Le 52 giornate di Milano

Beppe Sala dice che farebbe anche il senatore, ma non più di un giorno a settimana. E lo farebbe per portare a Roma le istanze di Milano. E tutti gli altri cittadini lombardi non valgono nulla?

Bep­pe Sala (che vote­rà Sì), in un’in­ter­vi­sta video rila­scia­ta un paio di gior­ni fa, in un minu­to e mez­zo elen­ca le ragio­ni per le qua­li biso­gna vota­re No al refe­ren­dum costi­tu­zio­na­le, e lo fa par­ten­do dal­la com­po­si­zio­ne del nuo­vo (si spe­ra di No) Senato.

Il nuo­vo (si spe­ra di No) Sena­to, infat­ti, sarà com­po­sto, oltre che da 74 con­si­glie­ri regio­na­li elet­ti dai Con­si­gli regio­na­li, anche da 21 sin­da­ci, uno per Regio­ne e uno per la pro­vin­cia auto­no­ma di Tren­to e uno per quel­la di Bol­za­no (ma non dove­va­mo eli­mi­nar­le, le pro­vin­ce?). Anche i sin­da­ci saran­no elet­ti dai con­si­glie­ri regionali.

La pri­ma doman­da è: per­ché i con­si­gli regio­na­li devo­no eleg­ge­re a sena­to­re un sin­da­co? Per­ché non sono i comu­ni a sce­glier­si il sin­da­co che li rap­pre­sen­te­rà? La rispo­sta non la sap­pia­mo, ma pos­sia­mo intui­re le distor­sio­ni cau­sa­te da un simi­le meto­do di scel­ta: a) anche il sin­da­co rien­tre­rà nel mer­can­teg­gia­men­to par­ti­ti­co tra grup­pi con­si­lia­ri e b) il sin­da­co non avrà un man­da­to rap­pre­sen­ta­ti­vo dei comuni. 

Lo spie­ga benis­si­mo Bep­pe Sala, appun­to, il qua­le dice che fareb­be volen­tie­ri par­te del nuo­vo Sena­to per­ché «sareb­be un altro modo per por­ta­re il con­tri­bu­to di Mila­no, […] la tro­ve­rei una cosa giu­sta per poter rap­pre­sen­ta­re a Roma le nostre istan­ze». Caro Bep­pe, cari sin­da­ci che com­por­re­te il nuo­vo (si spe­ra di No) Sena­to: stan­do alla let­tu­ra del­la rifor­ma non si capi­sce cosa rap­pre­sen­te­re­te a Roma, ma sia­mo sicu­ri che avre­te un occhio di par­ti­co­la­re riguar­do per la vostra cit­tà. E allo­ra mi chie­do, da vare­si­no: per qua­le moti­vo dovrei sen­tir­mi rap­pre­sen­ta­to a Roma dal sin­da­co di Mila­no? Non è che il sin­da­co di Mila­no avrà inte­res­se a far rica­de­re ester­na­men­te al pro­prio ter­ri­to­rio, maga­ri dal­le mie par­ti, cose non esat­ta­men­te gra­de­vo­li? Pen­sia­mo sola­men­te al rap­por­to che esi­ste tra l’ae­ro­por­to mila­ne­se di Lina­te e l’ae­ro­por­to mila­ne­se, ma su ter­ri­to­rio vare­si­no, di Mal­pen­sa, e quel­lo (un po’ meno mila­ne­se), ma su ter­ri­to­rio ber­ga­ma­sco, di Orio al Serio: qua­li inte­res­si difen­de­rà il sin­da­co di Milano?

Sala pro­se­gue dichia­ran­do che il sin­da­co di Mila­no potreb­be pas­sa­re «mas­si­mo un gior­no a set­ti­ma­na a Roma» e che quin­di «dice di Sì, ma dopo aver capi­to cosa vuol dire l’im­pe­gno, però pen­so che un gior­no a set­ti­ma­na si pos­sa fare, di più diven­ta un po’ dif­fi­ci­le». Lo spie­ghia­mo un po’ noi, a Bep­pe Sala, cosa farà il nuo­vo (si spe­ra di No) Sena­to. Il Sena­to man­tie­ne pie­na fun­zio­ne legi­sla­ti­va «per le leg­gi di revi­sio­ne del­la Costi­tu­zio­ne e le altre leg­gi costi­tu­zio­na­li, […]per le leg­gi di attua­zio­ne del­le dispo­si­zio­ni costi­tu­zio­na­li con­cer­nen­ti la tute­la del­le mino­ran­ze lin­gui­sti­che, i refe­ren­dum popo­la­ri, […] per le leg­gi che deter­mi­na­no l’or­di­na­men­to, la legi­sla­zio­ne elet­to­ra­le, gli orga­ni di gover­no, le fun­zio­ni fon­da­men­ta­li dei Comu­ni e del­le Cit­tà metro­po­li­ta­ne e le dispo­si­zio­ni di prin­ci­pio sul­le for­me asso­cia­ti­ve dei Comu­ni». E’ suf­fi­cien­te? No, per­ché il Sena­to dovreb­be anche sta­bi­li­re «le nor­me gene­ra­li, le for­me e i ter­mi­ni del­la par­te­ci­pa­zio­ne del­l’I­ta­lia alla for­ma­zio­ne e all’at­tua­zio­ne del­la nor­ma­ti­va e del­le poli­ti­che del­l’U­nio­ne europea».

