Le priorità di Salvini e le priorità dei bambini

«Caro Mario, lo “ius soli” non è la priorità mia, né degli italiani. Buon lavoro, e divertiti, dietro al pallone». E faccina sorridente. Tra le prime invettive del neoministro dell'Interno - che ha prestato giuramento con tanto di braccialetto del Milan al polso, giusto per stare in tema di pacchia e pallone - c'è il commento ad alcune dichiarazioni rilasciate da Mario Balotelli. 

[vc_row][vc_column][vc_column_text]«Caro Mario, lo “ius soli” non è la prio­ri­tà mia, né degli ita­lia­ni. Buon lavo­ro, e diver­ti­ti, die­tro al pal­lo­ne». E fac­ci­na sor­ri­den­te. Tra le pri­me invet­ti­ve del neo­mi­ni­stro del­l’In­ter­no — che ha pre­sta­to giu­ra­men­to con tan­to di brac­cia­let­to del Milan al pol­so, giu­sto per sta­re in tema di pac­chia e pal­lo­ne — c’è il com­men­to ad alcu­ne dichia­ra­zio­ni rila­scia­te da Mario Balo­tel­li.

Rispon­de a Balo­tel­li, tra l’al­tro, dopo aver scher­za­to sul­l’o­mi­ci­dio di Sac­ko Sou­may­la, il sin­da­ca­li­sta malia­no ucci­so in Cala­bria. #Col­pa­di­Sal­vi­ni, ha twit­ta­to, come se ci fos­se qual­co­sa da ride­re.

Ma tor­nia­mo a Balo­tel­li. Le scan­da­lo­se dichia­ra­zio­ni sono queste:

È sta­to un momen­to duris­si­mo per me. E in que­sto sen­so vor­rei fare un pic­co­lo appel­lo. Io sono nato in Ita­lia, ho vis­su­to in Ita­lia, ave­vo stu­dia­to in Ita­lia e il fat­to di non esser con­si­de­ra­to ita­lia­no fino a 18 anni ha rap­pre­sen­ta­to la par­te peg­gio­re del­la mia vita. E in que­sto sen­so la leg­ge ita­lia­na dovreb­be fare qualcosa.

Non sono altro che le paro­le di un ragaz­zo che fin da bam­bi­no ha vis­su­to sul­la sua pel­le una ingiu­sti­fi­ca­ta e inspie­ga­bi­le discri­mi­na­zio­ne. E che ora è diven­ta­to ita­lia­no e chie­de che altri bam­bi­ni non deb­ba­no subi­re quel che ha subi­to lui. Lo chie­de da ita­lia­no, con buo­na pace di Sal­vi­ni che gli rispon­de dicen­do che lo “ius soli” non è una prio­ri­tà degli italiani.

La vicen­da mi ha ricor­da­to un dibat­ti­to che ho fat­to duran­te la cam­pa­gna elet­to­ra­le. Dal­l’al­tra par­te c’e­ra una can­di­da­ta del­la Lega Nord, mae­stra del­le scuo­le ele­men­ta­ri, che soste­ne­va che i bam­bi­ni stra­nie­ri non sono in alcun modo discri­mi­na­ti. Tut­ti san­no che non è così, che ci sono pro­ble­mi nel­l’ot­te­ne­re i docu­men­ti per fare gite sco­la­sti­che all’e­ste­ro (tan­to che ci sono sta­ti casi in cui le gite sono sta­te annul­la­te, per “col­pa” di un bam­bi­no stra­nie­ro), che ci sono pro­ble­mi con il tes­se­ra­men­to nel­le asso­cia­zio­ni spor­ti­ve, ecce­te­ra. Men­tre dibat­te­va­mo mi è tor­na­to in men­te un epi­so­dio: ave­vo quin­di­ci anni e gio­ca­vo in una squa­dret­ta nel­l’or­bi­ta di una socie­tà pro­fes­sio­ni­sti­ca — quin­di non esat­ta­men­te gli ulti­mi arri­va­ti. A set­tem­bre ini­zia il cam­pio­na­to e un ragaz­zo che ave­va fat­to tut­ta la pre­pa­ra­zio­ne atle­ti­ca con noi non pote­va gio­ca­re. Era un bel­l’e­ster­no, me lo ricor­do: mol­to fisi­co, sen­za pau­ra, gran cor­ri­do­re. Non pote­va gio­ca­re per­ché era alba­ne­se e c’e­ra­no pro­ble­mi con il tes­se­ra­men­to. Ave­vo rimos­so que­sto epi­so­dio e mi è tor­na­to in men­te quel­la sera. L’in­se­gnan­te dice­va che «ma sì, ma basta anda­re in pre­fet­tu­ra a rom­pe­re le bal­le, noi fac­cia­mo così e tut­to si siste­ma», non ren­den­do­si con­to che sta­va cer­ti­fi­can­do la discri­mi­na­zio­ne. E i bam­bi­ni se ne accor­go­no: maga­ri han­no dif­fi­col­tà nel con­cet­tua­liz­za­re la discri­mi­na­zio­ne, ma se ne accor­go­no, come dimo­stra il fat­to che l’e­pi­so­dio da me rimos­so si era in real­tà depo­si­ta­to nel­la mia memo­ria.

Fac­cia un po’ meno il gra­das­so, Mat­teo Sal­vi­ni. E pro­vi a pen­sa­re, ogni tan­to, che i suoi figli stan­no cre­scen­do insie­me a altri Mario con la pel­le nera, e a tan­ti Bou­ba, e a tan­ti Bilal con la pel­le più chia­ra di Mario. Ci saran­no sem­pre più Miche­la e Ilhaam, con loro, sul cam­po da cal­cio. Per for­tu­na che non sapran­no nem­me­no chi sia, Mat­teo Sal­vi­ni, e che si diver­ti­ran­no tut­ti assie­me «die­tro al pallone».[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?