Fermiamo l’autonomia differenziata

Ripor­tia­mo l’in­ter­ven­to di Eula­lia Gril­lo, refe­ren­te nazio­na­le Scuo­la di Pos­si­bi­le, all’as­sem­blea orga­niz­za­ta dal Comi­ta­to con­tro ogni autonomia.

Segna­lia­mo inol­tre due peti­zio­ni per chie­de­re il riti­ro dei pro­get­ti di auto­no­mia dif­fe­ren­zia­ta di Emi­lia-Roma­gna e Lom­bar­dia.

Buon­gior­no a tut­te e a tut­ti e gra­zie al Comi­ta­to con­tro ogni auto­no­mia dif­fe­ren­zia­ta per aver crea­to anco­ra una vol­ta un’occasione di dibat­ti­to su un tema che anche a Pos­si­bi­le sta a cuo­re fin dall’inizio.

Nel­la not­te tra il 29 e il 30 è com­par­sa nei decre­ti leg­ge col­le­ga­ti alla Leg­ge di Bilan­cio, l’in­ten­zio­ne del gover­no di rilan­cia­re il per­cor­so dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta su 23 mate­rie, tra cui scuo­la e sani­tà, con l’emergenza pan­de­mi­ca anco­ra in atto e sen­za nes­sun pre­av­vi­so né alcun con­fron­to in Par­la­men­to e nem­me­no con la socie­tà civile.

Con Pos­si­bi­le riba­dia­mo la nostra fer­ma con­tra­rie­tà a que­sto percorso.

È più che mai auspi­ca­bi­le che cer­ti beni sia­no o diven­ti­no patri­mo­nio comu­ne –sap­pia­mo che non sem­pre lo sono- per due moti­vi fon­da­men­ta­li: il pri­mo, per­ché rap­pre­sen­ta­no un poten­zia­le vola­no eco­no­mi­co per lo Sta­to; il secon­do per rispet­ta­re il prin­ci­pio di ugua­glian­za di tut­ti i cit­ta­di­ni, san­ci­to dall’Articolo 3 del­la Costi­tu­zio­ne italiana.

In par­ti­co­la­re, per valu­ta­re le con­se­guen­ze che l’autonomia dif­fe­ren­zia­ta pro­dur­reb­be sul­la scuo­la, è neces­sa­rio par­ti­re dal­la con­si­de­ra­zio­ne che lo sta­to di salu­te del­la nostra scuo­la è già oggi estre­ma­men­te pre­ca­rio, gra­zie a vent’anni di rifor­me sba­glia­te, il cui comu­ne deno­mi­na­to­re è sta­to rispar­mia­re, taglia­re i fon­di

Per con­ti­nua­re a pro­por­re un’offerta for­ma­ti­va di qua­li­tà, le scuo­le in que­sti anni han­no con­tra­sta­to i tagli di risor­se essen­zial­men­te in due modi: chie­den­do un con­tri­bu­to volon­ta­rio alle fami­glie per finan­zia­re pro­get­ti, cor­si di alfa­be­tiz­za­zio­ne e di recu­pe­ro, cor­si di secon­da lin­gua stra­nie­ra, labo­ra­to­ri negli isti­tu­ti tec­ni­ci, pre­pa­ra­zio­ne per l’accesso ai cor­si uni­ver­si­ta­ri; accet­tan­do spon­so­riz­za­zio­ni di azien­de ed enti che, in cam­bio, si sono sen­ti­ti auto­riz­za­ti a inter­fe­ri­re nell’offerta for­ma­ti­va e nel­le pro­gram­ma­zio­ni disciplinari.

Già ades­so, quin­di, le scuo­le del­le regio­ni più ric­che offro­no agli stu­den­ti mag­gio­ri pos­si­bi­li­tà rispet­to a quel­le più pove­re. Sono già ben pre­sen­ti, infat­ti, for­ti dise­gua­glian­ze tra scuo­le del cen­tro cit­tà e del­la peri­fe­ria, o tra quel­le del Nord- dove ci sono impre­se dispo­ste a inve­sti­re nel­le atti­vi­tà sco­la­sti­che e quel­le del Sud.

Con l’applicazione dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta que­sti diva­ri potreb­be­ro solo allar­gar­si a dismisura.

Infi­ne, il siste­ma sco­la­sti­co nazio­na­le ha già al suo inter­no quat­tro regio­ni a sta­tu­to spe­cia­le e due pro­vin­ce auto­no­me; la gestio­ne regio­na­le del­la chiu­su­ra del­le scuo­le duran­te la pan­de­mia ha for­ni­to pro­ve lam­pan­ti di come l’autonomia dif­fe­ren­zia­ta non fareb­be che accre­sce­re le disu­gua­glian­ze già pre­sen­ti sui territori. 

Pen­sa­re di regio­na­liz­za­re la scuo­la quan­do è asso­da­to che le sfi­de del­la cono­scen­za diven­ta­no sem­pre più inter­na­zio­na­li è un’idea in net­to con­tra­sto con l’esigenza di allar­ga­re con­fi­ni e armo­niz­za­re tra­di­zio­ni e valo­ri diver­si. La scuo­la deve rifug­gi­re da cri­te­ri di par­te e rima­ne­re una fun­zio­ne sta­ta­le che garan­ti­sca i dirit­ti fon­da­men­ta­li dell’intera cittadinanza.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.