Le piaghe d’Australia dovute al collasso climatico

Dopo la siccità e gli incendi che hanno funestato il Nuovo Galles del Sud ecco le alluvioni di inizio anno (la stagione estiva australiana) che hanno causato raccolti record: cibo e acqua abbondanti sono le condizioni ideali per la proliferazione di animali con un ciclo riproduttivo così breve.

Che cosa c’en­tra l’in­va­sio­ne dei topi in Austra­lia con il col­las­so cli­ma­ti­co? Negli ulti­mi sei mesi milio­ni di topi han­no ter­ro­riz­za­to la popo­la­zio­ne del Nuo­vo Gal­les del Sud (NSW) in Austra­lia. I rodi­to­ri han­no inva­so i cam­pi (distrug­gen­do i rac­col­ti), le case, scuo­le ed ospe­da­li. Una pia­ga costa­ta già milio­ni di dol­la­ri che ha spin­to il gover­no a crea­re un pac­chet­to di sal­va­tag­gio da 50 milio­ni e ad appro­va­re la distri­bu­zio­ne del vele­no per topi più leta­le in com­mer­cio. Secon­do le pre­vi­sio­ni degli esper­ti l’in­va­sio­ne coin­vol­ge­rà anche Sid­ney entro il mese di ago­sto. L’ap­pli­ca­zio­ne Mou­seA­lert uti­liz­za­ta dal gover­no for­ni­sce i dati sul moni­to­rag­gio del­le atti­vi­tà dei topi e degli avvi­sta­men­ti in tem­po rea­le sul­le regio­ni coin­vol­te dal­l’in­va­sio­ne: il Queen­sland meri­dio­na­le, il NWS, Vic­to­ria nor­doc­ci­den­ta­le e par­ti del­l’Au­stra­lia meri­dio­na­le. Gli agri­col­to­ri han­no avu­to il per­mes­so di pilo­ta­re dro­ni che sca­ri­ca­no vele­no sui topi e di semi­na­re esche di gra­no rive­sti­te di fosfu­ro di zin­co nei cam­pi e di uti­liz­za­re un vele­no vie­ta­to come il bro­ma­dio­lo­ne. Secon­do i son­dag­gi fat­ti sugli agri­col­to­ri col­pi­ti i risul­ta­ti otte­nu­ti però sono scar­si, men­tre ad esse­re allar­ma­te sono le asso­cia­zio­ni ani­ma­li­ste, fra tut­te la PETA, per gli effet­ti che que­sti vele­ni avran­no sul­la fau­na sel­va­ti­ca, sugli ani­ma­li dome­sti­ci e sul­la salu­te dei cit­ta­di­ni stes­si visto che le car­cas­se dei topi fini­sco­no anche nei ser­ba­toi d’ac­qua (col rischio, inol­tre, di dif­fon­de­re bat­te­ri). Tut­te le popo­la­zio­ni del­le aree urba­ne sono sta­te esor­ta­te a ripa­ra­re even­tua­li fori nel­le case che pos­sa­no dare ripa­ro ai topi con lana d’ac­cia­io, met­te­re sigil­li alle por­te e alle scor­te ali­men­ta­ri. Dopo la sic­ci­tà e gli incen­di che han­no fune­sta­to il Nuo­vo Gal­les del Sud ecco le allu­vio­ni di ini­zio anno (la sta­gio­ne esti­va austra­lia­na) che han­no cau­sa­to rac­col­ti record: cibo e acqua abbon­dan­ti sono le con­di­zio­ni idea­li per la pro­li­fe­ra­zio­ne di ani­ma­li con un ciclo ripro­dut­ti­vo così bre­ve. Ora il timo­re degli austra­lia­ni è quel­lo che aumen­ti­no anche quel­li che da que­ste par­ti sono i pre­da­to­ri natu­ra­li dei topi: i ser­pen­ti mar­ro­ni del­l’Au­stra­lia orien­ta­le, fra i più vele­no­si. Il ciclo natu­ra­le di letar­go inver­na­le di que­sti ret­ti­li è sta­to bloc­ca­to dal­l’ab­bon­dan­za di pre­de, l’au­men­to smi­su­ra­to dei ser­pen­ti potreb­be esse­re la pia­ga dei pros­si­mi mesi. Ad oggi trap­po­le e vele­ni sono ormai intro­va­bi­li (un po’ come da noi le masche­ri­ne la scor­sa pri­ma­ve­ra) obbli­gan­do ad idea­re solu­zio­ne fai da te, dal­le trap­po­le ad acqua ai gat­ti. Dopo i dan­ni mate­ria­li ini­zia a desta­re pre­oc­cu­pa­zio­ne la tenu­ta emo­ti­va e psi­co­lo­gi­ca che tale inva­sio­ne sta cau­san­do, dal­la qua­le si stan­no difen­den­do a fati­ca, e che non è dato sape­re quan­do finirà.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.