le sono ormai pros­si­me lun­go le coste d’Abruzzo, così come gran par­te di quel­le ita­lia­ne dall’Emilia alla Sardegna.

Lo scor­so 17 luglio, come ormai noto, sono sta­ti depo­si­ta­ti in Cas­sa­zio­ne 8 que­si­ti refe­ren­da­ri su: Ita­li­cum, tri­vel­le e Leg­ge obiet­ti­vo Gran­di ope­re, Jobs act e la Scuo­la del pre­si­de-mana­ger. Imme­dia­ta­men­te è par­ti­ta una cam­pa­gna refe­ren­da­ria nazio­na­le.

Sul­le tri­vel­la­zio­ni, in par­ti­co­la­re, si con­cen­tra­no due que­si­ti: uno che riguar­da l’art.35 del Decre­to Svi­lup­po (che inte­res­sa in Abruz­zo “Ombri­na Mare”) e l’altro che riguar­da l’art.38 del­lo Sbloc­ca Ita­lia. In estre­ma sin­te­si stia­mo par­lan­do del­le tri­vel­la­zio­ni in mare e del carat­te­re stra­te­gi­co del­le trivellazioni.

Qual­che set­ti­ma­na fa set­te Con­si­gli regio­na­li si sono espres­si ini­zial­men­te a favo­re di un refe­ren­dum abro­ga­ti­vo sul­le tri­vel­la­zio­ni, e si sono riu­ni­ti il 24 luglio scor­so a Ter­mo­li –su ini­zia­ti­va dell’Abruzzo, con Lucia­no D’Alfonso e Mario Maz­zoc­ca. Ma, incre­di­bil­men­te la discus­sio­ne si è fer­ma­ta sola­men­te all’art.35 del Decre­to Svi­lup­po, cer­can­do di apri­re un dia­lo­go con il gover­no (che sta auto­riz­zan­do dai pri­mi di giu­gno, ogni set­ti­ma­na, pro­get­ti in tut­ta Ita­lia), e si sono aggior­na­ti al 19 set­tem­bre. Sap­pia­mo che è anche sta­ta depo­si­ta­ta richie­sta di con­vo­ca­zio­ne di un Con­si­glio regio­na­le straor­di­na­rio per defi­ni­re la posi­zio­ne del­la Regio­ne Abruz­zo, ma al momen­to non ce n’è noti­zia e il tem­po sta tra­scor­ren­do, inve­ce, ine­so­ra­bil­men­te ver­so il 30 set­tem­bre, cioè il ter­mi­ne ulti­mo — e che vale per tut­ti — per pre­sen­ta­re referendum.

Posto che il testo dei due que­si­ti abro­ga­ti­vi sul­le tri­vel­la­zio­ni che abbia­mo pre­sen­ta­to è da tut­ti con­di­vi­so, rite­nia­mo a que­sto pun­to che l’unico modo per fer­ma­re le tri­vel­le nei pros­si­mi mesi sia quel­lo di rac­co­glie­re le fir­me.

Nel­le set­ti­ma­ne pas­sa­te abbia­mo lan­cia­to un appel­lo pub­bli­co ai Pre­si­den­ti di Regio­ne con­tra­ri alle tri­vel­la­zio­ni ad anda­re avan­ti insie­me sui refe­ren­dum NoTriv, met­ten­do a dispo­si­zio­ne i nostri que­si­ti, nel­la ricer­ca del comu­ne risul­ta­to. Anche, ovvia­men­te, a Lucia­no D’Alfonso. Rin­no­via­mo il nostro appel­lo pub­bli­co, chie­den­do la col­la­bo­ra­zio­ne di tut­ti: Isti­tu­zio­ni, par­ti­ti, sin­da­ca­ti, movi­men­ti e asso­cia­zio­ni. Rivol­gen­do que­sto nostro appel­lo anche alle cir­ca 130 orga­niz­za­zio­ni che si sono appel­la­te alle Regio­ni, come infor­ma il Coor­di­na­men­to nazio­na­le NoTriv. Se sie­te con­tra­ri alle tri­vel­le soste­ne­te la cam­pa­gna refe­ren­da­ria in atto e fir­ma­te e fate fir­ma­re per i que­si­ti. Andia­mo avan­ti insie­me, i refe­ren­dum sono di tut­ti, di chi li pro­muo­ve e di chi li sottoscrive. 

Se doves­se arri­va­re l’iniziativa del­le Regio­ni, che anche noi sol­le­ci­tia­mo ma che con­ti­nua tut­ta­via a slit­ta­re, tan­to meglio. Per quel­lo che ci riguar­da, con­ti­nue­re­mo a lavo­ra­re inces­san­te­men­te su que­sto obiet­ti­vo con­ti­nuan­do a rac­co­glie­re fir­me, rite­nen­do che que­sto ser­va dav­ve­ro: nel pros­si­mo fine set­ti­ma­na, in par­ti­co­la­re, in tut­ta Ita­lia saran­no pre­sen­ti mil­le ban­chet­ti per la rac­col­ta firme.

Giu­sep­pe Civa­ti, Pao­lo Del­la Ventura

Pier­gior­gio Leo­ca­ta, Comi­ta­to L’Aquila Possibile

Euge­nio Deriard, Comi­ta­to Chie­ti Possibile

Eduar­do Gru­mel­li, Comi­ta­to Orto­na Possibile

Cle­lia Can­cel­li, Comi­ta­to Pesca­ra Possibile

Lean­dro Brac­co, Comi­ta­to Val Pesca­ra Possibile

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.