Le priorità di Salvini e le priorità dei bambini

«Caro Mario, lo “ius soli” non è la priorità mia, né degli italiani. Buon lavoro, e divertiti, dietro al pallone». E faccina sorridente. Tra le prime invettive del neoministro dell'Interno - che ha prestato giuramento con tanto di braccialetto del Milan al polso, giusto per stare in tema di pacchia e pallone - c'è il commento ad alcune dichiarazioni rilasciate da Mario Balotelli. 

[vc_row][vc_column][vc_column_text]«Caro Mario, lo “ius soli” non è la prio­ri­tà mia, né degli ita­lia­ni. Buon lavo­ro, e diver­ti­ti, die­tro al pal­lo­ne». E fac­ci­na sor­ri­den­te. Tra le pri­me invet­ti­ve del neo­mi­ni­stro del­l’In­ter­no — che ha pre­sta­to giu­ra­men­to con tan­to di brac­cia­let­to del Milan al pol­so, giu­sto per sta­re in tema di pac­chia e pal­lo­ne — c’è il com­men­to ad alcu­ne dichia­ra­zio­ni rila­scia­te da Mario Balo­tel­li.

Rispon­de a Balo­tel­li, tra l’al­tro, dopo aver scher­za­to sul­l’o­mi­ci­dio di Sac­ko Sou­may­la, il sin­da­ca­li­sta malia­no ucci­so in Cala­bria. #Col­pa­di­Sal­vi­ni, ha twit­ta­to, come se ci fos­se qual­co­sa da ride­re.

Ma tor­nia­mo a Balo­tel­li. Le scan­da­lo­se dichia­ra­zio­ni sono queste:

È sta­to un momen­to duris­si­mo per me. E in que­sto sen­so vor­rei fare un pic­co­lo appel­lo. Io sono nato in Ita­lia, ho vis­su­to in Ita­lia, ave­vo stu­dia­to in Ita­lia e il fat­to di non esser con­si­de­ra­to ita­lia­no fino a 18 anni ha rap­pre­sen­ta­to la par­te peg­gio­re del­la mia vita. E in que­sto sen­so la leg­ge ita­lia­na dovreb­be fare qualcosa.

Non sono altro che le paro­le di un ragaz­zo che fin da bam­bi­no ha vis­su­to sul­la sua pel­le una ingiu­sti­fi­ca­ta e inspie­ga­bi­le discri­mi­na­zio­ne. E che ora è diven­ta­to ita­lia­no e chie­de che altri bam­bi­ni non deb­ba­no subi­re quel che ha subi­to lui. Lo chie­de da ita­lia­no, con buo­na pace di Sal­vi­ni che gli rispon­de dicen­do che lo “ius soli” non è una prio­ri­tà degli italiani.

La vicen­da mi ha ricor­da­to un dibat­ti­to che ho fat­to duran­te la cam­pa­gna elet­to­ra­le. Dal­l’al­tra par­te c’e­ra una can­di­da­ta del­la Lega Nord, mae­stra del­le scuo­le ele­men­ta­ri, che soste­ne­va che i bam­bi­ni stra­nie­ri non sono in alcun modo discri­mi­na­ti. Tut­ti san­no che non è così, che ci sono pro­ble­mi nel­l’ot­te­ne­re i docu­men­ti per fare gite sco­la­sti­che all’e­ste­ro (tan­to che ci sono sta­ti casi in cui le gite sono sta­te annul­la­te, per “col­pa” di un bam­bi­no stra­nie­ro), che ci sono pro­ble­mi con il tes­se­ra­men­to nel­le asso­cia­zio­ni spor­ti­ve, ecce­te­ra. Men­tre dibat­te­va­mo mi è tor­na­to in men­te un epi­so­dio: ave­vo quin­di­ci anni e gio­ca­vo in una squa­dret­ta nel­l’or­bi­ta di una socie­tà pro­fes­sio­ni­sti­ca — quin­di non esat­ta­men­te gli ulti­mi arri­va­ti. A set­tem­bre ini­zia il cam­pio­na­to e un ragaz­zo che ave­va fat­to tut­ta la pre­pa­ra­zio­ne atle­ti­ca con noi non pote­va gio­ca­re. Era un bel­l’e­ster­no, me lo ricor­do: mol­to fisi­co, sen­za pau­ra, gran cor­ri­do­re. Non pote­va gio­ca­re per­ché era alba­ne­se e c’e­ra­no pro­ble­mi con il tes­se­ra­men­to. Ave­vo rimos­so que­sto epi­so­dio e mi è tor­na­to in men­te quel­la sera. L’in­se­gnan­te dice­va che «ma sì, ma basta anda­re in pre­fet­tu­ra a rom­pe­re le bal­le, noi fac­cia­mo così e tut­to si siste­ma», non ren­den­do­si con­to che sta­va cer­ti­fi­can­do la discri­mi­na­zio­ne. E i bam­bi­ni se ne accor­go­no: maga­ri han­no dif­fi­col­tà nel con­cet­tua­liz­za­re la discri­mi­na­zio­ne, ma se ne accor­go­no, come dimo­stra il fat­to che l’e­pi­so­dio da me rimos­so si era in real­tà depo­si­ta­to nel­la mia memo­ria.

Fac­cia un po’ meno il gra­das­so, Mat­teo Sal­vi­ni. E pro­vi a pen­sa­re, ogni tan­to, che i suoi figli stan­no cre­scen­do insie­me a altri Mario con la pel­le nera, e a tan­ti Bou­ba, e a tan­ti Bilal con la pel­le più chia­ra di Mario. Ci saran­no sem­pre più Miche­la e Ilhaam, con loro, sul cam­po da cal­cio. Per for­tu­na che non sapran­no nem­me­no chi sia, Mat­teo Sal­vi­ni, e che si diver­ti­ran­no tut­ti assie­me «die­tro al pallone».[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.