E se fosse Draghi (e gli altri) ad ascoltare “i giovani”?

Se fossero le nuove generazioni a chiedere una vera presa di coscienza - non “un pizzico di incoscienza” - rispetto a tutte le lotte e le battaglie che i giovani che portano avanti da anni? Se, ad esempio, chi è al governo prendesse sul serio le richieste di giustizia climatica, giustizia sociale e diritti di cui le nuove generazioni si fanno portatrici da anni?  In fondo, le richieste sono sempre le stesse proprio perché, governo dopo governo, nessuno se n’è mai occupato davvero.

Ha ragio­ne il Pre­si­den­te del Con­si­glio Dra­ghi a dire, come ha fat­to pochi gior­ni fa in visi­ta all’all’Its Cuc­co­vil­lo di Bari, che per trop­pi anni “l’I­ta­lia si è dimen­ti­ca­ta del­le sue ragaz­ze e dei suoi ragaz­zi”. Non potrem­mo esse­re più d’accordo.

Il pro­ble­ma è che ammet­ter­lo è solo un pri­mo pas­so neces­sa­rio, ma non suf­fi­cien­te, per inver­ti­re la rot­ta. Le cose si cam­bia­no cam­bian­do­le e, in que­sto caso, pro­prio per­ché nel nostro pae­se l’istruzione e il futu­ro del­le nuo­ve gene­ra­zio­ni sono sta­ti trop­po spes­so tra­scu­ra­ti, occor­re­reb­be fare mol­to di più per ribal­ta­re le consuetudini.

La reto­ri­ca, sem­pre la stes­sa, “a voi gio­va­ni il com­pi­to di tra­sfor­ma­re l’Italia, con pas­sio­ne, deter­mi­na­zio­ne e — per­chè no — un piz­zi­co di inco­scien­za” dovreb­be esse­re sosti­tui­ta da pro­po­ste con­cre­te, che pren­da­no in con­si­de­ra­zio­ne dav­ve­ro il pun­to di vista e i biso­gni del­le nuo­ve generazioni. 

Sgom­bria­mo subi­to il cam­po da un equi­vo­co di fon­do: i gio­va­ni sono ben “coscien­ti” dell’incoscienza che ci vuo­le per pro­get­ta­re il pro­prio futu­ro in Ita­lia, sen­za rinun­cia­re alle ambi­zio­ni e pro­van­do a tene­re insie­me stu­dio, lavo­ro, tem­po libe­ro e sfe­ra pri­va­ta. Chie­de­re più inco­scien­za di quel­la che vie­ne mes­sa in con­to di default per non affo­ga­re nel mare magnum di disa­gi, man­ca­te oppor­tu­ni­tà, sfrut­ta­men­to e sala­ri da fame non solo suo­na pater­na­li­sti­co, ma anche irragionevole.

Fac­cia­mo noi una pro­po­sta: inver­tia­mo il racconto.

Se fos­se­ro le nuo­ve gene­ra­zio­ni a chie­de­re una vera pre­sa di coscien­za — non “un piz­zi­co di inco­scien­za” — rispet­to a tut­te le lot­te e le bat­ta­glie che i gio­va­ni che por­ta­no avan­ti da anni?

Se, ad esem­pio, chi è al gover­no pren­des­se sul serio le richie­ste di giu­sti­zia cli­ma­ti­ca, giu­sti­zia socia­le e dirit­ti di cui le nuo­ve gene­ra­zio­ni si fan­no por­ta­tri­ci da anni? 

In fon­do, le richie­ste sono sem­pre le stes­se pro­prio per­ché, gover­no dopo gover­no, nes­su­no se n’è mai occu­pa­to dav­ve­ro. Ciò che è cam­bia­to è l’urgenza: non c’è più tem­po, occor­re agi­re ora, non basta­no più i buo­ni auspici.

Tor­nan­do all’istruzione, ad esem­pio, vie­ne da chie­der­si come mai il gover­no abbia anco­ra una vol­ta tra­scu­ra­to l’università e la ricer­ca nel­la ripar­ti­zio­ne dei fon­di del PNRR. Per­ché non ci si impe­gna fino in fon­do a ren­de­re acces­si­bi­le il patri­mo­nio cul­tu­ra­le offer­to dai nostri atenei?

Sia­mo cer­ti che Pre­si­den­te Dra­ghi e i suoi mini­stri cono­sca­no il Pia­no Amal­di, dal momen­to che lo han­no scar­ta­to eli­mi­nan­do­lo dal PNRR. Il Pia­no era sta­to pro­po­sto dal fisi­co Ugo Amal­di e soste­nu­to da una rete di acca­de­mi­ci e mira­va a ripor­ta­re l’Italia in pari con gli altri pae­si euro­pei in rela­zio­ne agli inve­sti­men­ti pub­bli­ci nel­la ricer­ca di base. Eppu­re, anche di fron­te a quest’occasione straor­di­na­ria offer­ta­ci dai fon­di euro­pei, si è scel­to di ridi­men­sio­na­re la spe­sa in ricer­ca (leg­ga­si futu­ro), negan­do nuo­vo ossi­ge­no pro­prio alle nuo­ve generazioni.

Gli slo­gan non basta­no, occor­re dare dav­ve­ro voce e stru­men­ti alla “next gene­ra­tion”, con la con­sa­pe­vo­lez­za che, affin­ché i gio­va­ni sia­mo pro­ta­go­ni­sti, la poli­ti­ca deve esse­re aper­ta e acces­si­bi­le e che, sen­za la garan­zia di dirit­ti e digni­tà, nes­su­na per­so­na, gio­va­ne o meno gio­va­ne, potrà per­met­ter­si l’incoscienza, la pas­sio­ne e la deter­mi­na­zio­ne idea­le per pro­get­ta­re il pae­se del futu­ro che Dra­ghi chie­de ai giovani.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.