Tut­to qui? No, per­ché comun­que «ogni dise­gno di leg­ge appro­va­to dal­la Came­ra dei depu­ta­ti è imme­dia­ta­men­te tra­smes­so al Sena­to del­la Repub­bli­ca che, entro die­ci gior­ni, su richie­sta di un ter­zo dei suoi com­po­nen­ti [una mino­ran­za che voles­se fare ostru­zio­ne quan­to ricor­re­rà a que­sta pos­si­bi­li­tà? Tan­tis­si­mo.], può dispor­re di esa­mi­nar­lo. Nei tren­ta gior­ni suc­ces­si­vi il Sena­to del­la Repub­bli­ca può deli­be­ra­re pro­po­ste di modi­fi­ca­zio­ne del testo, sul­le qua­li la Came­ra dei depu­ta­ti si pro­nun­cia in via defi­ni­ti­va». Il Sena­to dovrà poi neces­sa­ria­men­te esa­mi­na­re le leg­gi che fan­no vale­re la clau­so­la di supre­ma­zia (secon­do la qua­le il gover­no si sosti­tui­sce alle regio­ni su mate­rie di com­pe­ten­za di que­ste) entro die­ci gior­ni dal­la tra­smis­sio­ne, e le leg­gi ine­ren­ti al Bilan­cio entro quin­di­ci gior­ni dal­la trasmissione.

Il Sena­to inol­tre può «richie­de­re alla Came­ra dei depu­ta­ti di pro­ce­de­re all’e­sa­me di un dise­gno di leg­ge» e «dispor­re inchie­ste su mate­rie di pub­bli­co inte­res­se con­cer­nen­ti le auto­no­mie ter­ri­to­ria­li». Il Sena­to par­te­ci­pa all’e­le­zio­ne del Pre­si­den­te del­la Repub­bli­ca e dei giu­di­ci del­la Cor­te Costi­tu­zio­na­le (pro­ce­di­men­ti che si esau­ri­sco­no in un gior­no alla set­ti­ma­na, come no…).

Sala non capi­sce se si pos­sa fare bene il Sena­to­re e il sin­da­co di Mila­no. Glie­lo dicia­mo noi: no, a meno che — gra­zie alla clau­so­la di supre­ma­zia — non si deci­da di por­ta­re l’al­ta velo­ci­tà diret­ta­men­te a Palaz­zo Marino.

E cosa fareb­be Sala se l’im­pe­gno richie­sto fos­se supe­rio­re a un gior­no a set­ti­ma­na? «No, no, no… Io sono il sin­da­co di Mila­no e quin­di in pri­mis devo fare il sin­da­co di Mila­no… Se fos­se una cosa… Allo­ra a quel pun­to lì non potrei far­lo… Ovvia­men­te non ho nes­sun dub­bio: pri­vi­le­gio Mila­no sopra ogni altra cosa».

Ecco, appun­to.

Ulti­ma nota di colo­re. Da più par­ti ci dico­no che gra­zie alla rifor­ma aggan­ce­re­mo gli emo­lu­men­ti dei con­si­glie­ri regio­na­li a quel­li dei sin­da­ci, e infat­ti si dice che que­sti saran­no ripor­ta­ti «nel limi­te del­l’im­por­to di quel­li attri­bui­ti ai sin­da­ci dei Comu­ni capo­luo­go di Regio­ne». Pec­ca­to che l’in­den­ni­tà di cari­ca di un Con­si­glie­re regio­na­le lom­bar­do sia pari a 75.924 euro lor­di annui (cui si aggiun­go­no cir­ca 50mila euro di rim­bor­si ed even­tua­li inden­ni­tà lega­te alle fun­zio­ni), e quel­la del sin­da­co di Mila­no a cir­ca 9mila euro lor­di al mese, che mol­ti­pli­ca­to per 12 fa 108mila euro.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.