La “Saga” di Terre Resistenti è giunta alla sua Quarta Stagione

Terre Resistenti è un’azione politica. Di sostegno, di denuncia, di costruzione di un Paese migliore. Giusto, solidale, antifascista, inclusivo. Per prenotare il proprio pacco è sufficiente scrivere all’indirizzo [email protected] e vi arriveranno tutte le indicazioni. Le ordinazioni si aprono ORA e si chiuderanno inderogabilmente il 21 novembre.

Abbia­mo ini­zia­to con l’idea di soste­ne­re i pro­dut­to­ri col­pi­ti dal sisma del 2016, con­ti­nuia­mo con la con­sa­pe­vo­lez­za che quei ter­ri­to­ri non devo­no esse­re abban­do­na­ti per­ché rap­pre­sen­ta­no un pre­si­dio di qua­li­tà e un luo­go che pre­ser­va valo­ri e tipi­ci­tà che fan­no par­te del­la nostra cul­tu­ra migliore.

Pan­de­mia e Ter­re­mo­to han­no rap­pre­sen­ta­to una com­bi­na­zio­ne fero­ce, l’emergenza cli­ma­ti­ca non ha rispar­mia­to nean­che que­sti ter­ri­to­ri. Diver­si pro­dut­to­ri, infat­ti, sono anda­ti in cri­si di approv­vi­gio­na­men­ti a cau­sa di una scar­si­tà di risor­se idri­che e ad altri pro­ble­mi lega­ti al cli­ma. A mag­gior ragio­ne quin­di, l’occasione del­le festi­vi­tà deve diven­ta­re un modo per far sen­ti­re a que­ste zone d’Italia che la soli­da­rie­tà, come reci­ta l’art.2 del­la nostra Costi­tu­zio­ne, è un dove­re inde­ro­ga­bi­le del­la Repub­bli­ca. Anche quest’anno non riu­sci­re­mo a sod­di­sfa­re tut­te le richie­ste, le nostre for­ze sono limi­ta­te ed il tem­po a dispo­si­zio­ne non è mol­to. Cer­che­re­mo di rispon­de­re al mag­gior nume­ro di ordi­ni pos­si­bi­li; in ogni caso i pro­dut­to­ri sono a vostra dispo­si­zio­ne, se li vor­re­te con­tat­ta­re diret­ta­men­te, per ogni esi­gen­za par­ti­co­la­re al di fuo­ri dell’iniziativa.

Per pre­no­ta­re il pro­prio pac­co è suf­fi­cien­te scri­ve­re all’indirizzo [email protected] e vi arri­ve­ran­no tut­te le indicazioni. 

Le ordi­na­zio­ni si apro­no ORA e si chiu­de­ran­no inde­ro­ga­bil­men­te il 21 novem­bre. Abbia­mo deci­so di con­fer­ma­re due tipo­lo­gie di pac­co come lo scor­so anno, un pac­co VEGETARIANO ed un pac­co ONNIVORO. 

Si chia­me­ran­no FUTURA e CARRÀ.

“Futu­ra”, indi­men­ti­ca­to pez­zo di Lucio Dal­la che par­la di spe­ran­za, di pro­get­ti, di futu­ro, è un augu­rio per que­sta nostra mar­to­ria­ta civil­tà. “Car­rà” è un omag­gio ad un’ar­ti­sta che ha fat­to del­la moder­ni­tà e del­la inclu­sio­ne la cifra di tut­ta la sua carriera.

Ter­re Resi­sten­ti è un’azione poli­ti­ca. Di soste­gno, di denun­cia, di costru­zio­ne di un Pae­se miglio­re. Giu­sto, soli­da­le, anti­fa­sci­sta, inclu­si­vo. Gra­zie a chi anche in que­sto anno di fati­co­sa ripre­sa deci­de­rà di esse­re al nostro fianco.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.