Il ddl concorrenza e i suoi decreti non devono eliminare i controlli a sorpresa sul lavoro

Si auspica che il DDL concorrenza, nella fase di conversione, elimini ogni riferimento all’abolizione dei controlli a sorpresa e contenga invece misure efficaci che contrastino l’evasione e il lavoro irregolare e che tutelino la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro, a partire da un piano di immediata assunzione di almeno 10.000 ispettori del lavoro, dell’Inps, dell’Inail e di tecnici della prevenzione.

Oltre 3 mor­ti sul lavo­ro al gior­no, un valo­re di eco­no­mia non osser­va­ta pari a 202,9 miliar­di di euro (l’11,3% del PIL), 3 milio­ni e 586 mila lavo­ra­to­ri irre­go­la­ri nel 2019, il 70% del­le impre­se ispe­zio­na­te da Ispet­to­ra­to del Lavo­ro, Inps e Inail irre­go­la­ri, i sala­ri medi cala­ti del 2,9% negli ulti­mi 30 anni, l’11,8% di lavo­ra­to­ri sot­to il livel­lo di povertà.

La ricet­ta del gover­no? «Pri­ma di ogni con­trol­lo ci sarà una tele­fo­na­ta per pro­gram­mar­lo, spe­ci­fi­car­ne la natu­ra, indi­vi­duar­ne i con­te­nu­ti e i docu­men­ti neces­sa­ri, i gior­ni in cui arri­ve­rà, le risor­se uma­ne di cui avrà biso­gno». Basta con le veri­fi­che ina­spet­ta­te, insom­ma. E, mi rac­co­man­do, che gli ispet­to­ri tele­fo­ni­no con lar­go anti­ci­po! Sia mai che tro­vi­no lavo­ra­to­ri in nero, accer­ti­no vio­la­zio­ni sul­la sicu­rez­za, indi­vi­dui­no la con­ta­bi­li­tà nasco­sta o qual­che irre­go­la­ri­tà che non si è fat­to in tem­po a sistemare.

Sem­bra­va uno scher­zo, una dichia­ra­zio­ne un po’ fuo­ri misu­ra. E inve­ce, effet­ti­va­men­te, l’art. 24 del dise­gno di leg­ge sul­la con­cor­ren­za, al fine di “assi­cu­ra­re la sem­pli­fi­ca­zio­ne degli adem­pi­men­ti e del­le atti­vi­tà di con­trol­lo, con­sen­ten­do l’efficace tute­la degli inte­res­si pub­bli­ci” (ma dav­ve­ro?), “non­ché di favo­ri­re la ripre­sa e il rilan­cio del­le atti­vi­tà eco­no­mi­che” (ad ogni costo?), dele­ga il Gover­no ad adot­ta­re uno o più decre­ti legi­sla­ti­vi, vol­ti a sem­pli­fi­ca­re, ren­de­re più effi­ca­ci ed effi­cien­ti e coor­di­na­re i con­trol­li sul­le atti­vi­tà economiche.

Il DDL, ad ono­re del vero, si limi­ta ad enun­cia­re gene­ri­ci prin­ci­pi di coor­di­na­men­to e pro­gram­ma­zio­ne, alcu­ni dei qua­li già pre­sen­ti in pre­ce­den­ti dispo­si­zio­ni, e non men­zio­na espres­sa­men­te la tele­fo­na­ta pre­ven­ti­va cita­ta dal mini­stro Bru­net­ta, ma sia­mo sicu­ri che poi i suc­ces­si­vi decre­ti legi­sla­ti­vi non pro­pon­ga­no pro­prio l’abolizione dei con­trol­li a sor­pre­sa in nome del­la semplificazione?

È per­si­no bana­le dover­lo riba­di­re, ma è evi­den­te che sol­tan­to con i con­trol­li a sor­pre­sa (che già gli ispet­to­ri effet­tua­no osser­van­do i prin­ci­pi di rispet­to e col­la­bo­ra­zio­ne, sen­za il biso­gno che lo dica il mini­stro) si pos­so­no accer­ta­re le irre­go­la­ri­tà più odio­se, come il lavo­ro nero e il capo­ra­la­to, o le rimo­zio­ni dei bloc­chi di sicu­rez­za dai mac­chi­na­ri, o i rea­ti ambien­ta­li, o la con­ta­bi­li­tà occul­ta. Chi riter­rà con­ve­nien­te sta­re nel­le rego­le, nel­la con­sa­pe­vo­lez­za che l’eventuale ispe­zio­ne – ammes­so che arri­vi, data la cro­ni­ca man­can­za di ispet­to­ri – sarà pre­ce­du­ta da una tele­fo­na­ta che lascia il tem­po di sana­re tut­te le pro­prie irre­go­la­ri­tà o nascon­de­re le pro­prie maga­gne? Come potrà un lavo­ra­to­re mal­trat­ta­to rac­con­ta­re libe­ra­men­te agli ispet­to­ri la pro­pria con­di­zio­ne di sfrut­ta­men­to, quan­do quel suo dato­re di lavo­ro avrà fat­to in tem­po a minac­ciar­lo o ad impe­dir­gli di recar­si al lavo­ro il gior­no dell’accesso ispettivo?

Ed è per que­sto che, ragio­ne­vol­men­te, le dispo­si­zio­ni ad uso degli ispet­to­ri richia­ma­no la par­ti­co­la­re impor­tan­za che, nel­la fase ini­zia­le dell’accertamento, rive­sto­no il fat­to­re sor­pre­sa e la neces­sa­ria tem­pe­sti­vi­tà con cui alcu­ni adem­pi­men­ti devo­no esse­re effet­tua­ti al fine di garan­ti­re il buon esi­to del­lo stesso.

Si auspi­ca quin­di che il DDL con­cor­ren­za, nel­la fase di con­ver­sio­ne, eli­mi­ni ogni rife­ri­men­to all’abolizione dei con­trol­li a sor­pre­sa e con­ten­ga inve­ce misu­re effi­ca­ci che con­tra­sti­no l’evasione e il lavo­ro irre­go­la­re e che tute­li­no la salu­te e la sicu­rez­za nei luo­ghi di lavo­ro, a par­ti­re da un pia­no di imme­dia­ta assun­zio­ne di alme­no 10.000 ispet­to­ri del lavo­ro, dell’Inps, dell’Inail e di tec­ni­ci del­la pre­ven­zio­ne. “L’efficace tute­la degli inte­res­si pub­bli­ci” si garan­ti­sce con il rispet­to del­la lega­li­tà e non con i con­trol­li pre­an­nun­cia­ti che pre­mia­no sol­tan­to i disonesti.

Fran­co Bianchi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.