Le armi spuntate di de Guindos alla BCE

Il prossimo 31 maggio Vítor Constâncio lascerà libero il suo posto di vicepresidente della Banca Centrale Europea. A succedergli sarà Luìs de Guindos Jurado, dal 2011 ministro dell’Economia di Mariano Rajoy, nominato dai 19 Ministri delle Finanze dell'Eurozona che ne hanno appoggiato la candidatura

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Dal nostro iscrit­to Ste­fa­no Artu­si, rice­via­mo e pubblichiamo.

Il pros­si­mo 31 mag­gio Vítor Con­stân­cio lasce­rà libe­ro il suo posto di vice­pre­si­den­te del­la Ban­ca Cen­tra­le Euro­pea. A suc­ce­der­gli sarà Luìs de Guin­dos Jura­do, dal 2011 mini­stro dell’Economia di Maria­no Rajoy, nomi­na­to dai 19 Mini­stri del­le Finan­ze del­l’Eu­ro­zo­na che ne han­no appog­gia­to la can­di­da­tu­ra. La nomi­na alla vice­pre­si­den­za del­la BCE, appro­va­ta dal­l’Eu­ro­grup­po pri­ma, dal Par­la­men­to Euro­peo, dal­la BCE e dal Con­si­glio Euro­peo poi, è poli­ti­ca e non tec­ni­ca. Alla Mon­cloa (sede del­la Pre­si­den­za del Gover­no del Regno di Spa­gna) da tem­po lavo­ra­va­no per com­pen­sa­re il defi­cit di rap­pre­sen­tan­za nel board del­la BCE.

I dub­bi sul nome di de Guin­dos sono sta­ti for­ti fin dal­l’i­ni­zio. Per la pri­ma vol­ta, la secon­da pol­tro­na del­la BCE andrà a un mini­stro di uno Sta­to mem­bro. Anche Dra­ghi ha lascia­to inten­de­re le sue per­ples­si­tà ver­so un mini­stro del­l’Eu­ro­grup­po che appro­da in un’I­sti­tu­zio­ne teo­ri­ca­men­te indi­pen­den­te dal pote­re poli­ti­co. Per alcu­ni è per­si­no abba­stan­za impre­sen­ta­bi­le. Infat­ti, lo scet­ti­ci­smo che lo accom­pa­gna non riguar­da solo il ruo­lo per il qua­le, per stes­sa ammis­sio­ne di chi l’ha pro­po­sto, non è qua­li­fi­ca­to dal pun­to di vista tec­ni­co a rico­pri­re (non è un ban­chie­re cen­tra­le ma un sem­pli­ce­men­te un ban­chie­re), ma il fat­to che sia la stes­sa per­so­na ad aver gesti­to la “boni­fi­ca” del disa­stra­to siste­ma ban­ca­rio spa­gno­lo, gra­zie ai 41 miliar­di di euro di fon­di ESM. La stes­sa per­so­na ad aver rico­per­to il ruo­lo di CEO per Leh­mann Bro­thers nel­l’a­rea Spa­gna e Por­to­gal­lo duran­te gli anni 2006–2008. Can­didato è una paro­la gros­sa, nel suo caso.

De Guin­dos ha in real­tà una lun­ga per­cor­ren­za nei cor­ri­doi del­la poli­ti­ca spa­gno­la e del­la finan­za euro­pea. Dopo le ele­zio­ni del 1996, vie­ne nomi­na­to da Rodri­go Rato, l’ex mini­stro del­l’E­co­no­mia (poi impli­ca­to nel Caso Ban­kia e coin­vol­to diret­ta­men­te nel caso dei ‘Pana­ma papers’), Diret­to­re gene­ra­le di poli­ti­ca eco­no­mi­ca. Nel 2000 Rato lo pro­muo­ve Segre­ta­rio Gene­ra­le di poli­ti­ca eco­no­mi­ca. Di lì a poco de Guin­dos diven­ta Segre­ta­rio eco­no­mi­co di Sta­to del gover­no Aznar.

Nel 2006, in bar­ba alla Leg­ge di Incom­pa­ti­bi­li­tà spa­gno­la, entra nel­la com­mis­sio­ne ese­cu­ti­va del­la ban­ca d’in­ve­sti­men­to sta­tu­ni­ten­se Leh­man Bro­thers, come Ceo per Spa­gna e Por­to­gal­lo. Luis de Guin­dos abban­do­ne­rà la bar­ca poco pri­ma del fal­li­men­to per appro­da­re in Pri­ce Wate­rhou­se, all’I­sti­tu­to Empre­sa (dal 2010) e nei con­si­gli d’am­mi­ni­stra­zio­ne Ende­sa, in Une­di­sa e nel­la ban­ca BMN. Nel 2011 arri­va la chia­ma­ta di Rajoy, giu­ra da Mini­stro dell’Economia.

Il Finan­cial Times lo eleg­ge nel 2012 come peg­gior mini­stro euro­peo del­l’E­co­no­mia.

Embla­ma­ti­co il ten­ta­ti­vo (non riu­sci­to) di nomi­na­re l’ex mini­stro Soria alla Ban­ca Mon­dia­le e le inter­cet­ta­zio­ni nel­le qua­li de Guin­dos è piz­zi­ca­to men­tre for­ni­sce infor­ma­zio­ni riser­va­te al suo gran­de ami­co, ed ex segre­ta­rio del PP di Madrid, Fran­ci­sco Gra­na­dos, poi arre­sta­to nel 2014 nel­l’am­bi­to del­l’O­pe­ra­zio­ne Pùni­ca, vol­ta a sgo­mi­na­re una fit­ta rete di cor­ru­zio­ne nel­l’af­fi­da­men­to di lavo­ri pub­bli­ci nel­la Capitale.

Sareb­be que­sto il ‘poli­ti­co’, appog­gia­to anche dal­l’I­ta­lia, che sarà argi­ne alle poli­ti­che di auste­ri­tà nel­la BCE a gui­da tede­sca?  Il favo­ri­to alla suc­ces­sio­ne di Dra­ghi è il tede­sco Weid­mann. Le eco­no­mie del sud Euro­pa temo­no che il suo arri­vo signi­fi­chi il ritor­no del­l’i­deo­lo­gia del­l’au­ste­ri­tà e del­la col­pa asso­cia­ta al debi­to pubblico.

Il Par­la­men­to Euro­peo ha avu­to da ridi­re sul­la desi­gna­zio­ne di de Guin­dos, giu­di­can­do­la un rischio per l’in­di­pen­den­za del­la BCE. Cir­co­la­no sospet­ti anche per i suoi rap­por­ti con diver­si poli­ti­ci inda­ga­ti. In caso di nomi­na di de Guin­dos, nel PE atten­do­no un gesto ripa­ra­to­re, vol­to alme­no a rie­qui­li­bra­re i gene­ri all’in­ter­no del board, dove l’u­ni­ca don­na è Sabi­ne Lau­ten­schlä­ger. Va da sé che la ripa­ra­zio­ne dovreb­be esse­re un’al­tra.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.