La vera lotta all’evasione, che ancora non c’è

A Cesa­re quel che è di Cesa­re? For­nen­do dati sba­glia­ti si tra­di­sce sin dal­l’i­ni­zio lo spi­ri­to del con­ve­gno, si sareb­be det­to a mar­gi­ne del­l’i­ni­zia­ti­va orga­niz­za­ta dal­l’U­ni­ver­si­tà Euro­pea di Roma sul­la fisca­li­tà eti­ca, l’im­po­si­zio­ne tri­bu­ta­ria e i rea­ti eco­no­mi­ci, non appe­na con­clu­so l’in­ter­ven­to del­la sot­to­se­gre­ta­ria Maria Ele­na Boschi. Secon­do l’e­spo­nen­te del gover­no, i risul­ta­ti del­la lot­ta all’e­va­sio­ne fisca­le “que­st’an­no” fareb­be­ro toc­ca­re la cifra record di 23 miliar­di di euro.

Con tut­to l’im­pe­gno del caso, non potrem­mo veri­fi­ca­re que­sta cifra nean­che scar­ta­bel­lan­do l’in­te­ra base dati del Mini­ste­ro del­l’E­co­no­mia e Finan­za. I risul­ta­ti noti, pub­bli­ci, si fer­ma­no infat­ti alle anti­ci­pa­zio­ni divul­ga­te a Giu­gno da Padoan in una con­fe­ren­za stam­pa. E riguar­da­va­no il 2016, non il 2017. Per l’uf­fi­cia­li­tà, occor­re fra l’al­tro aspet­ta­re l’e­mis­sio­ne del­la Nota di Aggior­na­men­to del DEF, ver­so fine Settembre.

Le paro­le di Boschi appa­io­no quin­di un po’ fuo­ri fuo­co. In defi­ni­ti­va, i miliar­di rac­col­ti dal­la riscos­sio­ne era­no 14,9 nel 2015 e 19 nel 2016.

Per cor­ret­tez­za di ana­li­si, dovrem­mo però distin­gue­re i pro­ven­ti dal­l’at­ti­vi­tà di con­trol­lo in sen­so stret­to da quel­li deri­van­ti da liqui­da­zio­ne e dai ver­sa­men­ti volon­ta­ri. Nel 2015 era­no 7,7, nel 2016 10,5. Tut­ta­via, nel com­pu­to sono sta­ti con­teg­gia­ti anche i flus­si pro­ve­nien­ti dal­la volun­ta­ry disclo­su­re, pari a 0,2 miliar­di nel 2015 e ben 4,1 nel 2016.

In pra­ti­ca, i risul­ta­ti del­la vera e pro­pria atti­vi­tà di con­trol­lo sono pas­sa­ti da 7,5 mld nel 2015 a 6,4 nel 2016: un bel ton­fo, ‑15%.

Una spie­ga­zio­ne ce la dà la Cor­te dei Con­ti la qua­le, nel­la Rela­zio­ne sul ren­di­con­to gene­ra­le del­lo Sta­to (anno 2016), comu­ni­ca­ta alle Pre­si­den­ze di Came­ra e Sena­to lo scor­so 27 giu­gno 2017, rile­va come il «gran­de poten­zia­le infor­ma­ti­vo dell’Anagrafe dei Rap­por­ti Finan­zia­ri, [data­ba­se ove con­flui­sco­no tut­te le infor­ma­zio­ni sul­le movi­men­ta­zio­ni finan­zia­rie rea­liz­za­te] risul­ta solo mar­gi­nal­men­te uti­liz­za­to»; del resto però, «la note­vo­le ridu­zio­ne dell’attività di accer­ta­men­to ordi­na­ria non è da met­te­re in rela­zio­ne sol­tan­to all’impegno straor­di­na­rio deri­van­te dal­la gestio­ne del­le istan­ze di col­la­bo­ra­zio­ne volon­ta­ria, che come già rile­va­to, ha coin­vol­to in misu­ra cer­ta­men­te rile­van­te […] il per­so­na­le già addet­to all’attività di con­trol­lo, ma va cor­re­la­ta anche alla dimi­nu­zio­ne del­le risor­se uma­ne a dispo­si­zio­ne».

Quin­di, rica­pi­to­lan­do: i miglio­ri risul­ta­ti com­ples­si­vi del­la riscos­sio­ne sono dovu­ti in buo­na par­te alla volun­ta­ry disclo­su­re che nel 2016 ha gene­ra­to un ulte­rio­re flus­so di cas­sa per 4,1 miliar­di di euro; d’al­tro can­to, si regi­stra il ton­fo del­l’at­ti­vi­tà ordi­na­ria di con­trol­lo, che vede scen­de­re la rac­col­ta del 15% in un anno. Allo sfor­zo orga­niz­za­ti­vo dovu­to alla volu­ta­ry disclo­su­re, si som­ma lo scar­so impie­go del­l’A­na­gra­fe tri­bu­ta­ria e una ende­mi­ca scar­si­tà di personale.

Se que­ste sono le cau­se radi­ce, per­ché non ven­go­no risol­te? Ser­ve per­so­na­le e ser­ve saper far uso dei data­ba­se. Al con­ve­gno sul­la fisca­li­tà è sta­to detto?

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.